Zaccheroni: “Udine è casa mia”

Zaccheroni: “Udine è casa mia”

l tridente? Giocavamo tutti per loro tre, nessuno giocava così. Andai a vedere il Foggia di Zeman e gli allenamenti di Crujff per imparare come poter sostenere un simile sistema di gioco

Commenta per primo!

Ospite della Club House dell’Udinese, l’indimenticata Alberto Zaccheroni che ha ripercorso le tappe bianconere:  “Abbiamo conseguito grandi risultati  perchè avevamo dei giocatori straordinari. Il tridente? Giocavamo tutti per loro tre, nessuno giocava così. Andai a vedere il Foggia di Zeman e gli allenamenti di Crujff per imparare come poter sostenere un simile sistema di gioco. Anche se l’inizio con Amoroso è stato davvero duro. Lui si riteneva un numero 10: qualcuno ha raccontato che quando ha giocato segnando una doppietta, se non l’avesse fatto sarebbe partito per il Brasile, ma non è vero. Lui era una scommessa di Gino Pozzo, io l’ho solo modellato. Aveva un controllo di palla in velocità paragonabile a Messi. Il problema del modulo era convincere i giocatori a giocare con tre punte. Il nuovo spaventa sempre. Poi ci fu quella famosa partita di Torino”.

Udine tappa quindi fondamentale: “Io, dove sono stato, sono sempre stato bene. A Udine mi sento a casa. Io sono romagnolo ma credo di avere qualcosa in comune con i friulani. C’è stata grande sintonia fin dall’inizio”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy