Udinese, problemi sì, ma anche tanta ambizione

Udinese, problemi sì, ma anche tanta ambizione

Thereau alla fine potrebbe stringere i denti e giocare almeno un tipo. Hallfredsson out. Per il resto qualche acciacco ma anche una formazione che vuole chiudere a quota 28

L’Udinese continua a tenere il fiato sospeso per Thereau. Sia il francese sia Hallfredsson non sono al meglio e Delneri potrebbe decidere di non rischiarli dal primo minuto, almeno non insieme. La sensazione è che il francese possa stringere i denti per i primi 45 minuti per poi lasciare spazio a Matos o Perica. Delneri deve fare a meno anche di Badu e Wague (in Coppa d’Africa) e di Balic ed Evangelista, il primo reduce dall’influenza e il secondo colpito da un attacco febbrile.  Insomma non è la situazione migliore per affrontare l’Inter, ma l’entusiasmo c’è, l’appoggio del pubblico sta toccando picchi che non si vedono da tempo, quindi alla fine sarà l’Udinese delle ultime gare, soprattutto sarà affamata.

Il ritiro volito da giocatori e mister da martedì a giovedì è servito a compattare ancora di più il gruppo che vuole chiudere a quota 28 il girone.

Qui Inter: Pioli ritrova Joao Mario, che rientra dalla squalifica. Kondogbia in vantaggio su Banega. Medel non è ancora recuperato del tutto e resta a casa, come pure Jovetic in vista del passaggio al Siviglia. In Spagna i nerazzurri hanno fatto bene, ma si sa che la Serie A è altra cosa e l’Inter di quest’anno è affidabile come la Ferrari appena vista al Mondiale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy