Torino-Udinese, errore inaccettabile: VARgognatevi!

Torino-Udinese, errore inaccettabile: VARgognatevi!

Bianconeri sconfitti e penalizzati contro i granata, il Var è realmente una risorsa per il calcio italiano?

di Massimo Liva

Quando l’Udinese esce sconfitta dal campo per propri demeriti o per la superiorità dell’avversario è corretto riconoscerlo ed è giusto mantenere sempre una certa imparzialità nei giudizi nonostante il grande affetto che ci lega alla nostra maglia, quella bianconera, ma quello che è successo a Torino domenica pomeriggio è di una certa gravità.

In questo caso non si tratta di fare la parte delle vittime o di cercare delle scusanti per giustificare la sconfitta, quello che è successo è sotto gli occhi di tutti, il gol del vantaggio bianconero realizzato da Barak era regolarissimo, lo hanno confermato tutte le moviole del caso, ed il fatto che questa decisione sia stata presa con l’ausilio del Var è inquietante.

Eloquente la moviola di Sportmediaset su questo episodio: incredibile episodio nel primo tempo di Torino-Udinese, con Barak che trova il vantaggio. Dopo diversi minuti l’arbitro Abisso va al Var e 4 minuti dopo la rete del centrocampista, annulla. In maniera inspiegabile, spiega Bergonzi: “Sul cross dalla destra c’è Maxi Lopez in fuorigioco geografico, ma l’attaccante non partecipa minimamente all’azione, e non commette nemmeno fallo sul difensore del Torino. L’azione poi si sviluppa e Barak segna. Inspiegabile l’annullamento del gol, non andava sanzionata la posizione di Maxi Lopez, il gol era regolare. Abbaglio sia dell’arbitro che del Var”.

Quindi la domanda che si pone il tifoso medio è questa: ma allora ci sono arbitri incapaci o c’è malafede? Siccome non vogliamo credere alla seconda ipotesi, la prima dovrebbe essere la risposta più credibile anche se di arbitri italiani validi e preparati ce ne sono, ma non tutti purtroppo.

L’ausilio della tecnologia avrebbe dovuto portare a dei miglioramenti nel calcio italiano ma nell’ultimo periodo sembra che le polemiche siano sempre le stesse e che sia cambiato poco o nulla. Probabilmente l’interpretazione arbitrale dei vari episodi e qualche mania di protagonismo di troppo da parte dei direttori di gara ha un po’ rovinato l’immagine di un mezzo quello tecnologico che se utilizzato in modo corretto può rivelarsi molto utile per la regolarità del nostro campionato.

Il dato di fatto è che l’Udinese è stata danneggiata e l’annullamento di un gol regolare ha poi condizionato e compromesso l’andamento della gara. L’unica colpa che si può forse attribuire alla squadra bianconera è quella di essersi innervosita e di essersi un po’ spenta subendo poi l’avversario rivitalizzato dall’errore arbitrale. Essere andati in vantaggio a quel punto della partita avrebbe cambiato tutto, magari poi il Torino avrebbe vinto comunque ma avremmo molto probabilmente assistito a tutt’altra partita.

Per completare il pomeriggio da incubo in casa Udinese è arrivato pure l’infortunio di Kevin Lasagna uno dei giocatori più in forma tra i bianconeri, privarsene a questo punto della stagione può diventare un problema serio se l’intenzione è quella di puntare a obiettivi europei, anche perchè in attacco gli uomini a disposizione di Oddo sono contati.

Ora più che mai è necessario non farsi prendere dalla sconforto, l’Udinese ha tutte le armi e le possibilità per restare agganciata al treno europeo, un sogno non ancora tramontato anche perchè di partite da disputare ce ne sono ancora molte. A questo punto le sfide con Roma e Sampdoria diventano decisive per capire a che tipo di finale di stagione potremo assistere, ma nulla può rovinare tutto ciò che di buono ha portato mister Oddo dal momento del suo arrivo a Udine.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy