Torneo di Gradisca, premiato Stramaccioni

Torneo di Gradisca, premiato Stramaccioni

Andrea Stramaccioni – tecnico dell’Udinese –  e la gloria del basket italiano Dino Meneghin sono i i testimonial d’eccezione dell’edizione del trentennale del Torneo internazionale di calcio giovanile “Città di Gradisca”. Al tecnico bianconero e all’ex “scarpetta rossa” vanno anche i tradizionali “Premi allo Sport”: premiazione avvenuta al Teatro Nuovo di Gradisca d’Isonzo, con la presenza delle massime autorità regionali e locali, e di sportivi tra i quali il selezionatore della Lega Pro ed ex capitano bianconero, Valerio Bertotto.

Stramaccioni ha parlato della sua esperienza con i giovani: “Io sono orgoglioso di questo premio, i settori giovanili sono importanti in tutti gli sport, che rappresenta una vita parallela a quella di tutti i giorni. Si può condividere un momento felice, una vittoria e una sconfitta, lo sport aiuta a crescere insieme. Se sono arrivato in Serie A devo ringraziare proprio i ragazzi che ho allenato. Il torneo è fantastico, lo ricordo da quando facevo l’allenatore alla Roma. Ci sono squadre nazionali, tanti campioni sono passati di qui, ci tenevo d esserci nonostante la partita di ieri”

Il tecnico bianconero parla anche dell’importanza dello sport alla lotta sul razzismo: “In Friuli VG c’è molta educazione, spero che lo sport aiuti a crescere tutti per non pronunciare più questa parola in futuro”.

Dino Meneghin, che non viene dal calcio parla però di “sport come modello educativo, non è necessario diventare campioni, l’importante è fare sport. Una volta si giocava nei prati, oggi la società vive un momento difficile e si deve afre sport”.

La premiazione della ‘Panchina giovane‘ va a Fabio Petronio, il quale si è dedicato alla educazione sportiva dei giovani calciatori.

Linda Tomansigh, sindaco di Gradisca porta il saluto della Giunta della città: “Sono tornei che rappresentano un punto fisso per la città, è una festa di Gradisca e dello sport. Gli ideatori trent’anni fa lo vollero legare alla nostra città, perché intuirlo che portare squadre di tutto il mondo avrebbe portato ricadute positive per il territorio. Videro giusto e a loro va il ringraziamento”.

Il Mundialito dedicato come sempre  alla categoria Allievi, in programma in Friuli Venezia Giulia, Austria e Slovenia inizierà il 24 aprile e terminerà 1 maggio prossimi.

Il torneo, con ben 28 squadre in lizza, è diventato negli anni un punto fermo per guardare da vicino le stelle del calcio giovanile internazionale. In particolare, il Torneo delle Nazioni si sta configurando sempre piu’ come un piccolo “mondiale”. Alla partecipazione dell’Italia e del Brasile,  si aggiungono infatti il debutto assoluto dell’Inghilterra, ma anche la prima volta dell’Arabia Saudita e del Costarica e la gradita conferma del Giappone.

Gare inaugurali Italia-Inghilterra venerdi alle 17.30 e Juventus-Colo Colo sabato alle 11.30 entrambe al “Colaussi” di Gradisca. Ovviamente garantita la presenza dell’Udinese inserita nel Girone C del trofeo con Rijeka, la nazionale di Lega Pro di Bertotto e Atlas.

©Mu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy