Parma-Udinese, lo spareggio del ’73 e la maglia verde

Parma-Udinese, lo spareggio del ’73 e la maglia verde

Oggi vedere seconde o terze maglie colorate è quasi un’abitudine per i tifosi. Ma nel 1973, per lo spareggio di Vicenza per salire in B tra Udinese e Parma, vedere i bianconeri vestiti con una casacca color pisello mise subito sul chi va là le migliaia di tifosi che seguivano la partita sia dallo stadio veneto sia da Udine. Il perché è una curiosità: i friulani furono nell’occasione sono stati  costretti a indossare quella maglia, recuperando in fretta e furia, poco prima della gara, mute che non facevano parte del proprio guardaroba ufficiale.

L’Udinese dovette rinunciare al suo tradizionale bianconero a strisce verticali in sede di sorteggio, perché si sarebbe confuso con i colori del Parma bianconero Crociato, ma la maglia di riserva che si erano portati da Udine, biancorossa identica a quella utilizzata dall’Ajax,  non fu accettata dalla Federazione. Il motivo ? Si pensava che il biancorosso, tinte sociali del Lanerossi Vicenza, che ospitava la partita nel proprio stadio potessero essere considerato un “omaggio” al pubblico di casa.

Nemmeno dirlo: l’Udinese perse, la maglia verde da allora è sinonimo di iella.

©Mondoudinese

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy