Udinese: le pagelle e i voti dei quotidiani nazionali e locali

Udinese: le pagelle e i voti dei quotidiani nazionali e locali

Tutti i giudizi all’Udinese dopo il 5-1 incassato con il Torino: insufficienze per tutti

Commenta per primo!

Tutti i voti e le pagelle all’Udinese dopo il ko con il Torino da parte dei tre quotidiani sportivi e dei due locali.

GAZZETTA

KARNEZIS 5,5 – Non ha colpe particolari, tradito dalla difesa.
HEURTAUX 4 – Si riprende il posto togliendolo a Wague, ma è un vero disastro. Instabile.
DANILO 4 – Male sul primo gol: lascia saltare Jansson. Malissimo sul terzo: Martinez fa quel che vuole.
FELIPE 4,5 – Mezzo voto in più per il gol, mezzo in meno per l’inutilissimo giallo che gli farà saltare la prossima.
EDENILSON 5 – Non tiene Peres, non imposta. Inutile.
PERICA 5,5 – Entra nel momento peggiore. In fondo, il meno colpevole.
BADU 5 – Mezzala poi esterno con Hallfredsson, poi mezzala. Confusionario. Scusante: è reduce dal mal di schiena.
KUZMANOVIC 6 – Per i primi 20 minuti galleggia a metà campo cercando di capire cosa fare e dove andare. Prova a frenare Vives, chiude con 51 passaggi positivi.
FERNANDES 5 – Stavolta è irriconoscibile.
PIRIS 5,5 – Va a fare l’esterno destro, ma resta ai margini.
ADNAN 5 – Un’infinità di errori. Chiude con 17 palle perse.
MATOS 4,5 – Non giocava una partita intera dal 13 dicembre, si mangia un gol incredibile.
HALLFREDSSON 5,5 – Islandesone in cerca di spazio e di serenità. Com’è lontana Verona.
THEREAU 5 – Un ectoplasma, la copia sbiadita di se stesso.
DE CANIO 5 – Vistoso e rumoroso passo indietro. Squadra da raddrizzare, e in tempi brevi.

CORRIERE DELLO SPORT
Karnezis5   Heurtaux5   Danilo5   Felipe6   Edenilson4   Badu5   Kuzmanovic5   (17’ st Hallfredsson)5  Fernandes5,5   (30’ st Piris)sv   Ali Adnan4,5   Thereau5   Matos4   (17’ st Perica)5   All.: De Canio4

TUTTOSPORT
KARNEZIS 5.5 Il greco non può far nulla sui gol. Però ne becca 5.
HEURTAUX 5 Il francese fisicato patisce la verve di Belotti e Martinez.
DANILO 5 Troppo lento e compassato, timorosissimo.
FELIPE 5.5 Pure lui non offre solidità. Ha il merito del gol della bandiera, di testa.
EDENILSON 4.5 Il brasiliano schierato sulla corsia di Peres in un centrocampo a 4 perde nettamente il duello sudamericano. Halfredsson (17′ st) ng
BADU 4.5 Il ghanese pare la bruttissima copia della mezzala capace di accelerare e fare paura palla al piede.
KUZMANOVIC 4.5 Lo svizzero ha nella posizione a la qualità migliore, ma i suoi compagni passeggiano per cui non sa mai cosa fare del pallone.
ADNAN 4.5 L’iracheno non si trova a proprio agio come esterno della mediana a 4: ingolfato nelle gambe e nella testa.
BRUNO FERNANDES 4.5 Il portoghese gioca dietro le due punte ma il verbo “gioca” è eccessivo. Svuotato di idee ed energia.
THEREAU 4 Ok, riceve pochi palloni ma quanti ne va a cercare e soprattutto perché non pressa mai i difensori?
MATOS 4 Come il francese, con il neo dell’occasione in apertura in cui non devia con forza sottoporta una palla vagante e pericolosa. Perica (17′ st) 6 Più deciso ma non assistito.

ALL. DE CANIO 4  Se una squadra che deve fare punti per salvarsi gioca con questa intensità bisogna farsi tantissime domande. Forse troppe…

MESSAGGERO VENETO
5 KARNEZIS Cinque come i palloni che deve raccogliere in fondo al sacco. Non pare avere responsabilità su nessuno dei gol che subisce, però non sfodera nemmeno un miracolo. Dopo 2’ si è fatto male nel contrasto con Martinez ed è evidente che non fosse al meglio.
4,5 HEURTAUX All’inizio balla tra Martinez e Bruno Peres che si fa gioco con troppa facilità di Edenilson. Nella ripresa il copione non cambia. In difficoltà anche da un punto di vista psicologico come confermano i tanti passaggi sbagliati. Cerca di scrollarsi di dosso la paura con un assolo che però conclude con un destro in curva sud.
4 DANILO Un giocatore della sua esperienza che nella gara decisiva della stagione “sfodera” una prestazione del genere fa pensare male. Alla vigilia si era rifiutato di partecipare alla conferenza stampa con De Canio, Di Natale e Kuzmanovic, ieri ha disputato la sua peggior partita in bianconero. Si fa anticipare da Jansson nell’azione del primo gol, assente sugli altri, innesca il bis di Martinez.
5 FELIPE É stato l’attaccante più pericoloso dell’Udinese. Segna di testa il gol della speranza, e poi con una girata di destro sfiora la doppietta a partita già decisa. Però di mestiere fa il difensore e dietro ha commesso tanti errori come tutti. Insolitamente impreciso anche negli appoggi. E poi sul 5-1 la sciocchezza di prendersi un giallo che gli farà saltare l’Atalanta.
4 EDENILSON Stavolta non c’è nemmeno l’alibi del ruolo per giustificare una prestazione che è anche difficile definire. L’unica cosa buona della sua partita è il tiro-cross con il quale offre a Matos la palla del vantaggio, poi ne combina di tutti i colori facendosi prender d’infilata da Bruno Peres. Imbarazzante il modo in cui affronta da ultimo uomo Belotti che lo punta in velocità. É una delle delusioni più cocenti di questa stagione.
4,5 BADU Se anche lui non ci mette un minimo di carica agonistica allora è la fine. L’episodio che più lo condanna è quello del 2-0 quando resta a guardare Acquah che se ne va a segnare il gol del 2-0. Sempre assente nelle azioni in cui il Toro se ne va in contropiede.
5 KUZMANOVIC Forse l’unico bianconero che non abbia giocato con paura. Nel primo tempo cerca di dare il buon esempio andando a mordere le caviglie degli avversari, a un certo punto non sa se andare a pressare Vives o Jansson. Nel secondo tempo crolla anche lui. Era in diffida e nel finale molla la presa per non incorrere nell’ammonizione che gli avrebbe fatto saltare la partita con l’Atalanta.
5 BRUNO FERNANDES Nei primi minuti sembra il bianconero più ispirato. É lui che fa partire l’azione da gol fallita poi da Matos, a inizio ripresa è lui a recapitare sulla testa di Felipe il pallone dell’1-2. Fino al 3-1 cerca di ispirare la manovra arretrando quasi in cabina di regia poi si arrende. Misteriosa la sostituzione con Piris.
4 ADNAN Un bel cross preda di Padelli e poi una serie di nefandezze in fase difensiva da far rabbrividire. Anticipato da Belotti nell’azione del gol annullato che era regolare, lasciato sul posto da Acquah che segna lo 0-2, in ritardo sulla progressione di Belotti. Basta e avanza per finire dietro la lavagna.
4 MATOS Le partite si decidono spesso sugli episodi. Quella di ieri è sicuramente girata quando dopo 7’ non riesce a mettere in porta da pochi passi il tiro-cross di Adnan. Da quel momento entra in depressione e non ne combina una giusta. A posteriori si può dire che la scelta di schierarlo titolare non sia stata azzeccata.
5 THEREAU Fin dall’inizio non riesce a entrare in partita. La sensazione è che risenta della mancanza di Zapata. Per un tempo fa praticamente scena muta, lo si vede una sola volta a un quart’ d’ora dalla fine con una spettacolare girata preda di Padelli.
5 pERICA Entra quando la gara è compromessa. Non riesce a rendersi pericoloso, ma onestamente la situazione era pesantissima.
5 HALLFREDSSON Per lui vale lo stesso discorso fatto per Perica. Si piazza sul centro sinistra e in un paio di occasioni si allarga cercando il cross.
sv PIRIS Entra nel finale al posto di Fernandes quando la partita non ha più niente da dire.

IL GAZZETTINO
KARNEZIS 5 – Cinque gol sono decisamente troppi, ma non ha colpe specifiche.
HEURTAUX 5 – Impreciso, lento. Si è fatto dribblare da Martinez come uno sprovveduto nel terzo gol.
DANILO 5 – Una delle peggiori esibizioni.
FELIPE 6 – Il migliore o il meno peggio, se non altro per lo splendido gol che ha illuso. Poi ha sfiorato nuovamente il bersaglio. Nel finale però poteva risparmiarsi l’ammoni- zione che lo costringerà a saltare Bergamo.
EDENILSON 4 – Il peggiore. Inconcludente, spaesato. L’unica giocata degna di nota è il passaggio smarcante a Matos al 7′ che il brasiliano ha maldestramente sciupato.
HALLFREDSSON 5 – Il solito: tanta confusione.
BADU 5 – Sovente in difficoltà nel pressare Acquah. Non si contano gli errori nei passaggio
KUZMANOVIC 5 – Ha lottato come sempre. Ma ha sbagliato più di sempre.
FERNANDES 5.5 – A corrente alter- nata, genio e sregolatezza. Ma nemme- no lui c’era con la testa.
ALI ADNAN 4.5 – Se contro la Fioren- tina aveva costituito una piacevole sorpresa, ieri è tornato sui livelli d’ini- zio campionato: molto scadenti. Nella fase difensiva evidenzia notevoli limiti.
THEREAU 5 – Ha patito oltre il lecito la mancanza di una vera punta centra- le. Pressoché inesistente nel primo tempo, mentre nella ripresa si è segna- lato per un paio di giocate alla Thereau, tra cui un tiro al volo sventato da Padelli.
MATOS 4 – Poverino. Ha sbagliato subito un gol facile, poi ha perso la tramontana. Mai si è liberato dell’avversa- rio, mai è andato in profondità.
PERICA 5 – Quando è entrato ormai il match era deciso. L’Udinese aveva tirato i remi in barca, ma in ogni caso era lecito pretendere dal croato un apporto migliore.
DE CANIO 4 – Non ha saputo preparare a dovere la squadra sotto il profilo mentale. Ha sbagliato pure nella scelta di Matos terminale della manovra.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy