Thereau a Udinese Tv: “Il mio gesto? Una risposta alle critiche”

Thereau a Udinese Tv: “Il mio gesto? Una risposta alle critiche”

L’attaccante francese è intervenuto questa sera per spiegare la sua esultanza “polemica” nei confronti del pubblico: “Non ho nessun problema con i tifosi, ma ho passato tre mesi difficili, in cui non stavo bene”

Commenta per primo!

La sfida contro il Palermo, terminata 4-1 per i ragazzi di Delneri (a segno Thereau, Zapata, De Paul e Jankto), è stata al centro della puntata di Udinese Tonight (trasmissione di Udinese Tv), ma si è parlato anche del gesto di stizza di Cyril Thereau, verso i tifosi in occasione dell’esultanza per il gol. “Il gesto di Thereau di zittire i tifosi poteva risparmiarselo, deve imparare a comportarsi“, il commento di Franco Causio in merito al comportamento del francese, e ancora “Anche il gesto di spingere Angella dimostra quanto fosse nervoso il ragazzo, nessuno lo sta mettendo in dubbio come giocatore, perchè è quello con più talento e più fantasia all’interno della squadra, ma deve imparare a comportarsi meglio“. Anche Massimiliano Moras si è espresso sull’argomento: “Thereau è un giocatore che può accendere ma può anche spegnere l’Udinese“. Ha parlato anche di Delneri: “Lui, insieme allo staff, sta facendo un lavoro eccezionale“. Anche su Zapata si è espresso Causio: “Zapata quando gioca così è davvero devastante“. E proprio verso la fine della tramissione è intervenuto telefonicamente il diretto interessato, Thereau, che ha dichiarato: “E’ stato un momento particolare, ho passato tre mesi in cui non stavo bene, è stato un gesto in seguito a tutte le critiche che ho ricevuto, io sono contento se la squadra gioca bene con o senza di me, ma non ho nessun problema con i tifosi, mi assumo tutte le mie responsabilità“. Un intervento che dimostra quanto il ragazzo ci tenga a conservare un bel rapporto con questa città e con i suoi tifosi.

Sofia Duratti

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy