Udinese: i voti e le pagelle dei quotidiani sportivi e locali

Udinese: i voti e le pagelle dei quotidiani sportivi e locali

Tutti i giudizi ai bianconeri dopo la vittoria sull’Atalanta

Commenta per primo!

TUTTOSPORT

KARNEZIS 7,5 – Delneri gli faccia un monumento
WIDMER 6 – Soffre nel primo tempo, si riscatta nella ripresa
DANILO 6 – Un salvataggio decisivo nel primo tempo
FELIPE 5,5 – Il più incerto in difesa
SAMIR 6 – Cresce alla distanza
KUMS 6 – Tatticamente d’oro  JANKTO – N.G.
HALLFREDSSON 6 – Si vede poco, ma pesa molto.  PERICA 6 – Entra bene, intraprendente
FOFANA 7 – Lotta in mezzo, esce alla distanza e fa un gran gol.
BADU 6 – Sostanza e inserimenti
ZAPATA 7 – Alla prima palla la trasforma in gol.  MATOS 6 – Prezioso come sponda
THEREAU 7 – Fa l’ala, il mediano, corre e segna
DELNERI 6,5 – Non affonda nel primo tempo, grazie soprattutto a Karnezis. Poi vince con coraggio nella ripresa.

CORSPORT

KARNEZIS – 8 WIDMER – 6,5 DANILO – 6 FELIPE – 6 SAMIR – 6 BADU – 6,5 KUMS – 6  JANKTO – S.V. HALLFREDSSON – 6   PERICA – 6,5 FOFANA  – 7 ZAPATA – 6,5   MATOS – 6,5 THEREAU – 6 DELNERI – 7

GAZZETTA

KARNEZIS IL MIGLIORE 8 – Quattro parate decisive nel primo tempo (Gomez, Kurtic, Caldara e Conti) e nella ripresa perfino su WIdmer. La ripartenza del 3-1 nasce da un no a Masiello.
WIDMER 5,5 – Preso in mezzo fra Gomez e Spinazzola: su di lui un muro decisivo, ma pure 21 palle perse.
DANILO 6,5 – Salva sulla linea un gol sicuro (Petagna). Dopo 16 gare su 16 per 90′ riposerà: giallo da diffidato.
FELIPE 6 – Decisivo anche lui nello ‘sporcare’ il tiro di Petagna.
SAMIR 6,5 – Spesso solo contro l’onda che monta da destra: sale pochissimo, ma se la cava.
HALLFREDSSON 5,5 – Meglio più avanzato che davanti alla difesa. Il fallo pre punizione per Kurtic gol è inutile.
PERICA 6,5 – Coraggio e un po’ più di profondità: un tiro fuori di poco.
BADU 5 – Latita in entrambe le fasi.
KUMS 5,5 – FIsicamente paga con Gagliardini, davanti alla difesa va a sprazzi.  JANKTO – S.V.
FOFANA 7 – Troppo basso è sprecato, poi inventa anche un gol-arcobaleno (4 su 4 nella ripresa). Tempi perfetti per l’assist a Thereau.
THEREAU 7 – E’ più vicino alla porta che fa male: fa segnare e poi segna. Sull’1-0 ostruzione decisiva su Conti.
ZAPATA 6,5 – Primo gol in trasferta: bravo a prepararlo e a segnarlo.
MATOS 6,5 – Un discreto rompiscatole, collabora con Thereau per creare il 2-1.
DELNERI 6,5 – Sbaglia, rimedia: azzecca sistema di gioco e uomini.

MESSAGGERO VENETO

8 KARNEZIS Cinque parate nei primi 23’ minuti che salvano l’Udinese dal tracollo. Comincia deviando il destro di Gomez, si ripete in un amen sul colpo di testa di Kurtic e il tap in di Caldara. Gran riflesso sul destro di Conti, c’è sul sinistro di Petagna. Il pallone dell’1-1 non lo prendeva neanche Batman, nega l’autogol a Widmer e ci mette i pugni sulla girata di Masiello da cui nasce l’1-3. Stratosferico.
6 WIDMER Gomez è un brutto cliente e la sofferenza nel primo tempo è fisiologica. Provvidenziale il salvataggio a corpo morto sulla conclusione quasi a colpo sicuro di Spinazzola (si era sullo 0-0). Nella ripresa concede all’avversario solo un paio di cross e rischia un clamoroso autogol.
6,5 DANILO Si prende l’ammonizione che lo costringerà a saltare la partita con il Crotone. Nell’assedio del primo tempo atalantino è l’unica occasione in cui sbaglia i tempi di uscita. Bravo e fortunato quando sulla linea si sostituisce a Karnezis e alza sopra la traversa la conclusione di Petagna.
6,5 FELIPE Petagna è un cliente scomodissimo. Bisogna andare in anticipo solo quando si è sicuri di prendere il pallone; “Feli” sbaglia una sola volta e l’avversario calcia in porta, per il resto lo contiene sempre bene sfoderando una prestazione sicura, puntuale e precisa.
6,5 SAMIR Conti lo coglie di sorpresa con un taglio improvviso in una sola occasione e per poco ci scappa il gol. Un errore ci sta quando la difesa è sempre sotto pressione. Spinge pochissimo, e ci sta. Nel complesso la sua è una prestazione molto concreta. Si può dire che con lui l’Udinese sta risolvendo il problema della fascia mancina.
5 HALLFREDSSON Lento e impreciso nel primo tempo, si “guadagna” la sostituzione a inizio ripresa quando commette un inutile fallo su Kurtic da cui nasce l’azione dell’1-1. Da un giocatore della sua esperienza certi errori sono difficili da accettare.
5 BADU Con tutti gli alibi del caso (gioca in un ruolo che non gli appartiene) disputa un primo tempo imbarazzante. Nella ripresa fa qualcosina meglio, ma la sensazione è che centri poco con questa formula di gioco. Attendiamo volentieri smentite.
5 KUMS Idem come sopra. In perenne difficoltà nei contrasti, sembra un giovanissimo che gioca in una categoria superiore. E non è che le cose nel secondo tempo vadano tanto meglio. Aumentano sempre più i dubbim sulla sua adattabilità al calcio italiano.
7,5 FOFANA Nel primo tempo non ci capisce assolutamente niente. Sballottato da una parte all’altra del campo non riesce a incidere: male sia da esterno che da mediano, quando viene messo a fare la mezzala diventa devastante. Segna un gol alla Del Piero (ci prova spesso, significa che è nelle sue corde) poi lo scatto da centrometrista senza perdere la lucidità per mandare in porta Thereau. Determinante.
7,5 THEREAU Primo tempo da incubo. Gioca largo sulla sinistra e di fatto è costretto a fare il terzino. Ripiegando stabilmente sulla linea di difesa finisce con l’essere inesiste in avanti. Disturba Conti nell’azione del gol di Zapata. Diventa padrone nella partita nel momento in cui esce Zapata e Delneri lo mette a fare la punta centrale. Suo l’assista Fofana che poi gli restituisce la cortesia: lui ringrazia e segna il sesto gol stagionale.
6,5 ZAPATA Primi quarantaquattro minuti a soffrire di solitudine. La squadra non esce mai e lui si ritrova a combattere contro la difesa avversaria. Prima del riposo ha un sussulto e si inventa il gol con un’azione di pura potenza.
6,5 PERICA Non entra nel tabellino dei marcatori ma il suo ingresso cambia drasticamente la partita. Comincia laro a destra, poi si sposta a sinistra e tiene in apprensione Toloi. Si libera bene dal limite, ma il destro rasoterra termina di poco a lato.
6,5 MATOS Appena entrato Gomez gli passa sotto il naso, rinvia centralmente di testa davanti alla propria area. Due amnesie difensive, però quando c’è da ripartire riesce a farsi sentire.
SV JANKTO Entra al posto di Kums e si piazza a sinistra. Molto più dinamico di chi l’ha preceduto, c’era anche lui nel contropiede che chiude la contesa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy