La “vendetta” di Danilo: esiste un precedente in serie A

La “vendetta” di Danilo: esiste un precedente in serie A

Il brasiliano ha messo le mani sul collo di Muriel, una reazione simile a quella di Mexes nei confronti di Mauri nel gennaio 2015. In quell’occasione il francese fu sanzionato con 4 giornate di squalifica

Udinese-Muriel? Pace fatta. Ieri sera, infatti, al termine della gara, il colombiano si è presentato nello spogliatoio dell’Udinese per chiedere scusa dell’assurdo comportamento avuto dopo la rete dell’1-1. “Caso risolto”, quindi, per quanto riguarda i suoi ex compagni. Ma ora la società bianconera teme pesanti ripercussioni disciplinari nei confronti di Danilo, espulso dopo aver aggredito platealmente il colombiano con un gesto piuttosto “forte” ovvero mettendogli le mani al collo in segno intimidatorio. Quali saranno le conseguenze?

Tutto dipenderà dal referto dell’arbitro Pinzani – ha dichiarato a MondoUdinese.it il direttore sportivo Nereo Bonato -, in base a ciò che è stato riportato, il giudice sportivo si esprimerà sulla squalifica“. Esiste un precedente in serie A piuttosto recente e simile a quello dello stadio Friuli. A gennaio 2015, infatti, nel corso di Lazio-Milan, il rossonero Philippe Mexes mise le mani sul collo di Stefano Mauri (nel corso di una gara particolarmente accesa) e fu accompagnato negli spogliatoi di forza dai compagni, impegnati a calmarlo. Diciamo subito che in quella circostanza il francese aggredì un po’ tutti e il suo comportamento “folle” fu punito con quattro giornate. Resta il fatto, però, che Danilo è capitano dell’Udinese e questo costituisce un’aggravante in situazioni come questa.

Oltre a Danilo, poi, verrà fermato per una giornata anche Rodrigo De Paul, punito con il cartellino rosso (completamente sbagliato) dopo i primi due minuti della ripresa, mentre Gigi Delneri potrebbe essere punito con un’ammonizione e un’ammenda ed è probabile quindi che domenica sieda regolarmente in panchina.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy