Udinese: le pagelle dei quotidiani nazionali e locali

Udinese: le pagelle dei quotidiani nazionali e locali

Tutti i voti e i giudizi all’Udinese arrivati dalla stampa nazionale e locale dopo la sconfitta col Bologna

Commenta per primo!

I voti all’Udinese da parte dei tre quotidiani sportivi nazionali e dei due locali.

CORRIERE DELLO SPORT
Hallfredsson 6,5 Un guerriero che non molla mai. Avrà un piede di marmo, ma averne, come lui.
Thereau 6,5 Tra i più brillanti, resta un mistero la sua sostituzione.
Armero 6 Il salvataggio in tackle su Donsah vale un gol. Sulla parata-palo di Da Costa arriva scomposto per il tap-in: è un gol sbagliato.
Di Natale (32’st) 6 Vivace, attivo, con buone idee.
Kuzmanovic 6 E’ in crescita, becca anche il palo. Regge poco più di un’ora.
Fernandes (dal 19’st)
Danilo 6  Lo tradisce Heurtaux. Fin lì era stato più che dignitoso.
Felipe 6 Difende bene, coglie il palo di testa nel finale.
Karnezis 6 Alza sulla traversa una punizione di Destro. E’ l’unica parata, poi viene salvato dal palo, graziato da Donsah e trafitto da Destro.
Matos 5,5 Gioca un’oretta scarsa, combina davvero poco.
Colantuono (all.) 5,5 E che può fare? Non vince da sette partite. Ha una squadra con poca qualità. Ma colpe specifiche non ne ha.
Heurtaux 5 Errore grave: fa blocco su Danilo che sta marcando Destro.
Edenilson 5 Svagato: sbaglia spesso la scelta delle giocate.
Lodi 5 Fraseggio approsimativo, tanti errori in costruzione.
Zapata (dal 13’st) 5 Si divora il gol del pari sciabattando a lato.

TUTTOSPORT
KARNEZIS 6 Non ha colpe sul gol del Bologna. Chiamato in causa poche volte. HEURTAUX 5 Commette l’errore decisivo sulla rete di Destro spianandogli la strada.
DANILO 5.5 E’ meno colpevole del compagno sull’episodio del vantaggio bolognese, ma non è preciso.
FELIPE 6 Il migliore del reparto, colpisce anche il palo sul finale.
EDENILSON 5 Non buona la sua partita, non riesce mai a fare la giocata giusta quando si proietta in avanti.
KUZMANOVIC 6 Alterna buone cose a interventi imprecisi. Esce quando non ne ha più. Fernandes (19’ st) 5.5 Doveva dare il cambio di passo alla squadra, ma si perde subito.
LODI 6 Tenuto a bada dagli avversari, non riesce a fare quello cui è abituato.
HALLFREDSSON 6 Ci mette il fisico e la volontà. Qualche sbavatura, ma deve ancora entrare nei meccanismi della squadra.
ARMERO 6 Non male la sua partita, sia in fase difensiva, sia propositiva. Se continua così potrebbe ritornare ad essere il giocatore già visto a Udine anni fa. THEREAU 6 Non fa una grande partita, sbaglia molto, ma è utile. Di Natale (32’ st) 6 La classe è sempre dalla sua.
MATOS 5.5 Meno veloce e incisivo di altre volte con tutte le attenuanti del caso. Zapata (13’ st) 5.5 Ha la palla del pareggio, ma la sbaglia clamorosamente.
All. COLANTUONO 5.5 Non riesce a far cambiare marcia alla squadra nemmeno con i cambi.

GAZZETTA DELLO SPORT
HALLFREDSSON 6,5 – In settimana ha spiegato che non formazione laziale, che si trovava nel 4-4-2. Ieri ha spiegato perché rende meglio da mezz’ala nel 3-5-2: suo il record di giornata di cross (6).
KARNEZIS 6 – Punizione di Destro: rischia, fa mezzo passo a destra, rimedia con la mano di richiamo.
HEURTAUX 5 – Concorso di colpa con Danilo sul gol.
DANILO 5 – Peccato per lo sciagurato blocco su Heurtaux: non aveva sbagliato niente.
FELIPE 6,5 – Impeccabile. E prende il palo su punizione di Lodi
EDENILSON 5,5 – Va in difficoltà davanti al mobilissimo Giaccherini.
KUZMANOVIC 6 – Vicinissimo all’1-0, poi qualche errore.
BRUNO FERNANDES 5,5 – Entra nel momento critico con la squadra iN affanno. Non lascia il segno.
LODI 6 – La solita quantità di palloni giocati: 48 passaggi positivi, 10 lanci. Soffre la vitalità di Diawara.
ARMERO 5,5 – Potrebbe ripetere San Siro, ma il tap-in gli riesce male.
MATOS 6 – Piccolo passo indietro. Comincia a girare l’accusa: è un dribblomane.
ZAPATA 5 – Imperdonabile l’errore nel finale: si mangia il gol del pari.
THEREAU 5,5 – Gran movimento sulle fasce. Ma la mira è imprecisa.
DI NATALE 6 – Subito in partita: reattivo e scattante.
ALL. COLANTUONO 6 – Sconfitta strana ed evitabile. Gioco non da buttare: meritava il pari.

MESSAGGERO VENETO
6 KARNEZIS Fortunato quando il sinistro di Mounier deviato da Danilo finisce sul palo con lui già proteso in tuffo dalla parte opposta. Alza sopra la traversa la punizione di Destro, nel secondo tempo non viene mai chiamato in causa fino al momento del gol che decide la contesa.
5 HEURTAUX Nell’azione del gol combina un mezzo pasticcio andando a ostacolare Danilo impegnato nel contenere Destro. L’errore costa caro e macchia una prestazione che in fase difensiva era stata sin lì discreta. Paga quell’episodio da un punto di vista psicologico commettendo un paio di errori in appoggio.
5,5 DANILO Rischia senza alcuna responsabilità l’autorete, poi duella ad armi pari con Destro al quale concede poco e niente fino all’azione del gol (da applausi una chiusura in scivolata al 10’ della ripresa). Meno responsabile rispetto a Heurtaux in occasione dell’episodio chiave, ma anche lui nella circostanza poteva fare qualcosa di più.
6,5 FELIPE Il migliore della difesa e non solo. É vero che Mounier e eRizzi neanche messi assieme valgono Giaccherini però dalla sua parte i pericoli arrivano con il contagocce. Nel finale stacca in anticipo sulla punizione di Lodi ma la sua girata termina sul palo.
5,5 EDENILSON Lascia troppi metri a Giaccherini che nella prima mezzora fa il bello e il cattivo tempo. Poi comincia a essere più aggressivo e le cose migliorano. Per quanto riguarda il dosaggio dei cross è il caso di registrare qualcosa.
6 KUZMANOVIC Nella prima mezzora risulta l’attaccante più pericoloso dell’Udinese. Al 7’ Morleo gli toglie il pallone dalla testa, al 30’ una sua incornata destinata sul secondo palo viene intercettata da Da Costa. La condizione è ancora imperfetta e infatti è il primo giocatore a essere sostituito da Colantuono.
6 LODI Un pallone perso all’inizio potrebbe costare caro, per sua fortuna il Bologna non lo sfrutta. Cerca di distribuire la palla con buona velocità a volte ci riesce altre meno. Prima del riposo potrebbe concludere dal limite, ma preferisce il passaggio filtrante a Thereau che è in fuorigioco. Sua la punizione per Felipe che finisce sul palo.
6,5 HALLFREDSSON Il migliore dell’Udinese per continuità e intraprendenza. Confeziona un numero consistente di cross, i migliori sono quelli nel primo tempo per Kuzmanovic e Thereau. Sul piano dell’intensità è sicuramente il nuovo acquisto più preparato da un punto di vista fisico.
6 ARMERO Stavolta il tap-in vincente sulla respinta di De Costa non gli riesce. In ritardo su Donsah, ma in qualche modo riesce a fermare l’avversario. Si ritrova un pallone da calciare al limite dell’area ma preferisce servire Thereau. La condizione, comunque, non è malaccio.
6 THEREAU L’incornata sull’assist di Hallfredsson è un gol sbagliato, il destro al volo che sfiora il palo è anche questione di sfrotuna. Suò l’assist per il colpo di testa di Kuzmanovis, sua la conclusione respinta da Gastaldello. Insomma, in tutte le azioni più pericolose dell’Udinese c’è lui.
5 MATOS Un passo decisamente indietro rispetto alle gare con Empoli e Milan. Se viene costretto a giocare spalle alla porta, perde gran parte della sua efficacia. Era praticamente impossibile arrivare sul cross di Thereau che schizza sull’erba bagnata. Esce per fare posto a Zapata.
6 FERNANDES Prende il posto di Kuzmanovic. Comincia con due buone iniziative e una apprezzabile apertura per Armero poi cerca un paio di giocate complicate e le sbaglia. Non sembra essere in fiducia.
5 ZAPATA Sicuramente l’impatto fisico sulla partita è importante, ma fallisce una clamorosa occasione che pesa enormemente sul giudizio finale e continua a giocare troppo da solo affidandosi un po’ troppo alla sua forza fisica. Oltre al gol sbagliato piazza una sponda per Thereau, un assist per Di Natale che è in fuorigioco
6 DI NATALE Non abbastanza freddo sulla girata che calcia tra le braccia di Da Costa, segna un gol in fuorigioco, piazza anche una sponda di testa. Insomma, dimostra di essere ancora vivo. Se si allena bene un tempo di qualità lo può garantire.

IL GAZZETTINO

KARNEZIS 6 – Un solo intervento degno di nota per il portiere greco dei bianconeri, nel primo tempo, quando ha deviato in angolo una punizione maligna di Destro.
HEURTAUX 4.5 – All’inizio ha pasticciato un paio di volte e ha commesso anche un inutile fallo al limite su Destro, ma sulla punizione del bomber del Bologna ci ha messo una pezza Karnezis. Poi è andato in confusione sul gol-vittoria dello stesso attaccante felsineo, facendo «velo» a Danilo. Incredibile. Una giornata davvero storta per il difensore francese, da archiviare in fretta e furia.
DANILO 6 – Diligente per quasi tutto il match. Però in parte pure lui risulta colpevole sul gol decisivo di Destro.
FELIPE 7 – Nel complesso il migliore della retroguardia. Tempestivo negli anticipi, cattivo nei momenti in cui c’erano da mostrare gli artigli, splendido nell’incornata sulla punizione di Lodi che avrebbe meritato il gol. Ma il palo gli ha negato questa gioia, penalizzando conseguentemente tutta la squadra.
EDENILSON 5 – Continua a non convincere. Né carne, né pesce. Mai ha affondato i colpi, mai ha inciso veramente sulla sfida.
KUZMANOVIC 6 – Ha iniziato bene e nel primo tempo è stato uno dei migliori, quando lo ha aiutato la sua fisicità. Ha anche colpito il palo. Poi d’improvviso si è accesa la spia rossa: il carburante era finito.
FERNANDES 6 – Qualche buona soluzione, ma da lui è lecito pretendere di più.
LODI 5 – lento e impreciso. Non il solito Lodi, tanto che nel mezzo è stato sovrastato dai vari Diawara e Taider.
HALLFREDSON 7 – È partito male, con un paio di pasticci che potevano costare altrettanti gol. Poi ha ritrovato concentrazione, attenzione, estro, velocità e nel mezzo è parso un leone. Ha pennellato a fine primo tempo un cross per la testa di Thereau, che ha colpito male. Ma spesso ha predicato nel deserto.
ARMERO 6.5 – Ha dato vivacità alla manovra. Finalmente l’Udinese ha un cursore che spinge sulla sinistra. Stavolta ha tenuto sino alla fine.
THEREAU 5.5 – Non il migliore Thereau, stranamente impreciso. Ma il meno peggio del reparto offensivo. Ha corso e lottato, però questi restano per lui tempi di magra.
DI NATALE 5 – In altri tempi avrebbe tradotto in gol la respinta di Da Costa, invece ha voluto “restituire” la palla al portiere. Prevedibile nei suoi movimenti, ma è uno dei meno colpevoli.
MATOS 4.5 – Dribblomane. Individualista. Deve imparare a giocare con la squadra. Non può pensare che possano bastare le sue accelerazioni per creare problemi alla difesa avversaria.
ZAPATA 4.5 – Male. Lotta, ma fa confusione e quando ha la palla buona per segnare, la sbaglia in maniera incredibile.
L’ALLENATORE COLANTUONO 5 – Ha voluto insistere su Matos, ma il brasiliano lo ha tradito. Per lui la gara con il Bologna doveva rappresentare l’inizio della riscossa, invece continua la Via Crucis.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy