Il Gazzettino: Di Natale ha perso il sorriso

Il Gazzettino: Di Natale ha perso il sorriso

La posizione di Di Natale n on è più certa secondo quanto traspare da Il Gazzettino

Commenta per primo!

Apertura de Il Gazzettino riservata alla posizione di Totò Di Natale.

Il successo scaccia crisi a spese della Sampdoria non ha lenito il mal di pancia di Totò, che è l’altra faccia dell’Udinese, quella scura di chi non sta vivendo un felice momento.
Tutti hanno positivamente commentato il successo di domenica, Di Natale invece si trincea dietro «non ho nulla da dire», oppure «non ho voglia di parlare». Il capitano non è tranquillo, gli manca il gol, gli manca anche il minutaggio che sino ad un anno fa gli veniva sempre garantito, oltretutto non va d’amore d’accordo con Colantuono.
Il mal di pancia per il numero dieci continua dunque e si parla sempre più insistentemente di divorzio imminente dall’Udinese (a gennaio) dopo undici anni e mezzo di matrimonio quasi idilliaco caratterizzato da 224 reti tra campionato, Coppa Italia e Coppe europee. Totò è nervoso, forse si rende conto di essere di troppo e reagisce d’istint,o ben sapendo che il suo fraterno amico Fabrizio Corsi, presidente dell’Empoli, è pronto ad accoglierlo a braccia aperte nella convinzione che il bomber nella squadra toscana potrebbe vivere la sua seconda giovinezza.
A Empoli si dà per probabile il suo arrivo. Totò ci sta pensando seriamente, ne ha parlato a più riprese con la proprietà e nessuno si opporrebbe alla sua volontà; più volte i Pozzo negli ultimi anni hanno ribadito che sono disposti ad assecondare il capitano, sia nel caso voglia chiudere anticipatamente l’avventura, sia che chieda di allungarla di un’altra stagione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy