Udinese, che squadra!

Udinese, che squadra!

L’Udinese è una squadra. Lo dicono in numeri: a segno vanno più giocatori, si muovono all’unisono e se non perdono la testa sanno che mettere sotto squadre ben più blasonate. Ma la testa va tenuta sule spalle sempre e col Chievo è già esame di maturità. Intanto questa vittoria regala una salvezza sempre più vicina, ma attenzione a tenere alta la concentrazione perché raggiungere l’Atalanata sarà dura, ma il campionato è tutto.

L’Udinese vince, viva l’Udinese di Delneri! Ma prima vorremmo partire da più lontano. C’era una volta il calcio, quando i campi a gennaio al 90 percento avevano cumuli di neve che coprivano tabelloni e il resto del campo. Faceva freddo, ma era bello: gli stadi pieni, poche squadre e tutte competitive.  Oggi col torneo a 20, sembra che la FIGC si sia ambientata a climi ben più miti (nonostante le gelate di quest’anno), un campionato che garantisca paracaduti e assicurazioni varie. Diciamolo: i tre tronconi in cui la A è divisa fanno parlare (perché devono) solo le numerose tv. Per il resto tutto il resto è noia.

La partita tra Udinese e Milan è bella, l’Udinese ha strameritato la vittoria, ma per la classifica serve a poco a entrambe. Una Udinese già virtualmente salva per ora è distate in maniera siderale dall’Atalanta, ultima delle italiane per ora a giocarsi l’Europa (a 39 punti, contro i 28 dell’Udinese).  Insomma questa partita avrebbe dovuto valere molto di più, se in Federazione non ci fosse tanta ottusità, anche se è vero che la stessa Udinese sa che 20 squadre sono un’assicurazione sulla vita.

Intanto Delneri intanto si porta in panchina anche Gnoukouri, anche qui segno dei tempi che cambiano. Una volta il mercato di riparazione di novembre portava davvero giocatori di livello, oggi uno che il campo l’ha visto poco o nulla, che viene dalla Primavera e dall’Altovicentino prima. Insomma un ventenne tutto da scoprire che deve ancora dimostrare tutto per scaldare i tifosi.

LA PARTITA Il Milan ha perso in casa con il Napoli nell’ultimo turno e ha conquistato solo un punto nel girone di ritorno. Montella recupera De Sciglio che partirà nell’undici titolare, preferito a Antonelli. In attacco conferma per Bacca con Suso e Bonaventura ai lati. Pasalic titolare a centrocampo.
L’Udinese è reduce dal ko di Empoli e non ha ancora ottenuto punti nel 2017. Delneri è senza Widmer, Badu e Wague ai quali si è aggiunto Kums. Il tridente sarà formato da de Paul, Zapata e Thereau. A centrocampo Hallfredsson con Fofana e Jankto.
Tutto esaurito al ‘Friuli’, per una gara che sembrerebbe di classifica diversa. All’andata vinse l’Udinese con Perica all’ultimo, fu anche l’ultima soddisfazione di Iachini.
Udinese che tenta di partire aggressiva, Milan che tenta di sviluppare in velocità la manovra. Al 5′ la prima occasione con Thereau. Sinistro dell’attaccante dell’Udinese servito da Samir: Donnarumma respinge a mano aperta!
Udinese Calcio v AC Milan - Serie ARisponde subito il Milan:  Cross di Suso, Faraoni va a vuoto e Bonaventura batte Karnezis. Udinese che si spegne, Milan che prende sempre più confidenza col campo.
Al 20′ Ripartenza dell’Udinese con Fofana: l’assist per le punte è intercettato da Paletta. Poco dopo Thereau appoggia per il sinistro di Jankto: il tiro mancino esce largo sul fondo.
Il Milan perde Binaventura per scontro con Faraoni, pure lui costretto a uscire. Entra Angella, che terzino non è. Nemmeno un minuto e pareggio dell’Udinese! Il Milan perde palla, Hallfredsson serve Thereau che batte Donnarumma con un potente sinistro! Partita che vede il finale di tempo con un Milan in panne e un’udinese decisamente più sicura.

RIPRESA inizialmente senza cambi. Al 51′ Zapata.  va alla conclusione ma il portiere gli sbarra la strada con un grande intervento in volo! Poco dopo Deulofeu scarica per Suso: sinistro dello spagnolo deviato da Samir in corner! Al 60′ Giocata di Deulofeu che salta Angella e mette in mezzo: chiusura di Jankto in diagonale.
Al 73′ il calcio regala una delle sue sorprese: raddoppio dell’Udinese! Ripartenza dei bianconeri con Jankto che apre per De Paul che trafigge Donnarumma!  Primo gol per l’argentino che fino ad allora avrebbe meritato un 4 per quanto lezioso appariva. Ma la tecnica, come sempre detto è sopraffina, e alla fine è servita.
Ora che si è sbloccato anche lui, aspettiamo Zapata, l’unico che si sacrifica come pochi,  ma quanto poco vede la porta.
Le emozioni non finiscono: Karnezis non trattiene il pallone e Lapadula colpisce il palo esterno!

CONCLUSIONI L’Udinese è una squadra. Lo dicono in numeri: a segno vanno più giocatori, si muovono all’unisono e se non perdono la testa sanno mettere sotto squadre ben più blasonate. Ma la testa va tenuta sule spalle sempre e col Chievo è già esame di maturità. Intanto questa vittoria regala una salvezza sempre più vicina, ma attenzione a tenere alta la concentrazione perché raggiungere l’Atalanata sarà dura, ma il campionato è tutto.

PS PILLOLA STATISTICA: finora l’Udinese non ha mai perso nessuna partita di questa Serie A in cui Thereau abbia trovato il gol (5V vittorie e 2 pareggi).

Udinese Milan formazioni 2

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy