Udinese: Le pagelle dei quotidiani nazionali e locali

Udinese: Le pagelle dei quotidiani nazionali e locali

Le pagelle all’Udinese dopo la gara con la roma da parte dei tre quotidiani sportivi e dei due locali

Commenta per primo!

Le pagelle  e i giudizi alla prestazione dell’Udinese con la Roma da parte dei quotidiani specializzati e dei due locali.

CORRIERE DELLO SPORT
D. ZAPATA (1′ ST) 6,5  Col colombiano, l’Udinese cambia faccia. Duvan colpisce un palo dopo pochi minuti e fa l’assist, rubando di forza a Manolas lo spazio in piena area.
THEREAU 6,5 Inizia come prima punta e nella ripresa si trasforma in ala sinistra. La sua sostituzione si spiega solo con un problema fisico.
BRUNO FERNANDES 6 Solo il gol, anche se inutile, lo porta alla sufficienza. KARNEZIS 6 Non ha nessuna responsabilità sull’1-0 e forse una macchiolina (si fa bruciare in uscita) sul 2-0, ma nel primo tempo fa un paio di belle parate.
MATOS (28′ ST) 6 Entra bene in partita.
LODI 5,5 Gestisce la manovra senza smalto.
HALFREDSSON 5,5 Corre e sbaglia nella stessa misura.
ALI ADNAN 5,5 Salah lo frega sull’assist dell’1-0.
WIDMER 5 Incerto dall’inizio alla fine.
BADU 5 Dovrebbe controllare Keita. Dovrebbe.
COLANTUONO (ALL.) 5 La sua squadra quasi non esiste per 70 minuti su 90.
DANILO 4,5 Entra colpevolmente sui due gol.
FELIPE 4,5 Come il suo compagno Danilo: errori pesanti.
EDENILSON 4,5 Frastornato da Digne e sostituito da Colantuono.

TUTTOSPORT
KARNEZIS 5.5 Non è incolpevole del tutto sui gol della Roma, a volte è parso poco sicuro.
WIDMER 5 Partita sottotono, lento e spesso in ritardo
DANILO 5 Nervoso e a volte pericolosamente impreciso. Termina la giornata “baruffando” a bordocampo con gli ultras inferociti.
FELIPE 5.5 Sul raddoppio della Roma ha più di qualche responsabilità. Una gara non alla sua altezza
ADNAN 6 Ha giocato meglio di altre volte, anche se Salah spesso lo ha messo in difficoltà.
BADU 5.5  Una gara di quantità, come fa spesso. Gli manca sempre qualcosina. Kuzmanovic (33′ st) ng.
LODI 6 Qualche buona giocata in una pessima giornata generale. HALLFREDSSON 5.5 Anche lui in difficoltà, non riesce a dare alla squadra la giusta solidità.
EDENILSON 4  Mai in partita, sbaglia lanci, cross e giocate. Zapata (1′ st) 6 Ci mette lo zampino dove può come sul gol di Fernandes. Col suo ingresso l’Udinese gioca la parte migliore della gara.
THEREAU 6 Prova in tutti i modi ad essere pericoloso. Matos (28′ st) ng. FERNANDES 6 Sbaglia molto, realizza un gol inutile per il risultato, ma è sempre nel vivo del gioco.
All. COLANTUONO 5 Mette in campo una squadra per non prenderle, con l’ingresso di Zapata mette in difficoltà la Roma, ma con quello di Matos no.

GAZZETTA DELLO SPORT
KARNEZIS 6 – In 11 minuti si guadagna la giornata su Dzeko, Perotti e un quasi autogol di Widmer. Un’uscita da brivido nel finale.
WIDMER 5,5 – Troppo basso per le sue abitudini.
DANILO 5,5 – Gran recupero su Florenzi, corresponsabile sull’1-0.
FELIPE 5 – Nega il 2-0 a Dzeko, ma l’uscita sull’1-0 è imperfetta.
ADNAN 4,5 – Negli uno contro uno con Salah è quasi terrorizzato.
LODI 6 – Idee non brillanti ma chiare, e qualche buon recupero.
EDENILSON 4,5 – La sorpresa (fallita): lavorare da esterno difensivo non fa per lui.
BADU 5,5 – Per 45′ corre quasi a vuoto, meno rattrappito nella ripresa. (Kuzmanovic s.v.)
HALLFREDSSON 5 – Per coprire Fernandes copre poco su Nainggolan.
FERNANDES 6 – Si chiederà: ma qual’è il mio ruolo? Meno disorientato nella ripresa, al di là del gol (il primo, non segnava da maggio)
THEREAU 6 – Da punta centrale è solo e sperduto; torna lui e sfiora il gol quando, con Zapata, può allargarsi.
MATOS 5,5 – Concede molto a Digne, ma mette in mezzo la palla per il 2-1.
ZAPATA 6 – Non da solo, ma cambia la partita, almeno per un po’. Un palo di testa, la sponda per il gol di Fernandes: si sbatte (anche 5 falli) e il suo lo fa.
COLANTUONO 5 – Interpreti sbagliati per chiudere le fasce, si corregge con Zapata. Thereau acciaccato lo costringe ad un cambio altrimenti assurdo.

MESSAGGERO VENETO
6 KARNEZIS Vola a intercettare quasi a freddo il colpo di testa di Dzeko sul quale prima del quarto d’ora si ritrova davanti senza avere la possibilità di opporsi. Nega il gol a Perotti, nella ripresa blocca le conclusioni dello stesso argentino e di El Shaarawy. Florenzi non gli dà neanche il tempo di tentare l’uscita.
5 WIDMER Primo tempo in bambola. Emblematica l’azione nella quale, in vantaggio su El Shaarawy, si fa spostare dall’avversario offrendogli un pericoloso contropiede. Il fatto che non giocasse da un po’ di tempo è un alibi che regge fino a un certo punto. Un po’ meglio nella ripresa, ma ancora non ci siamo.
5,5 DANILo Non impeccabile nell’azione del primo gol, ma bisogna dare anche merito alla bravura dell’avversario (Salah e il suo assist di tacco). Si prende un’inutile ammonizione per un’entrata da dietro a metacampo su Dzeko. Poi la brutta scena finale sotto la curva.
5,5 FELIPE Anche lui poteva fare qualcosa di meglio nell’azione che sblocca il risultato. Poi piazza un paio di chiusure provvidenziali una su El Shaarawy e una su Dzeko. Sorpreso dal controlla a seguire di Florenzi che lo taglia fuori in un lampo nell’azione del raddoppio giallorosso.
5 ADNAN Sul piano dell’impegno è uno di quelli più apprezzabili, poi con avversari di livello vengono come sempre inevitabilmente a galla i suoi limiti tecnici e tattici. Sbaglia quasi tutti i cross, nell’uno contro uno Salah lo mette in difficoltà, ma meno di quanto si potesse immaginare.
5,5 BADU Alla fine viene preferito a Kuzmanovic perchè evidentemente Colantuono non se la sente di rinunciare alla sua dinamicità, soprattutto per cercare di ribaltare ogni tanto l’azione. Come Adnan, niente da dire sul piano dell’impegno, da applausi un suo recupero a inizio difesa su Salah, ma quando si tratta di effettuare un paio di passaggi lunghi sono dolori.
6 LODI Nel primo tempo è suo l’unico tiro dell’Udinese nello specchio della porta giallorossa. Niente di clamoroso, ma almeno ci prova. Non gioca sui livelli del girone d’andata, ma almeno la sua presenza dà un minimo di ordine alla manovra. Ha bisogno di gente molto dinamica ai lati per esprimersi al meglio.
5,5 HALLFREDSSON Si mette in mezzo a fare legna, i risultati, però, non sono confortanti. Da uno dei più esperti ci si aspettava che giocasse con meno paura, invece il pallone tra i piedi scotta anche lui. Meno dosati del solito i suoi traversoni. Non sfigura da esterno in un centrocampo a quattro.
4,5 EDENILSON Fallisce l’esperimento di piazzarlo estero alto. Poca intraprendenza, poca lucidità, poca serenità. Quando si ritrova sulla sinistra tenta un cross di esterno destro ma finisce per “zappare” il terreno e quando WIdmer gli chiede lo scambio lui finisce per ostacolare il compagno. Giustamente sostituito alla fine del primo tempo. Che involuzione rispetto alla stagione nel Genoa.
6 THEREAU Nel primo fa quasi tenerezza vederlo combattere da solo contro la difesa della Roma. Nella ripresa quando si ritrova a fianca Zapata il suo rendimento lievita. Impegna Szczesny, offre una buona palla a Fernandes. Poco prima del raddoppio della Roma viene sostituito.
6 FERNANDES Nel primo tempo sembra l’unico a non avere paura. Il guaio è che deve ripiegare sistematicamente perchè la Roma spinge tanto (è lui che devia la girata di Florenzi destinata in porta). Nella ripresa carica il destro di Thereau, spara in curva il sinistro, poi segna l’1-2.
6 ZAPATA Ancora in ritardo di condizione, ma la sua presenza si fa sentire, eccome. Centra il palo a inizio ripresa ed è sua la sponda vincente per il gol di Fernandes. Squalificato con il Sassuolo.
5 MATOS A sorpresa prende il posto di Thereau e si piazza sulla destra. La prima azione lo vede ripiegare fin dentro l’area di rigore per rincorrere Digne, l’ultima concludere malamente con un destro fiacco e impreciso.
SV KUZMANOVIC In campo per undici minuti compreso il recupero.

IL GAZZETTINO
KARNEZIS 5.5 – Inizialmente se l’è cavata bene,ma non è parso del tutto esente da colpe sui gol.
WIDMER 5.5 – Ha lottato, però il suo primo tempo è stato un concentrato di errori, soprattutto perché mal posizionato nelle azioni più pericolose.È cresciuto nella seconda parte, ma non ci siamo.
DANILO 4.5 – Ha sofferto la fisicità di Dzeko. Nel finale ha commesso l’inutile fallo che ha costretto l’arbitro al giallo. È troppo nervoso e questo suo stato d’animo va avanti da mesi. Doveva evitare il litigio con la Nord.
FELIPE 5.5 – Un lottatore. Ma pure qualche pasticcio di troppo. Sorpreso da Florenzi sul secondo gol, ma bisogna dare il giusto merito al terzino della Roma per la giocata d’autore.
ALI ADNAN 6 – Una delle migliori esibizioni dell’iracheno contro un Salah che di questi tempi mette in difficoltà chiunque. Regge il duello sul campo della velocità, il preferito dal romanista.
BADU 5.5 – Lontano parente del giocatore ammirato nel girone d’andata. Corre molto, soven- te a vuoto. Raramente smista palloni di qualità.
LODI 6 – Nel primo tempo è rimasto a guardare, mentre nella ripresa gli sono riusciti alcuni lanci di precisione. Tra i pochi a impegnare Szczesny.
HALLFREDSSON 5 – Pesce fuor d’acqua. Spesso in ritardo sull’avversario, impreciso più del lecito. Solo nella seconda parte si è un po’ rinfrancato.
EDENILSON 4.5 – Chi l’ha visto? Da attaccante esterno non ha combinato nulla. Un fantasma.
ZAPATA 6 – Entra e coglie il palo di testa. Lotta su ogni pallone con Manolas, mettendola sul piano fisico. Perde alcuni palloni che doveva gestire diversamente, ma è riuscito a fare attacco da solo.
THEREAU 5.5 – Si muove da destra a sinistra, ma incide poco da punta centrale. Nel secondo tempo agisce benino da seconda punta, ma ben presto termina il carburante.
MATOS 6 – La sua velocità ha propiziato il gol dell’1-2, che ha alimentato qualche speranziella.
FERNANDES 6 – Un voto in più per la rete. Però sulla corsia dà l’impressione di essere sacrificato. Dà l’anima, arrendendosi solo al triplice fischio.
COLANTUONO 5 – Nel primo tempo ha mandato in campo una formazione che ha favorito la Roma. Un undici illogico, privo di una punta vera, con Edenilson che non è in grado di agire da (finto) attaccante di fascia. Meno male che la Roma lo ha graziato. Poi ha posto rimedio facendo entrare Zapata e si è vista un’altra Udinese, più pericolosa, anche se sempre pasticciona.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy