Udinese: i tiri in porta, questo il problema!

Udinese: i tiri in porta, questo il problema!

Abbiamo già spiegato che il problema non è che a tirare in porta più di altri sia Di Natale: un campione così dev’essere il terminale del gioco, è ovvio che qualunque allenatore, sapendo di averlo in squadra, direbbe agli altri di cercarlo. Il problema, piuttosto sta nei numeri: 3 tiri nello specchio circa a partita, con l’Udinese che è da retrocessione con questo dato. Il fatto che si siano segnati 15 gol vuol dire che la media realizzata è molto alta. Qualcuno dice insostenibile, in effetti serve l’apporto di altri giocatori. E come avrebbe detto Max Catalano “più tiri, più puoi fare gol”.

Si scopre così che ovviamente Di Natale ha una media di 2.7 tiri a partita, praticamente ne segna la metà. A seguire c’è Muriel a 2.3, ma con un terzo di minuti giocati rispetto al capitano. Però anche questo dato non è da sottovalutare, perché si è criticato il fatto che sia a quota 0 reti segnate, ma il sacrificio a cui è sottoposto per poter giocare forse toglie lucidità sotto rete o forse è solo questione di centimetri, vallo a capire il calcio.

1,8 la media di Thereau, nella tradizione del francese, mai stato un goleador, seppur quest’anno abbia trovato la via della rete con più facilità rispetto al Chievo. Del resto l’Udinese ha una qualità più alta dei clivensi (non domenica scorsa…) e non può che non essere così.

Quello che preoccupa, a parte che non ci sono altri attaccanti veri a disposizione di Strama è la povertà di tiri che proviene dagli altri con medie bassissime: Kone da trequartista ha 1,7, buona ma non determinante visto che il gol latita. Guilherme 1,3, Badu 0,9, Allan scende addirittura a 0,7. Loro sono i titolari, le riserve paradossalmente fanno meglio: Fernandes 1,2 tiri a partita, Evangelista 1,1 con  soli 83 minuti alle spalle.

Per i difensori le cose non vanno meglio: Danilo 0,6, Widmer 0,4, Heurtaux 0,3, Piris 0,2: questo significa che si usano poco le palle inattive o che se ne creano poche.

Per concludere i bianconeri sono ancora senza rigori a favore (non prendersela con gli arbitri, please), e senza gol di testa. Anche questi due dati non sono da sottovalutare.

Insomma l’Udinese che a volte arretra per paura deve farsi coraggio: perché la soluzione è sotto gli occhi e citando il compianto Vujiadin Boskov, “squadra vince se segna più di altri!”.

©Mu

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy