Il Gazzettino: Delneri e il Nordest «Udinese in pole»

Il Gazzettino: Delneri e il Nordest «Udinese in pole»

Gigi Delneri inter stato da Il Gazzettino  fa le carte al calcio del Nordest e mette l’Udinese in pole.

Regista dell’Udinese, dal ’78 all’80. Come la vede con Colantuono?
«Ha grinta e personalità, trarrà il massimo dai bianconeri. L’avevo sostituito a Bergamo, quando lui andò a Palermo e all’Atalanta mi presi la soddisfazione di battere Mourinho. Ma ci riuscii anche con Ancelotti e Mancini».
A maggio il Verona ha preceduto di 3 punti il Chievo e di 5 i friulani. Chi vincerà lo speciale campionato di Nordest?
«Sulla carta l’Udinese, perchè inserisce solo Zapata in avanti e Adnan a sinistra. Con il 3-5-2, il gruppo dopo un anno può offrire una resa superiore, a prescindere dal cambio in panchina».
Il Chievo si salverà per la 13^ volta, in serie A?
«Credo di sì. Inserisce gente di spessore e interessante: Gobbi è affidabile, come esterno sinistro, e anche Cacciatore fa il suo a destra. Castro lavora e dà spinta di attacco. Il belga Mpoku deve ancora costruirsi, come ruolo. La rosa offre interscambialità per un gioco intenso».
Chiudiamo con l’altro Nordest.
“Il Vicenza ha un ottimo allenatore, Marino, che pratica un calcio dinamico, e un buon ds, Cristallini. Punto su Mantovani, con me al Chievo, su Manfredini e Brighenti. Deve confermare quanto di buono ha fatto quest’anno. In Lega Pro, il Cittadella riparte da Venturato ma con un budget ridotto. Il Bassano si lamenta per la mancata penalizzazione del Novara, però ha perduto la finale playoff, ora è inutile appellarsi alle regole. Con Sottili e l’ambizioso presidente Rosso magari salirà direttamente in B».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy