Messaggero Veneto: C’è il piano di Nicola contro la Signora

Messaggero Veneto: C’è il piano di Nicola contro la Signora

Squadra corta, diga davanti alla difesa, rapidità davanti
Senza Mandragora la tentazione è presentare subito Sandro

di Redazione

Ecco come descrive la vigilia di Juve-Udinese il Messaggero Veneto.

Reggere l’urto della Juve aspettandola a ridosso dell’area di rigore, cercando di restare corti e con equilibrio tra i reparti per poi andare a esplorare la metà campo avversaria con la massima rapidità e precisione possibile. Usiamo la sintesi, ma in fondo è questa la strategia su cui Davide Nicola ha impostato il lavoro svolto in questa inedita settimana corta, caratterizzata dall’inusuale anticipo (per l’Udinese) al venerdì in casa della corazzata Juventus, che da par suo forse avrà già la testa alla remuntada con l’Atletico Madrid.L’idea su come interpretare la sfida dello Stadium quindi c’è, e pure i moduli visto che nelle ultime prove effettuate, al 3-5-2 pronto a diventare 5-3-2 si è unito anche il 4-1-4-1, ma quello che ancora manca è la certezza della formazione. Già, perché Davide Nicola è condizionato dalle assenze sicure degli infortunati Behrami, Badu, Barak, Samir, D’Alessandro e dello squalificato Mandragora, ma pure dalla non brillante condizione di qualche bianconero, leggi Sandro e Nuytinkc, da gestire col bilancino per motivi diversi.Ecco perché è doveroso passare in rassegna le probabili scelte di un Nicola che ieri è dovuto ricorrere a dieci ragazzi della Primavera per poter effettuare delle prove costruttive a tutto campo. La prima ipotesi di formazione parte da Sandro e ammettiamo che l’esperto brasiliano se la senta di cominciare dall’inizio dopo i 15 minuti finali giocati domenica col Bologna, i primi dopo due mesi di stop dovuti all’infortunio al polpaccio. Allora Nicola partirebbe con Sandro davanti alla difesa in mediana, col rientrante (dopo la squalifica) Fofana come mezzala destra e con Rodrigo De Paul nell’amata sua posizione di centro-sinistra. Il tutto, con Stryger Larsen e Zeegelaar esterni, con De Maio, Ekong e Nuytinck (quest’ultimo stringerà i denti dopo la botta subita domenica scorsa) in difesa e con un tandem d’attacco composto dall’ormai inamovibile Pussetto e Okaka.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy