Gazzetta: Pozzo crede nel tecnico, Vagheggi forse meno

Gazzetta: Pozzo crede nel tecnico, Vagheggi forse meno

Anche la Gazzetta dello Sport dedica una pagina alle panchine bollenti in A. Sull’intreccio Stramaccioni-Colantuono, la ‘Rosea’ aggiunge particolari importanti:  “Venti giorni fa Gianpaolo Pozzo ci aveva detto con convinzione che Andrea Stramaccioni gli piace e che rimarrà sicuramente sulla panchina dell’Udinese. Potrebbe scapparci il colpo di scena. (…) Tra le parti ci sarebbero divergenze di vedute, programmi che non coincidono. Strama, abituato a lavorarci con ottimi risultati, vorrebbe un progetto che coinvolga maggiormente i giovani e qualche rinforzo di qualità (Quagliarella?), il club vuole tenere invece come protagonisti i senatori, Domizzi e Di Natale (…). I vertici del club e Stramaccioni si parleranno ancora alla vigilia dell’ultima partita di Cagliari cercando la soluzione migliore. Patron Pozzo crede nel tecnico, il procuratore Claudio Vagheggi, molto vicino al figlio Gino e molto ascoltato in sede, forse un po’ meno. Vagheggi lamenta la mancata valorizzazione di alcuni suoi giocatori, quali Guillerme e Perica”. 

La Gazzetta parla anche di Colantuono che piace anche al Cagliari: “Tommaso Giulini, il giovane presidente che si è scontrato con la dura realtà di un mondo difficile, ha il pallino di Paolo Montero. Ma sa che occorre un uomo navigato che sappia ricreare entusiasmo, stimoli e motivazioni. La scelta iniziale sarebbe caduta su Stefano Colantuono (che ha altri due anni di contratto con l’Atalanta, ma si libererà. E’ ancora in ballo col calcioscommesse). Il Cola piace. Ma altre piste vengono seguite: una porta all’attuale tecnico del Vicenza Pasquale Marino.  (…) L’altra a Pierpaolo Bisoli che a Cagliari è già stato nel 2010, ma subì l’influenza dei senatori rossoblù e a novembre fu sollevato da Cellino”.

Intrecci, suggestioni, insomma: a una giornata dal termine della a sembra già esploso il mercato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy