Corsport: Thereau il guastafeste

Corsport: Thereau il guastafeste

Il commento del Corsport alla gara tra Verona e Udinese

Ti aspetti Totò Di Natale, che con il Verona ha un conto aperto, invece è Théréau a mettere a nudo i limiti dei gialloblu. Che, ancora una volta, rimandano i primi tre punti della stagione. Terza rimonta di seguito, come se non bastasse: l’Udinese reagisce con chi il Bentegodi lo conosce bene, avendoci giocato quattro anni con la maglia del Chievo. Théréau, appunto, che segna e non esulta probabilmente in risposta all’esclusione di giornata. Che Colantuono motiva come scelta tecnica: puntare su Bruno Fernandes non sembra sbagliato, al netto di questi novanta minuti, anche se è il francese che toglie le castagne dal fuoco per i friulani. 

(…) RISCOSSA BIANCONERA. Nell’Udinese fiducia a Marquinho, uno che al Verona – due anni fa – ha provato a fare la sua parte. Ma la partita del brasiliano è in chiaroscuro, anche se i friulani riemergono. Thereau in cinque minuti combina più che tutta la squadra di Colantuono nel primo tempo: un paio di conclusioni che fanno tremare Rafael, come a lasciar presagire il pericolo. In effetti il pareggio arriva al tramonto della partita, anche se il portiere del Verona, insieme a Helander e Pisano favoriscono l’appoggio di Théréau. Wague irruento nell’azione del rigore, nel secondo tempo rischia un paio di volte anche il secondo giallo. Nel momento di rischiare – in effetti Colantuono sceglie di affidarsi al 3-4-3 inserendo Perica – i bianconeri hanno attentato alla porta gialloblu solo con una punizione di Lodi (Rafael sventa in tuffo). 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy