Gazzetta: Sassuolo inarrestabile con i colpi di Defrel L’Udinese si sveglia tardi

Gazzetta: Sassuolo inarrestabile con i colpi di Defrel L’Udinese si sveglia tardi

Senza cinque titolari, Di Francesco passa grazie al francese, in gol per la quarta partita di fila. Ai friulani non basta Perica

Commenta per primo!

L’analisi della Gazzetta alla sconfitta dell’Udinese.

A grande richiesta, il Sassuolo. Più forte di tutto. Della stanchezza, dell’emergenza, dell’Udinese. Leggendo i nomi che compongono la formazione di Di Francesco, è facile immaginare come possa andare a finire in un pomeriggio di grande ispirazione. Guardando poi giocare gli uomini che portano quei nomi, ogni previsione diventa certezza. E alla fine vincono i padroni di casa senza 5 titolari (Berardi, Cannavaro, Duncan, Gazzola e Missiroli) e senza nemmeno Matri e Sensi: con sostanza, cuore, stoffa buona delle seconde linee e pochi lustrini, al cospetto di un rivale che si ridesta solo nel finale colpendo due traverse (deviazione di Antei e testa di Felipe), ma che per gran parte del match appare come una multinazionale senz’anima.

PROGETTO VINCENTE Non hai Berardi e Missiroli? C’è Politano in stato di grazia. Emblema del Sassuolo in cui i giocatori sono intercambiabili: vale più il progetto dei singoli. L’esterno asseconda le sovrapposizioni di Lirola e Peluso, centauri della fascia che «allargano il campo»: piovono cross per i compagni, ben 22 su azione (mai così tanti in A da aprile contro la Samp). Per effetto dell’ennesimo contributo dello spagnolo, Defrel potrà attorcigliarsi nell’area piccola e colpire come un cobra l’Udinese al 34’. L’Udinese sbanda, trova in De Paul un intralcio e non il faro che cercava: Iachini provvede gettando nella mischia Zapata, Perica e infine Ewandro in coincidenza col graduale calo atletico altrui. Ne verrà fuori un finale pirotecnico di marca bianconera: due legni colpiti, un salvataggio sulla linea di Acerbi su Zapata e un gol di Heurtaux a gioco fermo per una spinta di Perica su Antei. Tre episodi che riducono la forbice dei meriti, ma non guastano l’impressione dominante: Sassuolo con grinta, oro delle provinciali, Udinese senza puntualità, limite degli imperfetti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy