Udinese: le pagelle dei quotidiani nazionali e locali

Udinese: le pagelle dei quotidiani nazionali e locali

Le pagelle e i giudizi all’Udinese dopo la vittoria sulla Fiorentina

Commenta per primo!

Ecco come i tre quotidiani sportivi nazionali e i due quotidiani locali hanno valutato l’Udinese contro la Fiorentina.

GAZZETTA
KARNEZIS 6 – Compie un mezzo miracolo a respingere la prima conclusione di Zarate deviata da Heurtaux, poi si deve arrendere.
HEURTAUX 5,5 – Si perde l’attaccante viola nell’azione del gol della Fiorentina.
DANILO 6,5 – La solita prova di personalità.
WAGUE 6 – Sempre aggressivo e concentrato.
WIDMER 7 – Macina chilometri sulla sua corsia e serve un assist fantastico a Thereau.
BADU 6,5 – Recuperato in extremis, un bel torello in mezzo al campo. Centra anche la traversa.
KUZMANOVIC 6,5 – L’ex viola pilota bene le ripartenze dell’Udinese.
DOMIZZI – S.V.
FERNANDES 6,5 – Suo l’assist per il gol di testa di Zapata.
HALLFREDSSON S.V. – Grande senso tattico
ADNAN 5,5 – Spinge, ma fatica nei movimenti difensivi
THEREAU 7 – Segna un gol e centra la traversa. Ha talento in dosi industriali. E arriva a quota 10, cannoniere bianconero.
ZAPATA 7 – Il colombiano in prestito biennale dal Napoli è una forza della natura. Certo, è ancora grezzo ma ha ampi margini di crescita. E segna gol importanti.
MATOS 6 – Un paio di accelerazioni.

DE CANIO 7 – Da quando è arrivato, anzi tornato, ha dato grinta e qualità a questa Udinese.

TUTTOSPORT
Udinese (3-4-1-2): Karnezis 6; Heurtaux 6, Danilo 6.5, Wague 6; Widmer 7, Badu 6.5, Kuzmanovic 6.5 (47’st Domizzi ng), Adnan 6; Fernandes 6.5 (33’st Hallfredsson ng); Thereau 7 (38’st Matos ng), Zapata 7. A disp.: Meret, Edenilson, Pasquale, Piris, Guilherme, Lodi, Iniguez, Balic, Perica. All. De Canio 6.5

CORRIERE DELLO SPORT
ZAPATA 7  Segna con la rapidità della…pantera. Punto di riferimento di tutto il gioco d’attacco bianconero. Sbaglia solo davanti a Tatarusanu un comodo terzo gol.  THEREAU 7 E’ girato quando gli arriva la palla del possibile 2-1, spalle alla porta non indovina il tocco giusto e colpisce la traversa. Si rifà nella ripresa anticipando Tomovic.
DE CANIO (ALL.) 7 Salva l’Udinese.
DANILO 6,5 Intervento da possibile rigore su Alonso, ma cresce progressivamente.    WIDMER 6,5 Sua la palla che apre la strada del successo dell’Udinese. Vero combattente ovunque e contro chiunque.
BADU 6,5 Dopo regalo di Tatarusanu colpisce una clamorosa traversa.    KARNEZIS 6 Un grande intervento poi sulla seconda conclusione non può niente.    HEURTAUX 6 Corresponsabile sul pari viola, poi recupera.
WAGUE 6 Fa la sua parte.
FERNANDES 6 Suo il corner che innesta Zapata, positivo.
KUZMANOVIC 6 Continuo, copre buona parte del campo.
ALI ADNAN 6 Tiene la posizione.

MESSAGGERO VENETO
6 KARNEZIS Riesce a respingere il colpo di testa ravvicinato targato Zarate, non può nulla sul successivo tap in dell’argentino. Nel secondo tempo deve solo bloccare un sinistro centrale del solito Zarate.
6,5 HEURTAUX Poco attento nella marcatura di Zarate che puntualmente lo punisce. Si riscatta con un salvataggio in extremis su Bernardeschi che sta per calciare a pochi passi da Karnezis e soprattutto intercettando l’assist di Ilicic per Zarate solo davanti a Karnezis.
7 DANILO Gioca una partita di sostanza. All’inizio non ha un punto di riferimento, ma non si preoccupa. Quando entra Kalinic, che l’aveva scherzato all’andata, si mette l’elmetto in testa e non concede nulla al centravanti della Fiorentina.
6,5 WAGUE Per un destro naturale non è semplice giocare a sinistra. Due rinvii sballati con il piede mancino non possono però far passare in secondo piano una partita nella quale sfodera la solita forza fisica ma anche tanta attenzione.
7,5 WIDMER Di fronte non c’è Pasqual, uno che l’ha fatto sempre soffrire, ma Alonso. Comincia prudente, anche perché è il caso di dosare le forze, poi un paio di strappi dei suoi li piazza. Esplode nella ripresa con la bruciante accelerazione conclusa con l’assist a Thereau. E dietro non fa passare niente.
7 BADU Quando cambia passo sono dolori per tutti. Costringe Badelj al fallo d’ammonizione, e quando Tatarusanu rinvia corto lui è pronto a stoppare di petto e a calciare di esterno verso la porta, la palla finisce sulla traversa ma il tentativo avrebbe meritato miglior sorte. È lui a innescare Widmer nell’azione che decide la partita.
7 KUZMANOVIC Si piazza davanti alla difesa e inizialmente deve vedersela con Bernardeschi. Non si muove quasi mai dalla zona centrale se non per andare a raddoppiare quando vede un compagno in difficoltà. Meritatissimo il lungo applauso che il Friuli gli regala al momento del cambio.
6,5 FERNANDES Batte il calcio d’angolo del vantaggio, in fase di uscita è l’unico dei bianconeri che ha il coraggio e la personalità per giocare palla a terra. Innesca un paio di ripartenze mentre continua a essere poco efficace al tiro.
7 ADNAN Caricato a pallettoni, sfrutta la sua forza fisica e stavolta pur sbagliando i tempi di qualche giocata, riesce a rendersi utile anche nella costruzione del gioco. Appena lungo il traversone rasoterra per Zapata, cerca la conclusione col destro ma sulla traiettoria trova la testa di Tomovic. Dietro regge bene.
7,5 ZAPATA Sarebbe da 8 se non si mangiasse il 3-1. Dopo 2’ salta più alto di tutti e con una prepotente incornata schiaccia il pallone nell’angolino, all’11 costringe Tomovic ad abbatterlo, a inizio ripresa bis con Roncaglia. Gioca con una carica addosso che non si era vista con il Chievo. Così si fa.
7 THEREAU Una punizione di poco alta, e soprattutto la deviazione da sottomisura che va a scheggiare la traversa al tramonto del primo tempo. Era l’occasione che poteva far girare la partita. Riesce comunque a deciderla con la girata sotto la traversa. Il gol che vale trequarti di salvezza lo porta in doppia cifra. 6 HALLFREDSSON Non aveva ancora vinto una partita di campionato quando era sceso in campo. Né a Verona nè a Udine (squalificato con la sua ex squadra e in panchina con il Napoli).
6 MATOS Quindici minuti, recupero compreso contro la sua ex squadra a rompere le scatole al portatore di palla e a congelare il gioco nel recupero.
SV DOMIZZI Un piacevole ritorno in campo di un senatore che ha fatto la storia bianconera di questi ultimi anni. Adesso aspettiamo Totò.

IL GAZZETTINO

KARNEZIS 6 – Ha fatto il possibile per evitare il gol di Zarate. Per il resto pressoché inoperoso e sui pochi interventi effettuati è parso sempre molto sicuro.
HEURTAUX 6 – Ha sbagliato la diagonale sul gol di Zarate, poi ha salvato a pochi passi dalla porta su Bernardeschi e nel secondo tempo ha intuito un passaggio di Ilicic diretto a Kalinic. Nel complesso una buona gara.
DANILO 6,5 – Tranquillo e autoritario. Sempre abile anche nel gioco aereo. Nel primo tempo con un colpo di testa aveva consentito a Thereau (che ha colto la traversa) di calciare a colpo sicuro a tre metri dal portiere viola.
WAGUE 6,5 – Sempre attento, bravo anche nell’anticipo. In confortante crescita. BADU 6,5 – Inesauribile, bravo anche a propiziare il secondo gol. Il suo movimento ha creato non pochi problemi ai centrocam- pisti viola.
KUZMANOVIC 6,5 – Un lavoro oscuro, ma continuo in cui ha fatto valere la fisicità, l’esperienza, il senso della posizione. Si candida a diventare leader dell’Udinese. (47’st DOMIZZI sv)
WIDMER 7 – Ha trattato la Fiorentina come aveva fatto con il Napoli, superando il suo diretto avversario sulla corsia di destra, segnalandosi per alcune discese prepotenti, anche per lo splendido assist a Thereau al 9’della ripresa.
ALI ADNAN 6,5 – La miglior prestazione da quando è a Udine
FERNANDES 6 – A corrente alternata. Genio e sregolatezza. Ma l’Udinese non può prescindere da questo atleta. (33’st HALLFREDSSON sv -Un paio di recuperi
THEREAU 7 – Autore di una rete degna del campione, ma anche protagonista di una prestazione valida dal punto di vista quanti- tativo e qualitativo. Al suo decimo centro. (38’st MATOS sv)
ZAPATA 7 – Sovente ha fatto da solo attacco. Si è affidato al fisico, alle sue accelerazioni. Peccato per quel gol fallito al 20′ della ripresa. Ma è stato encomiabile, ha dato l’anima.

All. DE CANIO 6,5 – Diamo atto di aver rigenerato la squadra che non aveva brillato contro il Chievo. Bravo anche come strate- ga. La squadra lo ha seguito in tutto.

Caricamento sondaggio...
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy