Widmer: “Italiani o stranieri, l’importante è avere una base stabile”

Widmer: “Italiani o stranieri, l’importante è avere una base stabile”

Widmer a Radio Deejay: “Sono felice a Udine, mi sento bene ma ognuno ha i propri obiettivi personali”

Silvan Widmer è uno degli uomini mercato di quest’anno per l’Udinese, uno dei pochi che si è davvero distinto. Il laterale, intervenuto a Radio Deejay, ha parlato del suo futuro, immediato e più lontano: “Spero di esserci, faccio volentieri il secondo a Lichtsteiner”, ha detto parlando di Euro 2016.

Widmer sa di essere seguito da diversi club e non si sbilancia sul futuro: “Non lo so ancora, non dipende da me. Sono felice a Udine, mi sento bene ma ognuno ha i propri obiettivi personali. Ho vissuto una grande esperienza in Italia, prima o poi vorrei farla anche da altre parti come Germania, Inghilterra o Spagna. Quando ero giovane giocavo esterno alto, quindi mi è rimasto il piacere di attaccare la porta avversaria. In Italia si lavora tanto sulla fase difensiva e quindi ho migliorato questo aspetto.

Infine un passaggio sull’addio di Di Natale e sul numero di stranieri all’Udinese: “E’ stato un onore conoscerlo e giocare con lui, ha tanto da insegnare ai giovani. Sono rimasti in pochi e ce ne saranno ancora meno il prossimo anno. L’importante è avere una base stabile, non conta se italiani o stranieri”.

0 commenti

Recupera Password

accettazione privacy