Il Gazzettino: Pozzo suona la carica in vista del Chievo

Il Gazzettino: Pozzo suona la carica in vista del Chievo

Paròn Pozzo al Bruseschi per suonare la carica all’Udinese. Col ‘caso Di anatre’ sempre attuale

Commenta per primo!

Apertura de Il Gazzettino dedicata alla presenza di Paròn Pozzo al Bruseschi per caricare la sua Udinese.

C’era uno spettatore d’eccezione a seguire a bordo campo, seppur per pochi minuti, la seduta tecnica tattica di ieri pomeriggio: il patron Gianpaolo Pozzo che è giunto sul campo 2 del Bruseschi alla guida della propria autovettura, che ha parcheggiato dietro una delle due panchine. Con lui c’era il direttore amministrativo Alberto Rigotto. La presenza di Pozzo è un chiaro segnale che l’azionista di riferimento si attende domani dalla squadra una prestazione ancor più convincente rispetto a quella con la Sampdoria, che potrebbe essere il preludio al successo-rilancio. Se diamo retta alle ultime prestazioni dell’Udinese a partire da metà ottobre, non è utopia ipotizzare il colpaccio al Bentegodi dove non ci sarà Totò Di Natale e non certo perché nella tana del Chievo il bomber partenopeo non ha mai segnato, quanto perché Colantuono gli preferisce Aguirre (oltre che Thereau). Ben che vada il capitano, che anche ieri non si è allenato con il gruppo, andrà in panchina per essere utilizzato in caso di necessità in corso d’opera. È un altro indizio che a gennaio Totò potrebbe salutare tutti e cercare un altro club (non è da escludere all’estero) in grado di garantirgli più fiducia e quindi più spazio rispetto a quanto gli sta offrendo Colantuono, con cui non c’è feeling. È evidente che se prima della sosta natalizia i risultati dessero ragione al tecnico, a Totò non resterebbe altro che preparare la valigia, oppure rimanere in silenzio e mettersi a completa disposizione dell’allenatore di Anzio. (…)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy