Udinese, i voti dei quotidiani locali

Udinese, i voti dei quotidiani locali

I voti dei quotidiani locali ai bianconeri dopo la vittoria sul Frosinone:

IL GAZZETTINO

KARNEZIS 7 – Ancora una volta determinante. La sua (unica) parata su conclusione di Sammarco al 5′ della ripresa, nonostante la deviazione di Felipe, lo ha visto esaltarsi in una deviazione d’istinto con il piede sinistro.

WAGUE 6 – Ha fatto valere la sua fisicità con cui ha limitato i danni anche se nel finale ha un po’ sofferto Soddimo. Sempre sicuro nel gioco aereo.

DANILO 6 – Il suo lo fa con la consueta autorità. Di tanto in tanto ha macchiato la sua prova con qualche incertezza nell’anticipo.

FELIPE 6.5 – Ha iniziato così così, con una deviazione di destro su cross da sinistra terminata a centro aerea; si è fatto anche ammonire per un duro intervento su Diakitè, poi è stato il migliore della difesa, bravo di testa, bravo nelle chiusure e nell’anticipo.

EDENILSON 6 – Qualche timido risveglio, qualche buon anticipo.

BADU 6 – Che corridore! Ma anche a scapito della precisione. Nel mezzo però ha recuperato numerosi palloni e nelle sue scorribande in avanti ha creato situazioni di pericolo.

LODI 6.5 – Bravo non per il gol che è uno squisito regalo da parte di Leali, ma per come ha orchestrato il gioco, per la precisione dei suoi passaggi, per alcuni recuperi; ma ha ancora un’autonomia limitata per cui nel finale ha commesso qualche errore di troppo.

FERNANDES 5.5 – A corrente alternata. Non era la sua giornata e Colantuono è stato costretto a richiamarlo in favore di Marquinho.

MARQUINHO 6 – Si è trasformato in gregario perché quando è entrato l’Udinese stava soffrendo. Ha recuperato due palloni in situazioni di difficoltà.

ALI ADNAN 6 – Tatticamente non c’è ancora. Buona gamba, qualche affondo, ha lottato e ciò gli consente di meritare la sufficienza.

WIDMER s.v. – Ha toccato troppi pochi palloni per poter essere giudicato.

THEREAU 6 – Non è ancora il miglior Thereau anche se è parso in crescita. Si muove bene, però, ma nel finale ha fallito due facili passaggi al libero Di Natale.

DI NATALE 6 – Generoso e geniale, ha cercato con caparbietà il gol, non è stato nemmeno fortunato. È uscito stanco morto.

AGUIRRE 5 – Appena entrato ha messo in movimento l’attacco dei ciociari con un maldestro colpo di testa, poi al 42′ a porta vuota ha fallito il bersaglio.

COLANTUONO 6.5 – Stavolta i conti gli tornano e sorride beato, l’Udinese cresce nonostante abbia gli uomini contati; e da quattro turni non perde. Il suo lavoro è stato premiato.

MESSAGGERO VENETO

7 KARNEZIS Il portiere greco, dopo la domenica di “riposo attivo” del Bentegodi torna a guadagnarsi la pagnotta. Inoperoso per tutto il primo tempo, piazza nella ripresa due super-parate: la prima di piede sul destro in controtempo di Sammarco, la seconda sul destro di Dionisi destinata all’incrocio dei pali. Ancora una volta bisogna ringraziare San Karnezis.
6 WAGUE Il suo avversario Tonev, non gli fa nemmeno il solletico, stavolta in un paio di occasioni è il maliano che si complica la vita da solo. E anche sul destro di Dionisi non è abbastanza deciso nell’andare a contrastare l’attaccante gialloblù.
6 DANILO Castillo riesce a calciare una sola volta in porta da posizione pericolosa e la responsabilità, nell’occasione, non è nemmeno sua. Solido e sicuro nel finale quando il Frosinone tenta l’assalto finale. 7 FELIPE Gioca la concentrazione e la cattiveria agonistica che avevano spinto Spalletti a farne un titolare in serie A quando aveva appena vent’anni. Spazza l’area quando è necessaria, cerca il passaggio in uscita sempre con i tempi giusti ed è puntualissimo nelle diagonali. Nel primo tempo a pochi passi dalla linea di porta di Karnezis riesce ad allontanare un pallone pericolosissimo.
5,5 EDENILSON Il brasiliano dà sempre la sensazione di incompiuto. Di chilometri ne macina tanti e la buona volontà non gli manca, però, sbaglia troppo spesso la scelta della giocata. Troppi i palloni che mette in mezzo dalla trequarti quando invece sarebbe più appropriato puntare l’avversario nell’uno contro uno. Il discorso cambia quando si va a piazzare a sinistra. Lì deve pensare più a contenere.
7 BADU É vero che al 94’ sbaglia l’occasione del raddoppio per due volte ma, appunto, siamo al termine di una partita in cui è stato tatticamente più avveduto del solito piazzando comunque alcune accelerazioni, la più importante conclusa con l’assist sprecato da Aguirre. Prestazione totale la sua.
7 LODI Il voto è in minima parte “condizionato” in positivo dal gol che decide la partita è che causato dall’errore del portiere più che dalla sua bravura. Il mancino napoletano conferma di essere in crescita di condizione e fa girare palla con precisione e personalità. É uno dei pochi bianconeri al quale il pallone non scotta tra i piedi, sbaglia qualcosina nel finale, ma trattasi di errori quasi fisiologici.
6 BRUNO FERNANDES Continua a commettere qualche errore di troppo nei passaggi (uno commesso a pochi secondi dall’intervallo manda su tutte le furie Colantuono), ma uno con le sue caratteristiche è indispensabile a questa squadra. Difficile capire il cambio con Marquinho, a meno che Colantuono non pensasse già alla Roma.
5,5 ADNAN Arriva tante volte sulla linea di fondo ma i traversoni poi sono tutti fuori misura. Il particolare fa la differenza. A volte si intestardisce cercando di accentrarsi per calciare in porta con il destro.
6 THEREAU Si guadagna la punizione che decide la partita, ritarda il passaggio in contropiede per Di Natale, Leali gli nega il ritorno al gol al Friuli che in campionato manca dal 18 gennaio. Comunque in crescita dal punto di vista fisico.
6,5 DI NATALE Una girata di destro rimpallata, un sinistro respinto dal portiere, un pallonetto dalla linea di fondo che non termina in fondo al sacco per una questione di centimetri. Un errore toglierlo e il motivo si chiama personalità.
5,5 MARQUINHO L’occasione di Castillo nasce da una sua indecisione. La sua esperienza non torna utile per la gestione del pallone nel finale. A posteriori il suo cambio non è stato azzeccatissimo.
6 WIDMER Si piazza sulla sua amata fascia destra ma alla fine l’Udinese dalle sue parti riparte con il contagocce. Fino a quando non comincerà a giocare la sua condizione non migliorerà. Con tre gare in otto giorni il suo esordio stagione da titolare dovrebbe essere vicino.
5 AGUIRRE Si mangia il più incredibile dei gol. E questo errore sì che pesa come un macigno sul suo voto.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy