Udinese: Le pagelle dei quotidiani nazionali e locali

Udinese: Le pagelle dei quotidiani nazionali e locali

Le pagelle all’Udinese da parte dei tre quotidiani sportivi nazionali e dei due locali.

Commenta per primo!

Le pagelle all’Udinese dai tre quotidiani sportivi nazionali e dei due locali.

CORSPORT
KARNEZIS 6,5 Bravo e fortunato, soprattutto quando Bacca lo…centra da pochi passi.
ARMERO 6,5 Segna il classico gol dell’ex: una beffa atroce per il Milan.
LODI 6  Molto bene nel primo tempo, ma nella ripresa sbaglia un gol clamoroso e il Milan trova il pari sulla ripartenza.
DANILO 6  Cerca di coordinare al meglio l’azione difensiva.
EDENILSON 6  Spinge sulla destra, anche se a corrente alternata.
BADU 6 Cerca di dare qualità in mezzo al campo. Ammonito, sarà squalificato in casa contro il Bologna.
KUZMANOVIC 6 Cerca il gol, glielo nega Donnarumma. Una partita di sostanza.
COLANTUONO all. 6  Un punto prezioso quello ottenuto a San Siro contro un avversario rabbioso.
FELIPE 5,5 Tiene in gioco Bacca quando il colombiano sbaglia il gol del 2-1.
WAGUE 5,5 Quasi sempre attento: Niang gli sfugge in occasione del gol.
ZAPATA (21′ st) 5,5 Non è ancora al meglio della condizione.
THEREAU 5,5  Solo un guizzo (prima super-parata di Donnarumma sul gol).
GUILHERME (19′ st) 5,5 Prende il posto di Lodi, ma non riesce a contrastare lo strapotere rossonero nel finale.
MATOS 5,5 Dovrebbe dare più velocità alla manovra d’attacco. Missione fallita.

TUTTOSPORT
KARNEZIS 6.5 Reattivo sul colpo di testa ravvicinato di Bacca.
WAGUE 6 Macchiauna buona prestazione con la disattenzione sul gol del pareggio di Niang.
DANILO 7 Mura gli inserimenti centrali, guida bene il reparto.
FELIPE 6 Diverse sbavature con la palla fra i piedi, ma dietro regge l’urto. EDENILSON 6 Spegne Kucka, soffre invece la spinta di Antonelli e Niang.
BADU 6.5 La corsa al servizio della squadra. Contrasta, ruba palloni e riparte. Ammonito, salterà per squalifica la prossima gara contro il Bologna.
LODI 6.5 Prestazione sontuosa, peccato fallisca il 2-0. Sostituito dopo essere stato ammonito. Guilherme (19 st) 5.5 Entra e l’Udinese non riparte più.
KUZMANOVIC 6 Ex Inter, duella in mezzo al campo e aiuta nel finale da battaglia. ARMERO 6.5 Il gol dell’ex che non ti aspetti. Per un tempo è un pendolino, poi cala e dietro balla. Widmer (29′ st) ng.
MATOS 6 Per 50 minuti è una scheggia impazzita, poi si spegne. Zapata (21 st) 5.5 Non riesce a far respirare la squadra.
THEREAU 5.5 Un pestone di Alex lo condiziona, ma non riesce a pungere.
ALL. COLANTUONO 6.5 L’Udinese fa la sua partita, difficile chiedergli di più.

GAZZETTA
DANILO 7 -Uno che non perde mai la testa, anche quando l’aggressione del Milan si fa più insistita. Soprattutto nel finale, da vecchio «libero» gestisce i pericoli e fa respirare.
KARNEZIS 6,5 – Niente di trascendentale: ma comunque risponde a Bacca, Balo e Montolivo.
WAGUE 5,5 – Dopo un primo tempo spesso in anticipo su Niang, problemi con la catena Antonelli- Niang-Bacca (spostato a sinistra).
FELIPE 6 – Come Danilo ci mette senso della posizione ed esperienza.
EDENILSON 5,5 – Buona intesa con Badu per 45’, poi il Milan attacca più convinto e lui deve abbassarsi. Con Widmer si sposta a sinistra.
BADU 6 – Un altro che gioca due partite: un tempo grintoso, tra Bertolacci e Kucka, un altro difficile. Rischia il secondo «giallo».
LODI 5,5 – Regia tranquilla che si esaurisce nella ripresa. Ha il 2-0 (ma l’azione è viziata da offside): c’è Donnarumma, ma lui sbaglia.
GUILHERME 6 – Al posto di Lodi, sbriga il compito.
KUZMANOVIC 6 – Lanci interessanti, meno filtro su Montolivo. Traversa prima del gol di Armero.
ARMERO 6,5 – Debutto e gol dell’ex: meglio non poteva. Poi cala.
WIDMER 6 – A destra per Armero. Solo per difendere.
MATOS 5,5 – Non male. Un tipo duro, anche troppo, ma sa muoversi: avrà occasioni meno complicate.
ZAPATA 5 – Per Matos: non si vede.
THEREAU 5 – Mezzi tecnici superiori ma quando prevale l’indolenza è una fatica. Sul gol dei Armero c’è anche il suo tiro parato.
ALL. COLANTUONO 6,5 – Strategia intelligente nel primo tempo, poi crollo fisico. Non può fare di più.

MESSAGGERO VENETO
6,5 KARNEZIS Il primo tiro nello specchio della porta il Milan lo confeziona al 43’: è firmato Montolivo e non procura alcun problema all’estremo difensore friulano. Nella ripresa mette i pugni su Bacca e Montolivo e sul destro di Bertolacci che rimpalla sulla traversa e sulla sua schiena blocca a pochi centimetri dalla linea.
6,5 WAGUE Con Niang dà vita a un duello fatto di muscoli e velocità. Lo vince nettamente nel primo tempo, si deve inchinare all’avversario nella ripresa ma i demeriti non sono suoi. E nell’assalto all’arma bianca del Milan fa valere la sua potenza con un paio di salvataggi provvidenziali.
7 DANILO Eccolo qui il centrale solido e di sostanza che si era guadagnato la stima e la considerazione di tutti. A Bacca concede un colpo di testa che poteva risultare fatale su azione di mischia, ma per il resto è perfetto soprattutto quando il colombiano va a puntarlo. Sempre in aiuto del compagno in difficoltà.
6,5 FELIPE Un paio di chiusure di testa che costano due calci d’angolo sono le uniche macchioline di una partita per il resto da applausi per concentrazione e tattica. Solo negli ultimi minuti va un po’ in difficoltà accusando la fatica dei 180’ in quattro giorni.
6 EDENILSON Nel primo tempo viaggia che è un piacere sulla corsia destra creando non poche apprensioni ad Antonelli. Intelligente il retropassaggio a Badu nell’azione del vantaggio e quando Armero ha finito la benzina viene spostato sulla corsia mancina per tamponare le ultime folate rossonere.
6 BADU Pronti, via e regala un pallone ad Antonelli. Sul terzino rossonero commette un fallo da ammonizione e poi se lo fa sfuggire in due occasioni sulla sponda di Bacca. Però è decisivo nella costruzione del vantaggio. E nella battaglia finale regge bene l’urto.
5 LODI Nel primo tempo è uno dei migliori dell’Udinese, nella ripresa si… trasforma. Perde subito un pallone sanguinoso non sfruttato da Montolivo e Balotelli. Si mangia il 2-0 e si innervosisce. Sbaglia un paio di passaggi, prende un giallo e a quel punto Colantuono lo toglie.
6 KUZMANOVIC Con un tap-in di testa mette il pallone vicino all’incrocio dei pali ma non basta per fare gol a Donnarumma. A livello di gestione della palla viaggia bene per un’ora, poi comincia a sbagliare anche lui. Però in previsione futura la sua prestazione è confortante.
7 ARMERO L’imprevedibilità del calcio. Alzi la mano chi avrebbe mai pensato di rivederlo in serie A con la maglia dell’Udinese. E invece eccolo qui a segnare da ex al Milan un gol alla Pippo Inzaghi. Non ha i novanta nelle gambe, ma lotta come un leone. Da applausi il recupero in scivolata su Abate.
6,5 MATOS Gioca una partita di grande sacrificio. Nel primo tempo lascia sul posto Abate con una finta da applausi, poi esagera e cerca l’assolo invece di servire Kuzmanovic. È lui che mette sul sinistro di Lodi un pallone che chiede solo di essere messo in porta.
6 THEREAU Idem come sopra. Per tutto il primo tempo va ad aggredire i difensori del Milan già al limite dell’area di rigore. Inevitabile che alla lunga distanza cali. Resta però la prestazione utile al servizio della squadra. Da non sottovalutare un paio di falli guadagnati che fanno respirare la difesa.
5,5 GUILHERME È vero che entra nel momento più complicato della gara, ovvero quando il Milan comincia ad alzare i giri del suo motore, però in fase di palleggio commette qualche errore di troppo. Montolivo sembra diventare veloce vicino a lui.
5,5 ZAPATA Non entra con il piglio giusto, ovvero quello di chi deve far far sentire la sua fisicità e tenere qualche palla. Evidentemente non aveva ancora “digerito” i 90’ di mercoledì a Empoli.
6 WIDMER Gioca gli ultimi venti minuti, ovvero quando la squadra è in trincea. Riesce a uscire dal guscio una sola volta e piazza un cross lento nella zona di Alex. Però in fase di contenimento ha retto.

IL GAZZETTINO

KARNEZIS 7 – Bravo e fortunato. Ancora una volta il migliore e determinante per le fortune dei bianconeri, vedi la parata d’intuito su deviazione ravvicinata di testa da parte di Bacca.
WAGUE 6,5 – Impeccabile il suo primo tempo in cui ha lasciato le briciole a Niang. Poi nella ripresa si è fatto sorprendere sul lancio a tagliare calibrato per Bacca che ha segnato il gol del pareggio. Quindi è tornato a difendere alla grande, specie nel gioco aereo.
DANILO 7 – Rieccolo al top o quasi. Autentico signore e anche gladiatore nella propria area.
FELIPE 6 – Grintoso anche troppo, pasticcione, oltre il lecito, non il miglior Felipe, ma la sua fisicità è servita, eccome.
EDENILSON 6 – Ha sofferto in chiusura. Bene o male ha retto.
BADÙ 6 – A tutto campo, alla… Badu. Ma la precisione sovente ha rappresentato un optional per lui. Ammonito per essere entrato in ritardo sull’avversario si è “beccato” un giallo pesante e salterà il Bologna.
LODI 5,5 – Il dottor Jekyll e il signor Hyde. Splendido il suo primo tempo nel quale ha ricamato. Poi con l’avvio della ripresa si è spento, anzi inguardabile, sempre in ritardo sul pallone, stonato pure nell’aprire il gioco, senza scordarci del gol fallito al 3′ e sul capovolgimento di fronte il Milan ha punito i bianconeri.
(19’st GUILHERME 5,5 – Non ci siamo. Ancora in ritardo di condizione, lento oltre il lecito anche se si è reso protagonista di un paio di precisi disimpegni).
KUZMANOVIC 6 – Uomo di fatica. Ha esperienza e sa tenere il campo. Un po’ lento nei movimenti, ma non di pensiero. Non è ancora il vero Kuzmanovic anche perché non è in grado di tenere per tutti i 90′ ed ha concluso in apnea.
ARMERO 6,5 – Che bella sorpresa! Sembrava dovesse partire dalla panca, ma una volta in campo si è reso protagonista di un ottimo primo tempo ed ha il grande merito di aver segnato il gol con cui saluta il suo rientro a Udine, nell’unica squadra italiana dove ha fatto bene. Poi è calato, ha commesso quale fallo di troppo, meno male che Colantuono lo ha richiamato dopo che il colombiano aveva commesso un fallo su Honda in area pur abbastanza veniale.
(24’st WIDMER 6 – Doveva correre, doveva tamponare. Il suo lo ha fatto)
THEREAU 6 – Meno bello e meno appariscente che in altre occasioni, ma il suo lo ha fatto anche indossando il saio.
MATOS 6 – Le sue accelerazioni hanno di tanto in tanto creato scompiglio nel sistema difensivo. Bravo a servire il pallone per il possibile 2-0 a Lodi poi è calato vistosamente dal punto di vista atletico.
(21’st ZAPATA 5,5 – Quando è entrato poteva combinare ben poco, con la squadra a difendere Fort Apache).
All. COLANTUONO 7 – Diamogli il merito di aver azzeccato le scelte soprattutto quella di Armero.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy