Udinese: le pagelle dei quotidiani sportivi e locali

Udinese: le pagelle dei quotidiani sportivi e locali

Tutti i voti e i giudizi all’Udinese dopo il ko con la Lazio: si salvano in pochi

Commenta per primo!

TUTTOSPORT

KARNEZIS 6 – Subisce tre gol senza colpe, davvero. E ne evita..
HEURTAUX 4 – Keita e Lukaku lo annientano
DANILO 4,5 – Serata complicata: gli arrivano spesso guai dalla destra e non ha filtro da Badu. Tiene in gioco Keita.
FELIPE 4,5 – Lo condiziona l’ammonizione, comunque in confusione
ALI ADNAN 4 – Perde Immobile sul gol e soffre i dribbling di Felipe Anderson
BADU 5 – Ruba l’occhio con una discesa a fine primo tempo, ma per il resto è indisciplinato e corre poco. JANKTO – S.V.
KUMS 5 – Buona tecnica ma poco ritmo e intensità. Perde troppo spesso la misura dei passaggi.
KONE 5 – Poco mobile e ancor meno coordinato. Perde un mare di palloni.
DE PAUL 5 – Galleggia tra le linee, ma è un gingillo inutile sia per la sua timidezza, sia perchè i compagni lo cercano poco.
PENARANDA 6 – Cerca di accelerare i tempi, se non altro.
ZAPATA 5 – Zero palloni giocabili, tanta frustrazione.
PERICA 5,5 – Lo si vede al 22′ e al 28′ per due pericolosi colpi di testa. Due azioni che lo svegliano. Prima, però, non aveva combinato proprio niente.
IACHINI 4 – Squadra lenta in difesa, confusa e slegata in mezzo. Le uniche occasioni arrivano sul 3-0: c’è molto che non va.

CORSPORT

PERICA 6,5 – Tutta colpa di Strakosha se non ha segnato. Due colpi a botta sicura, i miracoli dei portieri.
BADU 6 – Bravo a scappare alle marcature iniziali, il più incline agli inserimenti, poi si è spento.
KONE 5,5 – Un tiro-cross in partenza, troppo remissivo nel prosieguo. Dov’è finito?
KUMS 5,5 – Ha costruito e ha annaspato, sprazzi brillanti e approssimazioni.
DANILO 5,5 – Ha provato a tamponare, non ha mai lesinato soccorsi, è crollato quando si è trovato da solo contro tutti.
KARNEZIS 5 – Di sasso sulla parabola di Immobile, disperato in uscita su Keita, s’è arreso dopo il tris.
FELIPE 5 – Se l’è vista con il Felipe della Lazio senza mai acchiapparlo, gli è scappato irreparabilmente.
ADNAN 5 – Perde la marcatura di Immobile sull’angolo del gol. Troppo arretrato, troppo schiacciato, è sprofondato.
DE PAUL 5 – Si è appiccicato a Parolo per non farlo respirare, s’è perso rispettando (troppo) la consegna.
PENARANDA 5 – Quando è entrato, l’Udinese era già all’angolo, mai pericoloso.
ZAPATA 5 – Impalato, circondato, scoraggiato e scoraggiante, si è perso nella morsa di De Vrij e Hoedt.
IACHINI 5 – L’Udinese non c’è, ieri è mancata in tutto.
HEURTAUX 4,5 – Ha perso tutti i duelli con Keita, ha sfigurato per 90 minuti.

GAZZETTA

KARNEZIS 5,5 – Poco reattivo sul gol di Keita.
HEURTAUX 4 – Subito in difficoltà contro Keita. Sempre puntato e sempre saltato.
DANILO 5 – Tiene in gioco Keita nel gol del 2-0 e sbanda troppe volte.
FELIPE 5,5 – Balla meno degli altri, ma non riesce a chiudere le falle.
ALI ADNAN 4,5 – Non spinge quasi mai e dietro si addormenta sull’angolo dell’1-0 perdendosi Immobile.
BADU 4 – Rientra dopo lo stop per infortunio, ma non è pronto. Manca la consueta vigoria. JANKTO S.V
KUMS 6 – L’ultimo dei problemi dell’Udinese è lui: sa giocare a calcio, prova a guidare i compagni, ma è un’impresa disperata.
KONE 5 – Non riesce a dare qualità perchè entra nel gioco solo raramente.
DE PAUL 4,5 – Veneziano doc, non la passa mai. VIsta la mancanza di gioco, può sembrare una buona idea affidarsi al dribbling, ma a due condizioni: che riescano e che producano qualcosa.
PERICA 6 – Tira tre volte e non è poco. Avrebbe potuto fare gol di testa a inizio ripresa, ma Strakosha è stato più bravo di lui.
PENARANDA 5 – Meno male che ha i capelli così biondi, altrimenti non si sarebbe notato il suo ingresso.
IACHINI 4 – La squadra va ripensata, lo dicono i risultati, m soprattutto il (non) gioco. Situazione preoccupante.

IL GAZZETTINO
KARNEZIS 5 – Poteva fare di più sulla conclusione di Keita. Incolpevole sugli altri due gol.
HEURTAUX 5 – Quanta fatica a tenere a bada Keita che sovente lo ha messo in difficoltà con la sua vivacità, con le sue finte e controfinte. Non ci siamo ancora.
DANILO 5,5 – Nemmeno lui se l’è cavata. Ha ballato oltre il lecito pur segnalandosi in un paio di recuperi.
FELIPE 5 – Doveva chiudere anche per Ali Adnan. Alla fine è andato in confusione.
ALI ADNAN 4,5 – Non c’è proprio. Difende male, raramente affonda i colpi. Sbiadito anche nei pochi cross effettuati.
BADU 4 – Mai in partita anche se ha corso molto.
(33’st JANKTO sv)
KUMS 5 – Anche lui maluccio. Ha sbagliato qualche appoggio di troppo, fragile nel opporsi alle puntate dei centrocampisti laziali.
KONE 5 – Grintoso, ma sovente ha corso a vuoto. È tornato il Kone visto un anno fa prima di essere ceduto.
DE PAUL 6 – Ha iniziato bene con un paio di accelerazioni. Sfortunato in una conclusione dal limite, poi è calato vistosamente.
(18’st PENARANDA 5 – Molto fumo).
PERICA 6,5 – Il migliore dei bianconeri. L’unico che si è battuto sino alla fine e che ha sfiorato due volte il bersaglio.
ZAPATA 5,5 – Difficilmente poteva fare di più chiuso nella morsa difensiva della Lazio.
IACHINI 4 – Ha voluto insistere su Ali Adnan che di questi tempi è in confusione, non abbiamo compreso poi l’utilizzo di Badu, non al meglio della condizione fisica. Se l’Udinese è parsa priva di mordente, senza idee, fragile psicologicamente è colpa anche sua.

MESSAGGERO VENETO
5,5 KARNEZIS Gli unici palloni che tocca sono quelli che deve raccogliere in fondo al sacco. Una serata da incubo o quasi. Meno incolpevole dei compagni che gli stanno davanti ma in una serata come questa nessuno si può salvare. 4 HEURTAUX Keita quando lo punta gli fa venire i sorci verdi. È vero che l’attaccante della Lazio mette in difficoltà tanti difensori, ma lui lo soffre troppo. Prende un cartellino giallo molto severo, gliene viene risparmiato un secondo. E nell’azione dello 0-3 si propone in versione statuina. 4,5 DANILO È il capitano di una squadra che fa acqua da tutte le parti. La sensazione è che non riesca a dare quello che vorrebbe. Il centrocampo protegge poco la retroguardia e lui non riesce a rimediare. Colpevolmente passivo nell’azione del terzo gol. 5 FELIPE Sorpreso dal taglio di Keita nell’azione del raddoppio. È l’errore più evidente di una prestazione nella quale ha messo insieme tante altre piccole incertezze, segno evidente che non è tranquillo. Ammonito, entrerà in diffida. 4 ADNAN Dopo le ultime prestazioni che sono costate tre gol, mandarlo in campo è al limite dell’autolesionismo. Guarda caso in marcatura su Immobile che incorna di testa a pochi passi dalla porta c’è proprio lui. Ed è quello l’episodio spartiacque della partita. In fase difensiva continua a registrare le solite incertezze, davanti incide poco. Suo, comunque, il cross di destro per la pericolosa incornata di Perica. 4 BADU Termina il primo tempo con una serpentita, peccato che non riesca a concludere con precisione. Fino a quel momento era sembrato spaesato e fuori condizione. Del resto non si è allenato mai a pieno regime negli ultimi otto giorni e dopo mezz’ora avrebbe dovuto essere sostituito. Invece rimane in campo. Incomprensibile. 4,5 KUMS Comincia con il piglio giusto. È propositivo, poi, però, va in difficoltà perchè le due mezzali in fase di non possesso lo lasciano troppo solo. Come a Sassuolo perde due palloni pericolosissimi al limite dell’area di rigore. Sembra in difficoltà anche dal punto di vista atletico. 4 KONE Ogni volta che entra in possesso di palla invece di girarsi verso la porta avversaria rientra verso la metacampo. Sulla carta dovrebbe essere tra i più esperti e intraprendenti e invece non combina niente di buono. A parziale discolpa, ormai non ha le caratteristiche per fare la mezzala in un centrocampo a tre. 5 DE PAUL Una penetrazione centrale conclusa con un destro di poco fuori, ma per vederlo saltare l’uomo deve spostarsi sulla fascia. E da esterno che dovrebbe essere impiegato ma Iachini la pensa diversamente. Come a Sassuolo è il primo a essere sostituito, ma c’era chi meritava di uscire molto più di lui. Sfruttato male. 5 ZAPATA È lui che non sale e tiene in posizione regolare Immobile in occasione del primo gol. Più attaccante di fascia che centravanti. Sul piano dell’impegno niente da dire, ma impiegato così finisce per stare troppo lontano dalla porta, sprecando energie inutili. E infatti il serbatoio dopo un’ora di gioco è quasi vuoto. 5,5 PERICA Poco coinvolto e poco coinvolgente rispetto alla gara con la Fiorentina. Aveva tolto le castagne in un paio di gare (Milan e Fiorentina), stavolta non gli riesce il miracolo. Però nel secondo tempo è l’unico che lotta con il coltello tra i denti e infatti le due occasioni in chiama alla parata importante Strakosha sono suoi. L’unico bianconero che si prende qualche applauso. 4,5 PEñARENDA Sullo 0-2 Iachini decide di mandarlo in campo. Non fa in tempo a metterlo dentro che arriva il terzo gol. Nessuno spunto, anche perchè gli spazi sono quello che sono. Trotterella per il campo in attesa del fischio finale. Quando viene gettato nella mischia deve avere lo spirito da operaio non da prima donna. A 19 anni non può sentirsi già arrivato. SV JANKTO Prende il posto di Badu quando ormai i buoi sono tutti scappati. Non ci sembra proprio il caso di giudicare un ragazzo di vent’anni che entra a partita finita.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy