Delneri avverte: “Ci vorranno 95 minuti ad alta intensità”

Delneri avverte: “Ci vorranno 95 minuti ad alta intensità”

Il tecnico bianconero presenta la sfida di domani pomeriggio con il Crotone, in programma alle 15 allo stadio Ezio Scida e annuncia: “In porta giocherà Scuffet”

Comunque vada sarà… una battaglia. Si preannuncia come una gara particolarmente impegnativa quella che attende l’Udinese domani alle 15 allo stadio Ezio Scida contro il Crotone. La formazione di Davide Nicola è stata l’assoluta protagonista delle ultime sei giornate, con ben 14 punti conquistati (gli stessi raccolti nelle precedenti 29 gare). Ecco perchè la formazione di Gigi Delneri dovrà prestare particolare attenzione a un avversario a caccia di vitali punti-salvezza.

Mister, che partita sarà?

La differenza è che ci sarà una squadra che deve salvarsi e una già salva. Troveremo un ambiente molto complicato. Loro cercheranno la continuità nelle speranze. Dobbiamo saper affrontare partite decisive, con il piglio giusto. Mi aspetto una prestazione importante, in linea con quella con l’Atalanta.

Due assenze certe: Angella, infortunato e Hallfredssson, squalificato…

A centrocampo ci sarà un’alternativa ad Hallfredsson, ovviamente. La difesa è già stata composta la scorsa settimana. Bisogna affrontare questa gara per tutti i 95 minuti e non soltanto per venti. Loro hanno sempre giocato in velocità, hanno giocatori interessanti, come una punta che ha siglato 12 gol. Un dato significativo. Stanno dimostrando di giocarsi la salvezza a testa alta.

In porta vedremo Karnezis o Scuffet?

Domani gioca Scuffet. Soluzione in ottica futura? Questo discorso vale per tutti. D’altronde Scuffet ha già 24 presenze in serie A, gioca per merito, non per grazia ricevuta.

Thereau è apparso in crescita E’ d’accordo?

L’ho visto uguale alla scorsa settimana. Quello che mi dispiace è che ogni volta si creano delle problematiche che non ci sono. Martedì ha fatto una parte di allenamento in gruppo. A discapito di ciò che si dice, Cyril ha sempre lavorato con continuità e ha lavorato molto più di altri.

Balic verrà riconfermato?

Non lo so. Kums? Io ho fiducia in tutti i miei giocatori. Vedremo chi scenderà in campo.

Crotone, Sampdoria, Inter: per questioni mentali e ambientali è la sfida di domani quella più complicata?

Sono tutte e tre complicate. Domani affronteremo una squadra che scende in campo con fiducia, una squadra rapida, che attacca bene gli spazi. Ha giocatori importanti in chiave difesa, come Rosi, Mattarella, gli manca solo Stoian per avere un’alternativa. Ma in generale sono in netta crescita, meriterebbero la salvezza per come stanno affrontando la stagione.

Domenica con l’Atalanta Adnan è stato protagonista di una buona gara, evidenziando qualità finora “nascoste”. Punterà ancora su di lui per questo finale?

Sta crescendo come altri ragazzi. Ha dei difetti come tutti, si applica bene, gioca con certa personalità, ha piede buono, buon passo, potrà dare il suo contributo, è chiaro che in chiave offensiva mi aspetto più rispetto che da Felipe. Sa stare bene in campo, è un ragazzo applicato. Ciò che è importante è che sta ottenendo quello che ha prodotto negli allenanementi.

Il caldo può essere un ulteriore “avversario”?

Farà caldo, certo, ci attendono 30 gradi, ma sarà così anche per loro. Sarà una partita che si giocherà anche sul filo della fisicità. Gioca sulle punte, è una squadra che lotta.

Udinese e Crotone sono ultime per possesso palla…

Dico solo Barcellona-Juventus 80-20, ma passa la Juventus. E’ una disamina che nel calcio non dovrebbe nemmeno esserci.

Infine, il Crotone nelle ultime sei giornate ha raccolto punti contro team di ben altro spessore. Merito di…?

Nel corso della stagione hanno cambiato assetto, trovando ora quello più ottimale per loro. Falcinelli ha cominciato a segnare più in là, non all’inizio della stagione, dimostrando di essere un vero goleador. Adesso hanno trovato la formula, la fiducia e la continuità per rimanere in corsa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy