Udinese, avanti così

Udinese, avanti così

La cura Tudor sembra funzionare, non tutti ci scommettevano, noi compresi, ma siamo felici di sbagliarci: ora però serve confermarsi.

di Redazione

E vittoria sia! Sette punti in tre partite, a essere onesti, ci parevano quasi impossibili quando è arrivato Tudor. Onore al merito per che la squadra abbia cambiato atteggiamento, pur commettendo ancora ingenuità che le potevano costare caro, come i due gol toscani che, senza l’adeguata reazione mentale, avrebbero potuto davvero affossarla.

Invece proprio la forza del gruppo, la reazione di squadra più che l’impeto dei singoli (bene comunque De Paul, finalmente trascinatore molto meno egoista),è stata la chiave di volta di una partita tra due squadre simili, con entrambe i problemi difensivi che le costringono ancora a dover lottare per salvarsi.

Questi tre punti sono importantissimi per l’Udinese, ma non ancora decisivi. Ora la doppia trasferta romana combinata ai risultati delle altre darà maggiori risposte, ma se lo spirito battagliero mostrato anche a Milano e col Genoa si confermerà anche all’Olimpico l’Udinese potrà dire la sua, più con i giallorossi forse che con la prima squadra della Capitale, che è in piena ripresa fisica e che sa che i tre punti con i bianconeri la avvicinerebbero al quarto posto in maniera definitiva.

Ma sono discorsi futuri. Per ora c’è il presente dove finalmente l’Udinese può parlare con serenità di obiettivo salvezza, senza quel non gioco che la metteva in dubbio anche se faceva risultato. La sofferenza in dieci negli ultimi minuti si poteva evitare, ma anche questa volta super Musso ci ha messo del suo.

La cura Tudor sembra funzionare, non tutti ci scommettevano, noi compresi, ma siamo felici di sbagliarci: ora però serve confermarsi. Infine i singoli: ancora problemi dietro come detto, Mandragora, gol a parte è poco partecipe all’azione, Fofana ancora confusionario e sprecone nell’occasione del 4-2, mentre molto bene davanti tutti. E se alla fine il calcio è gioco dove serve segnare è buon segno che i migliori siano proprio in quella zona dopo tanto, troppo tempo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy