Scuffet si “scalda” per la sfida con il Crotone (e non solo)

Scuffet si “scalda” per la sfida con il Crotone (e non solo)

L’estremo difensore friulano molto probabilmente sostituirà Karnezis, alle prese con un problema alla mano, all’Ezio Scida. Occasione per un’eventuale “promozione”‘?

E’ di nuovo il turno di Simone Scuffet. Domenica pomeriggio all’Ezio Scida sarà il giovane portiere friulano a difendere la porta bianconera dinanzi al Crotone. Questa, infatti, sembra essere la decisione di Gigi Delneri, “pre-annunciata” nel corso dell’ultima conferenza stampa. Dopo gli 11 minuti disputati contro il Pescara – Simone subentrò a Orestis Karnezis infortunatosi a una mano – e i 180 minuti collezionati con Palermo e Torino, il portiere friulano aumenterà il proprio minutaggio in questo finale di stagione. Anche perchè l’estremo difensore greco sta accusando problemi alla mano destra (non quella interessata dalla microfrattura) che, seppur non gravi, rimangono sempre fastidiosi.

Per Simone, dunque, si “riapre” la porta e con essa la possibilità di un’eventuale promozione per la prossima stagione. Dopo attente valutazioni, infatti, l’Udinese sta considerando seriamente la possibilità di cedere in estate Karnezis – che vanta numerose richieste, soprattutto in Premier League – per affidare la casacca numero uno a Scuffet. Ecco, dunque, perchè la gara con il Crotone (e forse anche le due successive) sarà particolarmente importante per l’ex Como. Con Alex Meret già destinato alla Vecchia Signora da tempo, la società friulana potrebbe affidarsi proprio all’idolo di casa, Simone, per costruire un nuovo futuro. Rimane incerto, invece, il destino di Samuele Perisan: se da un lato l’ipotesi che possa ricoprire il ruolo di secondo potrebbe essere affascinante, dall’altro potrebbe essere vissuta dal giocatore come un anno “sprecato”. Fortunanatamente c’è ancora un po’ di tempo a disposizione per compiere tutti i ragionamenti e trovare la soluzione migliore.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy