Gazzetta: L’Udinese è disperata. E da oggi torna in ritiro a oltranza

Gazzetta: L’Udinese è disperata. E da oggi torna in ritiro a oltranza

La situazione dell’Udinese descritta sulle pagine della Gazzetta dello Sport: ritiro a oltranza se non si fa punti con la Roma, Colantuono monitorato, squadra disorientata

Commenta per primo!

Anche sulla Gazzetta ampio spazio alla crisi Udinese con il ritiro scelto dalla società per sperare di invertire la rotta con la Roma.

Mancava solo questa: l’Udinese torna in ritiro. E stavolta sarà a oltranza: nel senso che se si perde male domenica non si va a dormire a casa.
(…) Di sicuro il ritiro innervosisce, non unisce una squadra che non è un gruppo, scombussola i piani familiari (perché anche i calciatori hanno mogli e figli e problematiche uguali a quelle di tutti) e, a questo punto non dà neppure questa scossa così forte. 
DISPERAZIONE Ma la società non sa più a che santo votarsi. E chissà quanto spende in alberghi… Ha pensato addirittura ai premi partita e a Frosinone è stata tradita dalla pessima prestazione. Il club monitora Colantuono al quale è rimasto un solo avvocato difensore: Gino Pozzo. Gianpaolo (che interviene direttamente su Udinese tv) lo ha delegittimato, i tifosi (in fermento) pure. Il vero feeling non è mai scattato anche per le restrizioni imposte (pure ieri allenamento oscurato). La squadra non ha una posizione fissa. E’ disorientata. (…) Di sicuro il tecnico, forte di un altro anno di contratto, non vuole rinunciare ai suoi soldi. Calori, molto legato ai vecchi italiani, sogna l’Udinese (e potrebbe allenarla da lunedì se non ci sarà miracolo con la Roma dell’amato Spalletti), ma vuole un altro anno di contratto. Cosa che il club, che deve riprogrammare tutto (piace Pioli), non può garantirgli. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy