L’Udinese 2016 dalla A alla Z

L’Udinese 2016 dalla A alla Z

L’Udinese da Amoroso fino a Zapata: un excursus tra i protagonisti 2016 in bianconero

Commenta per primo!

A come Amoroso Dopo anni di nuovo in quadra questo nome. Si tratta di Giovanni, figlio d’arte. Gol nel sangue, ma ancora tanta esuberanza giovanile. Chissà se il papà e chi lo ha adottato riuscirà a responsabilizzarlo ulteriormente.

B come Borgobello Tra i friulani che possono emergere segnatevi anche il nome di questo centrocampista. In Primavera offre quantità, lavora in maniera a volte oscura, ma questo friulano merita attenzione.

C come Colantuono Arrivato senza il favore di tutti, pian piano si sta imponendo in maniera silenziosa. Il suo pregio è che sa anche ascoltare. Certo ha un carattere a dir poco esuberante, ma sul campo è uno he lavora tanto. Alla friulana

D come Di Natale La pagina fine del suo romanzo è rimandata. Per fortuna. Un altro anno per raggiungere altri obiettivi. Altafini è sempre là davanti…

E come Edenilson Questo brasiliano sempre col sorriso è uno he sa fare spogliatoio. Timido, riservato, ma se ingrana la marcia giusta va come un treno. Il 2016 può essere l’anno della conferma, noi ci crediamo

F come Friuli Inteso come stadio. Un  gioiello di rara bellezza, un vanto per tutta la Regione e forse anche per l’Italia. In poco meno di un anno è stato messo su, tempi rispettati, nessuna sbavatura. Orgoglio friulano

G come Guilherme Da oggetto misterioso a….A lui la risposta ovviamente. Non può sbagliare, dopo l’infortunio tutti vogliono vedere se la fiducia che il club ha in lui è meritata.

H come Halilovic Giovane non ancora tesserato, ma mamma mia che personalità. L’Udinese lo metterà a contratto a breve: segnatevi questo nome.

K come Khadim Ali Adnan Il primo iracheno nel calcio italiano. Ha una responsabilità non da poco. anche come messaggero di pace e questo è ancora più complicato, ma può farcela. Almeno su un campo.

I come Italiani Sempre meno in squadra. Pasquale, Di Natale, Domizzi, Lodi, il naturalizzato Felipe e i giovani Meret e Pontisso. Si può fare di più.

L come Lodi Il regista che mancava? Per ora ha dato equilibrio alla squadra, alla lunga si vedrà. Comunque sia sta dimostrando che anni fa è stato un errore perderlo.

M come Mattiussi Dieci anni con l’Udinese, ma tutti sperano in altrettanti conditi da successi. Maestro per molti giovani cresciuti sotto la sua ala.

N come Napoli Sempre scintille tra tifosi, in campo però un napoletano da oltre 200 gol che ha legato la sua vita a Udine… Vorrà dire qualcosa?

O come Orestis Karnezis, naturalmente: il migliore da due anni, il grande calcio sembra guardare altrove, bene per l’Udinese.

P come Pinzi. Ancora rimpianto come bandiera oltre che come giocatore. Segnale che in Friuli si bada anche ad avere più giocatori simbolo a cui affezionarsi

Q come quando: dopo 120 anni di storia, la domanda che tutti i tifosi si fanno è « quando arriverà il primo vero trofeo? ». Scudetto a parte, anche quest’anno la Coppa Italia è sfumata. Appuntamento nel 2016, quando con l’anniversario sarà obbligatorio provarci al meglio.

R come ritiro: Nel 2015 per la prima volta in città. Ma portare l’Udinese in giro per la Regione è utile per far sentite ancora più vicini i tifosi che non vivono in città

S come Scuffet Legato a doppio mandato ad altri temibili concorrenti. Una maglia per uno solo di loro. Tornerà dal prestito, ma poi? Intanto è un’altra bandiera friulana da tenere

T come Trasferte: quelle che l’AUC e gli Ultras si sobbarcano da una regione non strategica a livello di posizione. Da encomiare, perché non sono mai venuti meno. Il club potrebbe pensare a un ‹ premio › per loro

U come Udine: piccola, a volte distratta, spesso quasi distaccata, ma sempre affezionata ai suoi colori. Va trascinata, questo è vero, ma perché non provarci a farlo?

V  come Variola Cresciuto nel vivaio del Donatello, udinese DOC, l’anno scorso qualcuno l’ha accostato addirittura al real Madrid. deve crescere anche lui, con calma, in primavera. Ma come Pontisso & C è un altro friulano che può esplodere.

W come Wague Il maliano scampato a un attentato nel suo Paese è la nuova Africa che avanza (assieme a Badu).

Z come Zapata Tutti lo attendono come un messaggero divino. Lui è solo Duvan, ma può fare la differenza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy