Udinese: I voti dei quotidiani locali

Udinese: I voti dei quotidiani locali

I voti dei quotidiani locali all’Udinese dopo la sconfitta col Napoli.

MESSAGGERO VENETO

7 KARNEZIS Prontissimo nell’uscire e restringere lo specchio della porta a Higuain che infatti gli calcia addosso. Riesce ad anticipare di un soffio Callejon: non ci fosse riuscito sarebbe stato rigore. Per batterlo Higuain deve mandare il pallone a baciare il palo prima di terminare in porta
7 WAGUE Incrocia soprattutto Insigne, al quale concede poco e niente nell’uno contro uno. Ma anche quando deve vedersela con gli altri attaccanti fa valere la sua grande esplosività. Va anche a guadagnarsi una punizione al limite dell’area avversaria. Sul gol è bravo l’avversario.
6 DANILO Recuperato in extremis da Colantuono, ha il compito più ingrato visto che deve occuparsi di Higuain. L’argentino è un fulmine nel crearsi un’occasione dal nulla. Si batte bene anche nel finale quando la squadra si sbilancia.
6 FELIPE Si prende subito un giallo che potrebbe condizionarlo. Gioca con tranquillità evidenziando dei buoni automatismi con Edenilson. A inizio ripresa si infortuna quando, dopo essere andato a saltare in area avversaria, cade male sulla spalla.
5,5 WIDMER È suo l’unico tiro dell’Udinese nel primo tempo verso la porta di Reina. Lo svizzero calcia da buona posizione, ma la conclusione doveva essere più secca e perentoria. Il suo colpo di testa deviata dal portiere pizzica la traversa di Reina. Continua a dare la sensazione di un’incompiuto considerato il potenziale che ha.
5,5 BADU Le sue accelerazioni avrebbero dovuto essere una delle armi più utili per creare qualche imbarazzo al Napoli. In realtà, quando ci ha provato, il ghanese è sempre stato respinto al mittente. In fase di non possesso palla si è battuto bene e con discreti risultati, ma ormai da lui ci si aspetta sempre qualcosa di più.
6 LODI Sicuramente con lui la squadra ha guadagnato in personalità, i cambi di gioco sono più precisi e repentini. E anche suoi corner e sui calci piazzati l’Udinese ha guadagnato in pericolosità. Peccato che ieri dopo un’ora a buoni livelli sia calato come dimostrano un paio di palloni persi che hanno innescato le ripartenze napoletane.
5.5 ITURRA Il suo dirimpettaio è Allan con il quale nei corpo a corpo non sfigura, anzi. Siamo, però, qui a registrare l’ennesimo errore nel passaggio in uscita. Da quell’errore si innesca il gol che decide la partita. Peccato, perchè non aveva demeritato.
6 EDENILSON Sbaglia qualcosa di troppo negli scambi stretti, ma dal punto di vista atletico sembra ritrovato. Macina chilometri su chilometri e quando entra Adnan va a fare l’interno sinistro. In quella posizione, forse, sarebbe meglio metterlo a destra.
5 FERNANDES Al San Paolo due anni fa aveva realizzato il suo primo gol in serie A. Ieri in questo stadio a lui tanto caro ha offerto una prestazione insufficiente. Un destro alle stelle e soprattutto poche giocate utili alla squadra.
5 THEREAU Fa la prima punta, si spreme andando a pressare alto i difensori avversari ma in fase di possesso palla, se si esclude un controllo di esterno destro con il quale va via ad Albiol, non combina niente di buono e alla fine alla voce tiri in porta fa registrare uno zero. Serve più cattiveria, figurarsi adesso che la classifica ha preso una piega preoccupante.
6 PIRIS Prende il posto di Felipe e l’Udinese prende gol. Il paraguaiano, però, non ha alcuna colpa, anzi. Prima con Callejon e poi con El Kaddouri vince tutti gli uno contro uno. Su di lui, quando c’è bisogno, si può sempre contare.
6 AGUIRRE Entra con il piglio giusto, muovendosi lungo il fronte d’attacco e difendendo palla per far salire la squadra. Sparacchia alto un sinistro da fuori e fino all’ultimo è tra quelli che crede di più nelle possibilità di agganciare in extremis il pareggio al San Paolo.
5,5 ADNAN Appena entrato sfrutta la sua forza fisica con un paio di “sfondamenti”, i cross però non sono adeguati. Grida vendetta la fucilata che mette in mezzo e sulla quale per Aguirre è impossibile arrivarci. Colantuono in panchina ha tutte le ragioni a infuriarsi.

IL GAZZETTINO

Karnezis 6,5 – Nel primo tempo ha sventato da campione due puntate dei partenopei. Bravo anche nella ripresa anche se sul gol di Higuain ha dato la sensazione di essersi gettato in ritardo senza nulla togliere al capolavoro dell’argentino. Ma continua ad essere il migliore dei bianconeri.

Wague 6,5 – Cresce turno dopo turno. Fa valere la fisicità, la rapidità di movimento, l’abilità nel gioco aereo e Insigne ne sa qualcosa. Soltanto un portentoso Higuain quando ha confezionato uno splendido gol.

Danilo 6 – Non poteva fare granché contro Higuiain protagonista di una delle sue migliori prove stagionali. L’esperienza in ogni caso lo ha sempre sostenuto specie nel primo tempo.
Felipe 4 – Da subito ha perso la testa soffrendo il gioco veloce del Napoli. Meno male che in porta c’era Karnezis. Mai si è ripreso e all’inizio della ripresa Colantuono si è visto costretto a richiamarlo. (8′ st Piris 6,5 – Dalla sua parte il Napoli non è più riuscito a fare il bello e cattivo tempo, ha concesso nulla a Callejon, poi a Gabbiadini.

Widmer 5,5 – Se lo giudichiamo per l’ultima mezz’ora merita ampiamente la sufficienza; ma dove era nel primo tempo in cui non ha evidenziato il cuore? No, non ci siamo ancora.
Badu 6,5 – Ormai è un punto inamovibile. Corre e recupera a scapito anche della precisione. Ma è la trave portante del centrocampo.

Lodi 5,5 – Così, così, Meno lezioso del solito, ma inadeguato a dare supporto alla difesa. Ha ben presto esaurito il carburante.
Iturra 6 – Generoso. Giocatore dalle qualità modeste che ha saputo gettare nella lotta tutte le energie recuperando non pochi palloni. (25′ st Ali Adnan 6 – Ha fatto valere il suo fisico, nella corsa ha sovente messo in difficoltà il Napoli, abile anche nel cross, un pò meno quando si è trattato di scambiare corto con il compagno. Edenilson 6 – A corrente alternata. Non è ancora l’Edenilson che è nei pensieri di Colantuono. Mai ha affondato i colpi sulla corsia di sinistra anche perchè, essendo un destro, cercava sovente di accentrare la sua azione. Meglio in fase difensiva.

Fernandes 5 – Inutile che Colantuono si sforzi a far credere che il portoghese è tre quartista. Sicuramente la qualità gli consente di essere giocatore universale, ma è soprattutto una mezzala e va utilizzartio in quel ruolo. (12′ st AGuirre 6 – Merita più fiducia. Ha qualità e personalità.

Thereau 5 – Un paio di spunti importanti, ma troppe pause. Non c’è ancora, appare legnoso, lento. Dà l’impressione di essere carente dal punto di vista atletico. Nel primo tempo non si è visto per niente.

All. Coalantuono 6 – Ha preparato bene la squadra, ma perchè non ha avuto il coraggio di affidarsi da subito alle due punte? Non puoi sperare di reggere sino alla fine se punti a contenere l’avversario. Peccato davvero.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy