Tavian: Cerchiamo la riconferma

Tavian: Cerchiamo la riconferma

“Col Verona è stata davvero una vittoria importante, sotto l’aspetto del risultato, ma anche sotto l’aspetto del gioco”. Parola di Mister Tavian che analizza il momento dell’Udinese e la gara che l’attende a Frosinone

Cerchiamo la riconferma. La vittoria di domenica col Verona la paragono a quella di Torino dove non si veniva da un periodo facile: allora si chiuse l’anno con 21 punti, poi purtroppo dopo la gara con l’Atalanta tornò il buio. Col Verona è stata davvero una vittoria importante, sotto l’aspetto del risultato, ma anche sotto l’aspetto del gioco“. Udinese che quindi deve confermare di aver finalmente imboccato la strada giusta. Mister Marco Tavian, oggi opinionista a Udinese Tv, non ha dubbi. Nemmeno sul modulo, il 4-3-3, che sembra calzare bene a questa squadra. “Colantuono è andato a cambiare nella partita più difficile, poteva essere un problema anche per i giocatori: invece quando i giocatori vanno in campo più determinati si vede: hanno giocato un’ottima partita sotto il profilo sia tecnico, sia tattico. Non abbiamo mai rischiato di andare sotto, abbiamo dominato e non si dica che il Verona era ultimo, con Delneri arrivava da settimo in classifica“.

Ma è il modulo ad aver migliorato la prestazione o i giocatori ad aver esaltato il modulo?
Non c’è mai un modulo vincente, lo dico sempre: i giocatori sono andati in campo più tranquilli. Quando non ha nulla da perdere questa squadra gioca alla grande, è successo col Bologna e col Genoa negli ultimi minuti, forse domenica sono andati in campo sapendo che avevano poco da perdere e hanno tirato fuori la prestazione

Con Di Natale di nuovo imprescindibile?
A livello tattico chi ha tratto davvero vantaggio è stato Di Natale, che ha accorciato il suo raggio d’azione ed è salito in cattedra, potendo fare quelle giocate che solo a lui riescono. Io l’ho sempre sostenuto: non rinuncerei mai a uno come lui, lo dicevo prima, lo ribadisco oggi: i suoi anni non corrispondono a livello biologico al suo fisico

Che partita ci dobbiamo aspettare a Frosinone?
Non possiamo andare al Matusa rilassati. A Carpi si pensava di fare risultato invece…Prima di pensare al Frosinone, serve trovare continuità a prescindere dall’avversario. Loro sono una squadra di un certo livello, su 23 punti ne hanno presi 18 in casa. In calendario hanno Udinese, Carpi e Samp davanti, se la giocano qui. Farebbero però un grosso errore a sottovalutare l’Udinese rispetto a Samp e Palermo. La squadra di Montella, a mio parere, è quella che rischia di più oggi. L’Udinese non ha nulla a che vedere con questa classifica, ma loro si giocheranno il tutto e per tutto. Stellone ultimamente ha giocato col 4-3-3, Sodimo, Pavlovic, Paganini, Ciofani non sono grandi giocatori, ma in casa arrivano a dare sempre di più. Ma se l’Udinese fa i tre punti domenica e lascia il Frosinone alle spalle, la paratia salvezza per i bianconeri è chiusa

E in caso di sconfitta che succederebbe?
In caso di sconfitta non cambia nulla: ci giochiamo un set poiunt, come detto bastano pochi punti ancora per salvarsi, diciamo che con 35 si può essere salvi quest’anno,  se non arrivano subito poco cambia. La prestazione è quello che conterà

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy