Un pizzico di fortuna e tanta tenacia: l’Udinese pareggia a Verona

Un pizzico di fortuna e tanta tenacia: l’Udinese pareggia a Verona

Sotto di una rete dopo soli nove minuti, i bianconeri trovano l’1-1 grazie a un autogol di Tomovic. Annullato il 2-0 a Cacciatore per posizione di fuorigioco

di Castellini Barbara, @barchettazzurra

Si è fermato a cinque il numero di vittorie dell‘Udinese. Oggi, infatti, al Marc’Antonio Bentegodi gli uomini di Massimo Oddo si sono dovuti accontentare di un punto, ma si tratta di un pareggio prezioso (il primo della stagione) in un pomeriggio molto più difficile del previsto per Danilo & co. Dopo soli 9 minuti, infatti, i padroni di casa sono passati in vantaggio grazie a una rete spettacolare di Radovanovic, che proprio nel team friulano ha uno dei suoi bersagli preferiti. Pochi istanti dopo è arrivato anche il raddoppio, con rete di Cacciatore, annullata poi per fuorigioco (con l’ausilio del Var). Nonostante la giornata non particolarmente brillante di molti elementi, l’Udinese è riuscita a trovare la rete dell’1-1 grazie a un’autorete di Tomovic su cross di Giuseppe Pezzella. Un po’ meglio è andata nella ripresa, ma la sensazione è che più di così oggi l’Udinese non potesse proprio fare. E intanto i punti in classifica sono 28 (con una gara da recuperare), un ottimo punto di partenza per riprendere il cammino dopo la pausa.

CRONACA. Senza gli infortunati Adnan, Angella e Behrami rimasti a Udine per curare i rispettivi AC Chievo Verona v Udinese Calcio - Serie Ainfortuni, mister Oddo schiera in difesa Nuytinck, Danilo e Samir. Nel mezzo torna titolare Fofana con Pezzella schierato a sinistra, mentre in attacco si rivede la coppia De Paul-Lasagna. Sul fronte opposto, Rolando Maran è costretto a rinunciare a Inglese, non in perfette condizioni fisiche e decide di lasciare il capitano Pellissier in panchina. In campo, dunque, Pucciarellli e Stepinski. Dopo soli tre minuti il Chievo conclude verso lo specchio con Stepinski, che interviene di testa direttamente da corner battuto da Birsa: ottima la deviazione di Bizzarri. I padroni di casa continuano a spingere e al 10′ trovano il meritato vantaggio: Gobbi serve dal fondo Radovanovic che da fuori area lascia partire un sinistro che si infila sotto la traversa (1-0). I bianconeri accusano il colpo e non riescono a reagire. Al 15′ Danilo commette fallo su Radovanovic all’altezza del vertice sinistro dell’area grande bianconera. Chiffi assegna la punizione: Birsa si incarica della battuta e la sua conclusione si trasforma in un assist per Cacciatore che praticamente di nuca spiazza Bizzarri (2-0). Ma il direttore di gara chiede l’intervento del Var per una sospetta posizione di fuorigioco del difensore gialloblu e al termine della consultazione annulla la rete (1-0). La decisione del direttore di gara restituisce un po’ di fiducia all’Udinese che si fa vedere al 21′ dalle parti di Sorrentino con Lasagna, servito da De Paul. Ma si tratta di un’azione solitaria che non trova seguito nei minuti successivi. Il Chievo mantiene il pallino del gioco, costringendo l’Udinese ad arretrare. A quattro minuti dall’intervallo, però, i bianconeri riescono a trovare la rete dell’1-1: cross dalla sinistra di Pezzella sul quale si avventa Tomovic che devia nella propria rete. Dopo due minuti di recupero, si chiude la prima frazione di gara. Nella ripresa, non ci sono novità nelle formazioni. Al 10′ si registra un’azione offensiva dell’Udinese: suggerimento di Jankto in area gialloblu per De Paul, anticipato da Tomovic, sul pallone di avventa Widmer il cui tiro-cross viene deviato in corner da Bani. Lo stesso Bani quattro minuti più tardi è provvidenziale su una conclusione di De Paul da dentro l’area. Al 22′ Maran effettua il primo cambio della gara: fuori Stepinski, dentro Pellissier. Al 28′ i clivensi reclamano per un presunto rigore per un fallo di Widmer su Hetemaj in area, ma il direttore di gara Chiffi lascia (giustamente proseguire) e assegna il corner ai veronesi. Sugli sviluppi del calcio d’angolo, parte un contropiede fulmineo dell’Udinese con De Paul che serve Jankto a sinistra ma il sinistro del ceco viene murato da un difensore del Chievo. Al 31′ si registrano due sostituzioni, una per parte: Maran richiama Pucciarelli e inserisce Garritano, mentre Oddo manda in campo Perica per De Paul. Al 39′ ancora Udinese in avanti: da un passaggio rischioso di Nuytinck, parte l’azione dei bianconeri che arrivano alla conclusione con Lasagna, fermato in extremis. Al 40′ Oddo effettua un altro cambio: fuori Fofana (non in gran giornata), dentro Hallfredsson. Al 41′ Pezzella lamenta crampi alla coscia sinistra e Oddo è costretto a esaurire le sostituzioni inserendo Stryger Larsen. Al 45′ Maran manda in campo Leris. Nel terzo dei tre minuti di recupero Barak viene ammonito per fallo su Hetemaj. E’ l’ultima nota di un incontro positivo sotto il piano del risultato, un po’ sotto il profilo del gioco, ma possiamo dire che va bene così.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy