Gazzetta: Lazio senza Biglia: il cervello è Murgia. Udinese in allarme

Gazzetta: Lazio senza Biglia: il cervello è Murgia. Udinese in allarme

Nel 2017 l’Udinese ha preso appena 4 punti in 7 partite. É vero che la classifica è tranquilla, ma urge un’inversione di tendenza.

Commenta per primo!

La presentazione della Gazzetta alla sfida dell’Olimpico.

Allo sprint per il posto di Lucas Biglia. Alessandro Murgia è scattato in vantaggio nella volata con Marco Parolo per sostituire l’argentino squalificato. Il rebus di Simone Inzaghi verso la gara interna con l’Udinese sembra orientarsi a favore del 20enne romano, ex Primavera. La regia della Lazio oggi pomeriggio toccherà a lui. Almeno secondo le indicazioni della rifinitura di ieri, quando Parolo è stato riportato sulla destra della mediana. «Murgia è in crescita. Contro l’Inter ha giocato con personalità. Lo conosco bene, ha grandi qualità, può fare la mezzala o il vertice basso. Se giocherà dall’inizio, uno tra Parolo e Milinkovic riposerà…», spiega Inzaghi. Murgia ha superato l’esame da titolare a San Siro in Coppa. In campionato ha 8 presenze (e un gol) da subentrato: oggi sarà la sua prima dall’inizio in A. Ma la soluzione Parolo in regia può spuntare nel corso della gara, scambiando i compiti con Murgia. L’azzurro è in vantaggio su Milinkovic. Parolo ha già agito da vice Biglia: anche all’andata con l’Udinese. Play pure in Nazionale: all’Europeo con la Germania. Restando sulla destra, può però garantire un sbocco in più a rete per le sue capacità di inserimento. 

esigenze C’è un’emorragia da tamponare. Nel 2017 l’Udinese ha preso appena 4 punti in 7 partite. É vero che la classifica è tranquilla, ma urge un’inversione di tendenza. «Affrontiamo una formazione veloce, fisica che cerca spesso l’uno contro uno sugli esterni – l’identikit che Delneri fa della Lazio – noi dovremo affrontarla da squadra per guadagnarci la pagnotta». Delneri, privo degli squalificati Hallfredsson e Del Paul (pronti Kums e Matos), si porta il dubbio Felipe (affaticamento muscolare). «Abbiamo perso qualche partita ultimamente – la difesa del tecnico –, ma le prestazioni non sono state così negative. I fischi con il Sassuolo ci stavano, ma i miei giocatori meritano rispetto perché in campo danno sempre tutto».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy