Stramaccioni contro le discriminazioni: “si aumentano le distanze”

Stramaccioni contro le discriminazioni: “si aumentano le distanze”

Nella Chiesa San Domenico dalla Comunità Piergiorgio Onlus, Bruno Pizzul e l’allenatore dell’Udinese Andrea Stramaccioni hanno parlato di sport e disabilità.

lI tecnico bianconero ha preso la parola spiegando che  “Lo sport rappresenta sempre un veicolo incredibile di comunicazione per abbattere le barriere. Credo molto in questo e quando posso cerco di dare la mia testimonianza su chi ha avuto la fortuna di arrivare così in alto.
E’ un monito ed un esempio che questo è il vero sport, la voglia di stare assieme, di giocare non deve svanire mai. Io vengo da un contesto come questo, di oratorio. I valori che qui si portano avanti sono sempre stati fondamentali nella mia educazione. Lo sport è una palestra sociale,che ti servirà anche da adulto. E serve per superare queste presunte barriere che la società ti mette di fronte. Noi sportivi siamo un esempio e dobbiamo dare testimonianze. La disabilità la descrivo con  un esempio per me molto forte Il sacerdote della mia parrocchia ci diceva sempre una cosa: ‘perché tu dici che Giulio è disabile? Se fosse tuo fratello, lo definiresti così?’. Intendo dire che utilizzando quel termine si aumentano le distanze.La discriminazione nasce da questa parola”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy