Gazzetta: Udinese disperata

Gazzetta: Udinese disperata

Goleada all’ora di pranzo, poi il pareggio dei romani: i nerazzurri tornano padroni del proprio destino, due vittorie e Champions sicura. Per Icardi 28° gol, a 1 da Immobile

di Redazione

LA sintesi del commento della Gazzetta alla gara dell’Udinese.

Dopo l’ora di pranzo, l’Inter ben nutrita dal 4-0 si è sistemata speranzosa di veder ripristinato l’ordine delle sue ambizioni. E quando il pomeriggio ha rimandato il pareggio della Lazio, le ardite teorie aritmetiche di Spalletti sono diventate esatte: «Con 3 vittorie andremo in Champions», aveva detto sabato fra i sorrisini, perché i punti di distacco dal quarto posto erano 4. Ora invece è vero: in virtù dello scontro diretto con i laziali all’ultimo turno, con due successi l’Inter sarà iscritta alla coppa ambita. Una stagione riprende colore: l’Inter si è reimpossessata del suo destino.

 

(…)UDINESE DISPERATA Raggiunta dal Chievo e superata dalla Spal, l’Udinese non sembra in grado di poter puntare su se stessa. Gli ultimi impegni contro il Verona già in B e il Bologna tranquillo, sarebbero alla portata, però servono reazioni o aggressioni che diano fiducia. Si sentono invece insulti, ironie e anche la frustrazione di chi pensa che una retrocessione possa far iniziare la purificazione, cacciando tutti per ripartire da zero. Tudor prova a dare vita al gruppo ordinando marcature a uomo in mezzo, arretrando De Paul tra Fofana e Balic per lanciare meglio Lasagna, ma senza attenuare i continui disastri difensivi, su palle ferme e affini. L’unico applauso di puro sostegno friulano è per il ricordo del terremoto di 42 anni fa, il 6 maggio come ieri. Quando inizia la partita, poi, la solidarietà diventa rabbia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy