Udinese, Oddo: “Cercheremo di limitare il gap con la Roma”

Udinese, Oddo: “Cercheremo di limitare il gap con la Roma”

Il tecnico bianconero presenta la sfida con i giallorossi, in programma domani alle 15 allo stadio Friuli: “Se potessi toglier loro un giocatore, toglierei il portiere”

di Castellini Barbara, @barchettazzurra

Gara di cartello per l’Udinese che domani alle 15 ospiterà la Roma di Eusebio Di Francesco. I giallorossi, reduci dalla rotonda sconfitta per 5-2 contro il Benevento, sono in piena corsa per la Champions League con 47 punti raccolti in 24 giornate, 14 in più dei bianconeri. Ma aldilà del valore dell’avversario, per mister Massimo Oddo c’è un’incognita in più da affrontare: l’infortunio di Kevin Lasagna, uno dei giocatori-chiave della svolta operata dal tecnico pescarese. Proprio questo è uno dei temi affrontati in conferenza stampa.

Mister, adesso l’Udinese è chiamata a stupire…

Davanti abbiamo una squadra costruita per stare nelle zone altissime della classifica. Dovremo essere bravi a ridurre con spirito di squadra, aggressività, voglia di stupire, di fare qualcosa in più sul piano del gioco. Dovremo essere pronti a battere colpo su colpo. Sarà una partita dura, difficile. La Roma però di fronte troverà una squadra che vuole rilanciarsi e riprendere il cammino intrapreso.

Quando l’Udinese si avvicina a un grande obiettivo, fallisce l’aggancio. Si è dato una spiegazione?

In una squadra come l’Udinese quando perdi due, tre giocatori importanti diventa difficile. Chi gioca è costretto a fare tante partite, inevitabilmente c’è un calo fisico. Ci può stare. Alla fine la classifica è sempre quella che rispecchia la realtà. Credo che quella attuale sia la posizione consona all’Udinese. Le squadre che ci stanno davanti in questo momento hanno qualcosina in più. Proveremo a prenderle, comunque. Se ci riuscire saremo bravi, altrimenti vorrà dire che non abbiamo i valori tecnici necessari.

Alì Adnan è rientrato. Come sta?

Clinicamente è guarito, sta bene ed è disponibile.

Senza Lasagna, ora toccherà a De Paul e Perica…

Quando vedo qualche muso lungo per un mancato impiego, dico a tutti di pazientare, perchè il momento di scendere in campo arriva  per tutti. E adesso è arrivato. Chiedo loro di dare il cento per cento, terminando la partita senza alcun rammarico per non aver dato tutto.

In settimana ha provato Jankto rifinitore: è un’ipotesi percorribile?

In quel momento Jankto era Nainggolan (sorride, ndr). Ma non è escluso che in futuro possa essere proposto in quella posizione.

A dicembre l’Udinese sembrava una macchina perfetta, forse per il grande apporto fornito dagli esterni…

La macchina era perfetta perchè tutti giravano, non per due o tre giocatori. Le nostre mezzali erano in condizioni ottimali, le fasce spingevano.

Che Roma si aspetta? Sarà distratta dalla Champions?

Credo che la Roma non possa farsi distrarre dalla Champions, perchè ha un obiettivo importante all’orizzonte, ovvero la qualificazione alla prossima Champions. Mi aspetto una Roma che ha la mentalità del suo allenatore, che è un amico, compaesano. E’ bravissimo. Sta dando la sua impronta alla squadra, ovvero aggressiva, che si propone, quando perde palla subito la riconquista. Ha saputo trasmettere benissimo la sua mentalità. Non è un momento idialliaco, ma ci sta. Ma la differenza la fanno i grandi giocatori. Arriva comunque da due vittorie, quindi sta molto bene in questo momento.

L’assenza di Lasagna provocherà qualche cambio tattico?

In questo momento no, perchè ci sono delle certezze. Quando abbiamo cambiato qualcosa il risultato non è stato esattamente quello voluto, ciò non toglie che verrà riproposto in futuro. Andiamo avanti così.

Facendo un bilancio della sua gestione il risultato non è buono, ma buonissimo…

Abbiamo raccolto tanto, ma bisogna fare un esame di coscienza. Non è stato tutto perfetto, sicuramente nessuno se l’aspettava di riuscire a migliorare la situazione in così poco tempo. In quel “benissimo” potevamo fare qualcosa di più. E qualcosa di incredibile lo puoi fare fino alla fine. A Verona e con il Chievo non sei riuscito a vincere, dovrei cercare di recuperare adesso.

Solitamente le chiediamo da darci un nome della formazione. Ora invertiamo la domanda: chi toglierebbe alla Roma?

Quando incontri squadre così dotate di talento è difficile rispondere. Se non gioca Dzeko, giocherà Schick, se non ci sarà Perotti, scenderà in campo El Shaarawy… Comunque vada si tratta sempre di grandissimi giocatori. Diciamo che, senza nulla togliere al secondo, gli leverei il portiere (Alisson Becker, ndr).

Infine, è arrivato il momento di Fofana?

Sì, giocherà dall’inizio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy