Pozzo: “Siamo convinti di poter fare un buon campionato. Thereau? Era insofferente”

Pozzo: “Siamo convinti di poter fare un buon campionato. Thereau? Era insofferente”

Le parole di paron Pozzo, soddisfatto per la vittoria contro il Genoa e fiducioso per il futuro

Commenta per primo!

Ai microfoni di Telefriuli è tornato a parlare Giampaolo Pozzo che in una breve intervista ha parlato di Udinese, di mercato e anche di Var: “Ci volevano i tre punti. Siamo stati anche un po’ sfortunati, siamo partiti male ed era anche una situazione difficile perchè dovevi per forza vincere e in circostanze del genere diventa un po’ complicato. Sono tranquillo perchè credo nei valori della squadra e dell’allenatore, quindi i conti devono tornare.

Le critiche allo staff tecnico da parte di Collavino?  “L’argomento è superato. Diciamo che siamo arrivati all’appuntamento non proprio puntuali. E’ uno staff nuovo che aveva bisogno di amalgamarsi alla realtà e siamo partiti un po’ male. Lui che vive più vicino di me allo staff della squadra ha fatto queste valutazioni e siccome tutti attaccavano l’allenatore ha fatto bene a fare quella precisazione, cioè che la causa non è dell’allenatore, perchè un uomo solo non fa tutto, ma del gruppo. La cosa è superata: adesso stanno valorizzando i giocatori che abbiamo preso, che credo siano buoni e con i quali si può fare un buon campionato. Prima i risultati non erano corrispondenti alle nostre potenzialità.”

Riguardo alle scelte di mercato e all’arrivo di Maxi Lopez ha spiegato:  “Si arriva sempre all’ultimo minuto, funziona così nel mercato. Parlare di programmazione in situazioni particolari è difficile. Solo alla fine si è capito che Thereau era insofferente e poi non rientrava nemmeno negli schemi del mister. Quindi ci voleva un sostituto. Thereau ha trovato una soluzione buonissima, quella della Fiorentina. Noi abbiamo trovato chi corrisponde a ciò che voleva il mister. Non era una cosa pensata prima. Abbiamo rimediato ad una situazione improvvisa”.

Lei guarda sempre dall’esterno? “Io ho lasciato ai figli le squadre. Rimango un appassionato dell’Udinese e come tale sono tifoso, vigilo come un tifoso, chiedo ai figli che tutto vada bene. Sono rassicurato”.

L’apporto del Var: è contento? “Sono contento perchè si sono viste delle cose che senza il Var non si sarebbero verificate. Adesso va affinato, ma quello che si è già visto è positivo: rigori contro la Juve che non si vedevano. Anche noi abbiamo avuto pro e contro, ma è una cosa che rassicura e tranquillizza. Ho fatto 33 anni difficili, adesso sono rassicurato”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy