Uno per uno: Muriel torna nel 2015, Udinese malaticcia

Uno per uno: Muriel torna nel 2015, Udinese malaticcia

Commenta per primo!

Il giorno dopo di Udinese-verona lascia parecchie tracce sull’Udinese. Genova è lontana, ma andiamo ad analizzare lo stato di ogni bianconero, mentale e fisico. Si ha una fotografia di una squadra malaticcia, non per gli infortuni, quanto mentalmente. Appagamento, mercato, qualche mistero non aiutano di certo il lavoro di Stramaccioni.

[yes_list]

KARNEZIS: Il primo gol  preso non è colpa sua: con la difesa piazzata sono altri che non dovevano farlo trovare impreparato. (Leggasi coppia Guilherme e Danilo soprattutto)
DI NATALE: Il gol non gli manca, sta bene, ma ha anche difficoltà a trovare il compagno ideale che gli metta i palloni giusti. Frenandes va a fasi alterne, Thereau rimane l’unica certezza
THEREAU: Forse Strama si sarà anche pentito col senno di poi di non averlo schiera dall’inizio. Però la logica iniziale sembrava corretta, col senno i poi è facile. Di certo a Genova ci si attende qualche (nuovo cambiamento)
WIDMER: Salta uomo e si propone, sta bene, ma attenzione alle voci dimezzato. E alla fase difensiva.
HEURTAUX: Anche lui con voci di mercato sempre presenti, ma sicuramente quello meno distratto. In tutti i sensi. Anzi, i tutti i campi.

[/yes_list]

[star_list]

GUILHERME: C’è qualità, ma è nuovo e va a fasi alterne. Purtroppo no ha sostituti e qui la colpa nonna su né di Strama
ALLAN: ruberà tanti palloni, punterà anche l’uomo, ma rimane sempre un giocatore che sembra a volte pensare anche ad altro….Roma, città eterna (tentazione)
BADU: Tanta corsa, ci mette cuore e polmoni, manca nella crescita sotto rete
PASQUALE: Manca Slva, Strama lo dice: non perché sia innamorato del brasiliano, ma perché le alternative sono estemporanee
PIRIS: Jolly sì, ma sempre in fase difensiva. Manca la spinta.
KONE: Aveva cominciato bene, poi acciacchi, residui mondiali l’hanno messo in ombra. Però rimane il trequartista più esperto e completo.
EVANGELISTA: il giovane con migliori prospettive: ingiusti i giudizi per i cross sbagliati. Si veda quante volte ha saltato e come l’uomo.

[/star_list]

[no_list]

GEJIO: A Gennaio verrà ceduto. Un altro attaccante in meno. Peccato, è un professionista serio e se non arrivano a questo punto due punte non si può pretendere la Luna. Il Sassuolo ne ha 5 (e che punte!)
DOMIZZI: Senatore a vita, ma simbolo della rivoluzione incompiuta. Non ha il passo del terzino, rimane l’esperienza. Troppo poco. Contratto lungo e carisma, oltre che dietro c’è poco
PINZI: La grinta è sempre quella (forse troppa vista l’entrata a Milano con giallo), la forma non più. Anche lui sembra dover lasciar spazio prima o poi al nuovo che avanza: ma qual è il nuovo oggi?
SCUFFET: Il simbolo di un mercato nato male e sviluppato peggio
CODA: In partenza, l’alternativa che non c’è
BUBNJIC: Stazza sì, classe meno. Un nuovo Armaron che nel calcio d’oggi non aiuta.
BELMONTE: Riserva, nulla più
MURIEL: Tutti speravano di rivederlo a Genova almeno in panchina. arrivederci nel 2015, sperando in un anno migliore
SILVA: Ha recuperato, non ha recuperato? E’ convocato, servirebbe, ma non è ancora pronto. Si spera di rivederlo in forma anche lui nel 2015.

[/no_list]

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy