Udinese: le pagelle dei quotidiani sportivi e locali

Udinese: le pagelle dei quotidiani sportivi e locali

I voti e i giudizi da parte dei tre quotidiani sportivi e quelli locali

Commenta per primo!

TUTTOSPORT

KARNEZIS 6 – Si supera su Borriello.
WIDMER 5,5 – Troppo alterno. FARAONI 5,5 – Non dà la svolta.
WAGUE 5 – Errori inguardabili, l’anello debole.
DANILO 5 – Incerto in chiusura
ADNAN 5,5 – Non copre bene
FOFANA 6 – Segna, ma poco altro
KUMS 6,5 – Discrete geometrie
JANKTO 6 – Talvolta va fuori giri.
MATOS 6 – Buon movimento. PERICA 5 – Stavolta non è motivato
ZAPATA 5,5 – Chiuso dai centrali. PENARANDA 6 – Con vigoria
THEREAU 6,5 – La tecnica non gli manca
DELNERI 6 – Fase difensiva da registrare.

CORSPORT

PENARANDA 6 – Con un siluro da 20 metri mette paura al Cagliari. Solo la mano di Storari e il palo gli negano la gioia del gol.
THEREAU 6 – E’ capace di accendere la squadra con le sue qualità, ma il colpo decisivo gli resta in canna.
DELNERI 6 – Le prova tutte, ma la poca attenzione difensiva non gli permette di lasciare il Sant’Elia con un risultato positivo.
FARAONI 6 – Prova a dare maggiore verve al reparto offensivo, ma non trova lo spiraglio giusto.
WAGUE 6 – Non rischia niente, ma quando il Cagliari accelera, sono dolori.
ADNAN 6 – Una spina nel fianco sulla sinistra, calcia anche qualche punizione insidiosa.
FOFANA 6 – Trova lo spiraglio giusto per beffare Storari e rimettere la gara in carreggiata.
WIDMER 5,5 – Spinge a destra con una certa continuità e prova a sorprendere Storari che gli dice di no.
DANILO 5,5 – Si rimbocca le maniche e fa la sua parte, anche se partecipa ai patatrack nei due gol rossoblu.
KUMS 5,5 – L’ultimo passaggio è quasi sempre un problema.
JANKTO 5,5 – Spesso va a sbattere su Isla.
MATOS 5,5 – Mette lo zampino nell’azione del pari. Propositivo.
PERICA 5,5 – Sostituisce Matos, ma quasi lo fa rimpiangere.
ZAPATA 5,5 – Si batte come un leone, ma di conclusioni pericolose nello specchio nemmeno l’ombra.
KARNEZIS 5 – Ingenuo in occasione del rigore, che condiziona il risultato finale, si fa parzialmente perdonare ipnotizzando Farias in due occasioni. Bravo a sventare su Borriello nel finale.

GAZZETTA

KARNEZIS 6 – Gara balorda senza colpe particolari. Lasciato senza difesa nell’azione del secondo gol.
WIDMER 5,5 – Buona occasione stoppata da Storari. Spinge poco.
FARAONI 5,5 – Seconda presenza e qualche incertezza. Entra nel momento più problematico.
WAGUE 5 – Impreparato in  più di un’occasione. E un suo erroraccio poteva costare caro a inizio ripresa.
DANILO 5 – In settimana azzoppa 3 compagni, con Borriello è più tenero. E sbaglia molto: 10 passaggi.
ADNAN 5,5 – Preferito a Samir, un paio di cross discreti. Niente di che.
JANKTO 6 – Duella alla pari con Padoin e poi Barella.
KUMS 6,5 – Segue Farias e cerca di limitarlo. Al centro di tutto: 51 passaggi, 6 lanci e 3 contrasti vinti.
FOFANA 6 – Il go, va bene, ma non sembra il talento visto un mese fa.
MATOS 6 – A sorpresa per De Paul, qualche spunto interessante.
PERICA 5,5 – Chiamato a essere più concreto di Zapata: resta ai margini.
ZAPATA 5,5 – Nel primo tempo due colpi di testa senza grandi pretese e un tiro sbucciato: svogliato.
THEREAU IL MIGLIORE 6,5 – Ha segnato 5 gol al Cagliari. Stavolta non si ripete, anche se ci prova all’inizio della partita. Prezioso anche da trequartista nel 4-2-3-1.
PENARANDA 6,5 – Entra subito in partita, sfiora il pari. Interessante.
DELNERI 6 – Prova a cambiare modulo, ma la mossa non riesce. Primo tempo un po’ rinunciatario.

MESSAGGERO VENETO

5,5 KARNEZIS Esce con colpevole ritardo su Farias e a quel punto gli è quasi impossibile evitare il contatto da rigore. Sul cross di Isla forse poteva fare un passo verso il centro del campo per intercettare il pallone. Buon riflesso quando nega a Borriello il pallone del 3-1.
5,5 WIDMER Il meno peggio di una linea difensiva che non riesce a ragionare di reparto. Subito dopo l’1-0 cerca l’assolo di forza e impegna Storari con una conclusione che risulta troppo centrale. Anche lui sta a guardare nell’azione che decide la contesa, poi esce per un colpo al fianco dopo una brutta caduta.
4 WAGUE Spetterebbe a lui accorciare per primo su Farias e quindi è il maliano il primo responsabile del pasticcio difensivo che provoca il rigore. A inizio ripresa si rende protagonista di un assurdo retropassaggio che Farias non sfrutta. Anche lui passivo che più non si può nell’azione del 2-1.
4 DANILO Detto che questa partita non avrebbe dovuto giocarla per quello che aveva combinato in settimana (ma questa è un’altra storia) conferma i soliti difetti. Non impeccabile nell’azione del rigore, fa la statuina sul gol di Sau assieme a tutti gli altri compagni. Diciamolo: a questa difesa manca un leader.
5 ADNAN Inspiegabilmente si ferma quando vede Isla accelerare per andare a prendere il pallone prima che superi la linea bianca. Non sorprendono i limiti in fase difensiva, quelli ci sono e non sarà semplice migliorarli. In fase propositiva qualcosina produce, qualche pallone in area avversaria lo mette, ma non trova mai un compagno pronto all’appuntamento.
6 FOFANA Dopo otto minuti ha la palla per portare in vantaggio l’Udinese ma angola troppo il diagonale. Subito dopo esagera tentando una improbabile conclusione mancina. Nel secondo tempo rimette in partita l’Udinese: finta di sinistro e destro angolato sul palo lungo. Uno di quelli che dimostra di tenerci lottando fino all’ultimo secondo, però pecca ancora di egoismo.
5 KUMS Un passo indietro rispetto alla prestazione con il Napoli. Il belga non riesce a prendere per mano questa squadra e a questo punto dopo dieci partite sulle sue qualità di leadership sorgono dei dubbi. Una domanda: ma a quel punto non era meglio tenersi Kuzmanovic?
6,5 JANKTO Per continuità e per capacità di tenere sempre la testa dentro la partita risulta il migliore dell’Udinese. Il fatto che sia una spanna superiore agli altri un ragazzo di vent’anni deve però far riflettere i senatori. Grintoso, propositivo, le azioni più pericolose dell’Udinese nascono spesso da sua iniziative.
5 MATOS Delneri lo preferisce ancora una volta a De Paul. Dal punto di vista dinamico risulterà sicuramente più utile, ma il brasiliano conferma di essere poco incisivo. Una sola giocata utile: la sponda di testa da cui nasce la rete friulana.
4,5 ZAPATA Spiace dirlo ma ieri l’Udinese ha giocato senza centravanti. Un paio di sponde e poi quel destro svirgolato dopo nemmeno un quarto d’ora che grida vendetta perchè avrebbe potuto far cambiare il corso della gara. Nel secondo tempo finisce schiacciato nella morsa dei difensori del Cagliari e giustamente Delneri lo sostituisce.
6,5 THEREAU Comincia prendendo d’infilata il Cagliari e porgendo a Fofana una palla comoda da calciare in porta. Mette lo zampino nella rete del pareggio con una conclusione respinta che diventa preda di Fofana. Colpisce il palo con un destro da fuori deviato da un difensore.
6 FARAONI Torna in campo dopo una lunga parentesi dovuta a un infortunio al ginocchio e non demerita. Si propone e arriva al cross in almeno tre-quattro occasioni.
5 PERICA Il dodicesimo titolare di Delneri stavolta non porta il suo contributo di vivacità e carica agonistica. Non entra in nessuna azione pericolosa.
6 PENARANDA Un po’ individualista, ma le qualità tecniche non si discutono. Calcia da fuori quasi senza rincorsa e Storari gli devia la conclusione sul palo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy