Udinese: le pagelle dei quotidiani nazionali e locali

Udinese: le pagelle dei quotidiani nazionali e locali

Tutti i voti e le pagelle all’Udinese dopo la sconfitta con l’Inter

Commenta per primo!

I giudizi e i voti all’Udinese da parte dei tre quotidiani sportivi nazionali e dei due quotidiani locali.

CORSPORT
THEREAU 6,5  Puntuale e preciso nel dettare e poi capitalizzare il lancio di Badu: 7° centro su 11 in trasferta.
WIDMER 6,5 Laterale con i fiocchi, per senso della posizione e capacità di ribaltare l’azione.
ZAPATA 6 Innesca con Murillo una sfida di fisico e velocità. Murato da Handanovic ad un passo dal 2-2. Ammonito, sarà squalificato.
DE CANIO (all.) 6 L’Udinese gioca sempre, non specula nemmeno dopo il vantaggio. E nel finale rischia pure di pareggiare.
FELIPE 6 Nei corpo a corpo con Icardi ha spesso la meglio. Non è abbastanza, però.
FERNANDES 6 Spunta dall’ombra soltanto una volta, ma per poco non diventa un’altra volta decisivo a San Siro: è la traversa a dirgli di no.
BADU 6 Basta un suo lancio per far saltare tutta l’impalcatura difensiva nerazzurra. Si spegne presto.
EDENILSON 5,5 Scivola davanti a Jovetic sull’1-1. Potrebbe rimediare, ma Handanovic disinnesca il suo diagonale. Biabiany lo brucia per il sorpasso interista.
KUZMANOVIC 5,5 Ex senza rimpianti. Lento sia nell’avanzare sia nel rincorrere.
KARNEZIS 5,5 Dopo un primo tempo quasi tranquillo, la ripresa diventa presto una sorta di tirassegno. Resiste, fino a che lascia passare il cross di Biabiany.
DANILO 5,5 Alla fine cede pure il suo muro: si addormenta sul raddoppio di Jovetic.
WAGUE 5 Ogni volta che un attaccante nerazzurro svaria dalla sua parte, si aprono voragini, vedi assist di Icardi per il gol di Jovetic.

TUTTOSPORT
KARNEZIS 6.5 Attento su Kondogbia al 16′, miracoloso su Brozovic.
WAGUE 5 L’anello debole della retroguardia.
DANILO 6 Guida la difesa e spesso si stacca a seguire Jovetic.
FELIPE 6.5 E’ il migliore tra i centrali. Matos (36′ st) ng.
WIDMER 5.5 Potrebbe far male sulla fascia, invece si limita al compitino.
BADU 6.5 La sua partita inizia col bellissimo lancio per il gol di Thereau. E’ dappertutto.
KUZMANOVIC 6 Il solito geometra in campo.
FERNANDES 5.5 Primo tempo apatico, nella ripresa si illumina. Hallfredsson (40′ st) ng.
EDENILSON 5.5 Scivola nell’occasione del primo gol di Jovetic; prova il 2-1 in contropiede, Handanovic dice no. Pasquale (31′ st) ng.
ZAPATA 6 Quando parte palla al piede è inarrestabile. Ammonito, salterà la sfida col Torino.
THEREAU 6.5 Il gol, 11° in campionato, è bellissimo.
ALL. DE CANIO 6 Se la gioca, la squadra sta bene e si vede.

GAZZETTA DELLO SPORT
KARNEZIS 7 – E poi si sveglia l’Inter. Kondo gli tira una sassata, lui stucca. Dopo, miracolino su Brozovic e tempismo su Perisic. Sono gli altri a sfarfallare.
WAGUE 5 – Bene fino a quando Icardi non lo prende come un boa: gli gira attorno ed è assit per Jovetic. Dopo non ci casca più, ma nei giochi bassi è fritto.
DANILO  5 – Esce uno dei migliori (Felipe) e resta in campo lui, dirigente della baracca là dietro. Il problema è che sullo Jo-Jo bis è assente ingiustificato. Indietro e piantato.
FELIPE 6,5 – Nel primo tempo ha una carica pazzesca: va su tutto, prende di tutto. Evidentemente costretto (?) a uscire, risulta uno dei migliori per reattività.
WIDMER 6 – Non ha fatto una delle sue gare, una di quelle travolgenti. Gli può arrivare la palla giusta, ma Jesus lo anticipa. Insomma, è tipo da fuochi migliori.
BADU 6,5 – Lancio fantastico da 45 metri per la magia di Thereau che vale lo 0-1. Una presenza viva e collaborativa nel mazzo di una Udinese mai arrendevole.
KUZMANOVIC 6 – Gioca da regista e onestamente – pur avendo piedi non fatati – sa aprire alcune buone danze dando però come sempre più sostanza che idee. FERNANDES 6 – La traversa è il suo primo acuto della serata: la sufficienza nasce tutta lì. Perchè fa una gara un po’ bloccata, meno interventista e da lui. EDENILSON 6 – La bella idea di andare in aiuto quando nasce l’1-1 dell’Inter ma, sul più bello, scivola. Si vuole rifare: diagonale, Handa smanaccia.
THEREAU 7 – Il gol, superlativo per condizione spazio-tempo, poi la solita capacità di esserci per tutti e di estrapolare anche qualcosa per sè. Giocatore prezioso e velenoso.
ZAPATA 6 – Una pantera che prende velocità e mette cattiveria. E’ soprattutto lui che può picchiare duro infilando il 2-2 al tramonto: niente. Saluti.
PASQUALE S.V. – Si mette ovviamente largo per aprire il gioco e per far inserire altri elementi. Niente da dichiarare.
MATOS S.V. – Quando entra lui, l’Udinese aumenta il voltaggio: qualcosa succede, ma non abbastanza per il pareggio.
HALLFREDSSON S.V – Vede e vive 5 minuti di partita ma ha un pallone da calciare per scrivere un bel capitolo. Handa gli chiude il libro dei sogni.
DE CANIO 6 – Gli va la sufficienza perchè comunque ha rianimato una questione che pareva inerme. E lo ha fatto dando ai suoi sempre una ragione e una idea per combattere a testa alta.

MESSAGGERO VENETO
6,5 KARNEZIS Ci mette i pugni sul sinistro di Kondogbia che riesce a lavorare sull’esterno. Sul gol può fare solamente lo spettatore. Da evidenziare la parata sul destro di Brozovic destinato nell’angolino basso. Un po’ impacciato su un destro di Jovetic e quando non “sporca” a sufficienza il cross di Biabiany che porta al secondo gol.
5,5 WAGUE Preferito a Heurtaux, commette un paio di indecisioni da circoletto rosso. La prima con una palla persa a centrocampo, la seconda quando fa girare con troppa facilità Icardi che mette Jovetic solo davanti alla porta. Si riprende nella ripresa, sua la torre nel finale per l’occasione di Zapata.
5,5 DANILO Partita di sofferenza. Jovetic va spesso incontro per ricevere palla e lui lo segue perchè questo sono evidentemente le istruzioni. Un po’ frenetico in alcune circostanze quando spazza l’area invece di uscire palla al piede. E sul gol del vantaggio nerazzurro non è immune da colpe.
6,5 FELIPE Molto sollecitato soprattutto dai tagli di Icardi e dai traversoni che arrivano dalla fascia destra. Sempre presente e puntuale, da applausi un intervento con la punta del piede a stoppare un avversario che lo punta. E anche nella ripresa in area le prende quasi tutte lui.
7 WIDMER Comincia con uno stacco perentorio che crea un po’ di ansia ai difensori dell’Inter. Tenta un complicato assolo in mezzo a tre avversari che per una questione di centimetri non si conclude con un assist per Thereau. Nella ripresa, alza i giri del suo motore: assist a Bruno Fernandes e destro strozzato sull’esterno della rete.
6,5 BADU Il lancio con il quale manda in porta Thereau è dosato al millimetro. Compre zone di campo enormi e, oltre ad andare in soccorso del compagno in difficoltà, gestisce palla meglio rispetto al solito. Nel finale non riesce a fermare Eder, ma non gli si può rimproverare nulla.
6,5 KUZMANOVIC Bello aggressivo quando è necessario, ma anche temporeggiatore. Legge sempre bene le varie situazioni e non molla di un centimetro. Cala un po’ alla distanza, ma è lui a guidare l’assalto finale. Sempre più calato nel ruolo di uomo guida della squadra.
6 FERNANDES È tra quelli che forse risentono di più del terzo impegno nell’arco di sette giorni. Comincia con un tacco smarcante per Edenilson, cuce il gioco. Nella ripresa comincia sbagliando l’assist di prima per Zapata (forse poteva stoppare la palla prima di passarla), poi è sfortunato quando la sua volée scheggia la traversa. 5 EDENILSON Abbastanza intraprendente all’inizio; la conferma la si ha con il cross mancino per la testa di Widmer. Riesce sempre a chiudere su Nagatomo, non su Jovetic. Fa bene la diagonale, ma poi si perde in maniera clamorosa il montenegrino che può mettere in rete facile facile. Non abbastanza deciso davanti ad Handanovic, poi si perde Biabiany che serve a Jovetic il 2-1.
6 ZAPATA I difensori dell’Inter sono un po’ più smaliziati di quelli della Fiorentina. Lui, però, li tiene in apprensione fino all’ultimo quando in mischia difende palla e calcia su Handanovic. Ammonito, salterà il match contro il Torino. 6,5 THEREAU Eguaglia il suo record di gol in serie A (11) con la rete forse più spettacolare della stagione. Sul lancio di Badu si coordina alla perfezione piazzando con il destro il pallone nell’angolino dove nemmeno un drago come Handa può arrivare. Poi combina pochino fino al sinistro alzato sopra la traversa dal portiere nerazzurro.
6 PASQUALE Gioca venti minuti recupero compreso. Edenilson non ne aveva da un po’, doveva entrare prima del 2-1. Si tiene largo sulla sinistra per cercare qualche spazio.
SV MATOS De Canio lo inserisce al posto di Felipe passando al 4-3-3. Lui si piazza largo a destra, gioca pochi palloni per essere giudicato.
4 HALLFREDSSON Ha sul piede buono, il sinistro, il pallone del 2-2 ma lo svirgola come peggio non potrebbe. Non riesce proprio a lasciare il segno in questo campionato.

IL GAZZETTINO
KARNEZIS 7: Portiere totale. Non sbaglia niente, non ha colpe in occasione dei tre gol. Ne evita altrettanti.
MOLLA WAGUE 5.5: Si addormenta su Icardi sull’1-0 dell’Inter. Che è un po’ come addormentarsi vicino a un cobra.
DANILO 5.5: Anche Dani- lo sembra più distratto ri- spetto al solito. Manca la copertura su Jovetic in oc- casione dell’1-0. Altre volte si fa passare dagli attaccan- ti nerazzurri.
FELIPE 6: Il migliore del reparto arretrato. Quando Icardi gli capita a tiro finisce disinnescato. Si fa vede- re anche in attacco. Finisce sostituito da Matos (sv). WIDMER 6: Altra buona prestazione del treno di Aarau. Da quella parte l’In- ter non ne becca una. Per poco non sforna l’assist per il 2-1 di Thereau. Ma c’è la traversa.
EDENILSON 5: De Canio non lo vedeva esterno sini- stro. Aveva ragione. Lo ha provato comunque. Forse ha sbagliato. Disastroso.
BADU 5.5: Inizia da leone, come vuole il soprannome della sua nazionale. Chiu- de stanco, impreciso e ri- schiando un rigore per un possibile fallo di mano. Ri- poserà, gli serve.
KUZMANOVIC 6: Non soffre il centrocampo dell’In- ter, prima di tutto perché c’è poco da soffrire. Imposta, è dinamico, urla e co- manda. Capitano del domani?
BRUNO FERNANDES 5: È tornato quello di prima. Purtroppo.
THEREAU 7: Al volo, con palla da dietro, a San Siro. Gol numero 11, il più bello. ZAPATA 5.5: Il Panteròn fa scintille con Murillo e Mi- randa. Però da quelle scin- tille non si accende nulla.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy