Messaggero Veneto: «Abbiamo bisogno dei nostri tifosi»

Messaggero Veneto: «Abbiamo bisogno dei nostri tifosi»

Gerolin chiede aiuto al pubblico e spiega le scelte del club

di Redazione

Dal Messaggero, l’appello di Gerolin al pubblico bianconero:

«Abbiamo bisogno dei nostri tifosi». Il direttore sportivo Manuel Gerolin parte dall’appello al pubblico bianconero per motivare le scelte fatte dalla società e gli obiettivi che ci siamo posti». Sì, perchè l’obiettivo oggi è “solo” quello: la permanenza in serie A. Gerolin, da dove si riparte? «Sono quattro gli elementi fondamentali: l’aiuto dei tifosi, la testa dei giocatori, la determinazione e il lavoro, parolina magica in una squadra di calcio. Sappiamo che c’è da lavorare, ma determinate scelte sono state fatte proprio in questa direzione». Si riferisce a Maxi Lopez? «Anche a lui, ma non solo. Il mix di esperienza e gioventù è sempre stata la ricetta dell’Udinese». L’Udinese per anni ha vissuto di rendita con i gol di Di Natale. Nei due anni in cui avevate preso in prestito Zapata non siete riusciti ad acquistare l’erede di Totò. Questo è quello che vi viene imputato dalla gente. «Noi ci abbiamo provato, ma un’operazione da 25 milioni non è nel dna di questa società. A quel punto l’attaccante preferiamo costruircelo in casa. Abbiamo Perica, Bajic, Matos, Ewandro». Il dg Collavino ha parlato di squadra preparata male da un punto di vista atletico. «I dati dicono che abbiamo corso più delle nostre avversarie. Quindi significa che abbiamo corso male. Siamo qui per porre rimedio». La cessione di Thereau? «Abbiamo preferito rinunciare a un giocatore anarchico e prendere una prima punta classica più funzionale al gioco della squadra».Lei ha chiesto l’aiuto dei tifosi. La risposta degli abbonamenti è stata positiva. «Vero e di questo li ringraziamo. Vi assicuro che la squadra non è sorda alle critiche, ma ha bisogno della gente. Io 36 anni fa segnai un gol-salvezza all’ultimo giorno di campionato e vi assicuro che senza l’aiuto del pubblico quel pallone non sarebbe entrato in porta».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy