Messaggero Veneto: Difesa Udinese, si cambia

Messaggero Veneto: Difesa Udinese, si cambia

Serve più attenzione e Delneri confessa: «Sto cercando gli abbinamenti giusti»

Commenta per primo!

Apertura del Messaggero Veneto dedicata alla situazione in difesa all’Udinese.

«Siamo un cantiere: sto cercando gli abbinamenti giusti». Gigi da Aquileia osserva la sua Udinese e medita su pregi e difetti. Così se per l’attacco lavora sull’ultima “tentazione”, quella del doppio ariete (Zapata e Perica in coppia con un Thereau in versione fantasista alle spalle), sull’argomento difesa va con i piedi di piombo. Sa che per crescere l’Udinese deve diventare più impermeabile, ma sa anche che in un mese non si possono fare i miracoli, che gli sforzi sono stati concentrati sull’assenza di gioco, sulla mentalità offensiva, e per questo il “manovratore” non ha potuto oliare i meccanismi difensivi, nè testare a 360 gradi tutti gli abbinamenti possibili nella linea davanti a Karnezis. Conteggi. Sono illuminanti, anche, nel complesso, bisogna tenere presente anche la gestione Iachini. Prendete percò Danilo. Il capitano è un elemento irrinunciabile, sia per Delneri, sia per il tecnico che l’ha preceduto, anche se a livello di interventi davvero risolutori non si è fatto notare in modo deciso. Anzi, molti hanno ancora negli occhi gli svolazzi che ha permesso al granata Adem Ljajic in occasione del definitivo pareggio del Torino, quando Danilo avrebbe dovuto accorciare sul trequartista serbo per impedirgli il tiro. un flash su 990 minuti in campo, tutti quelli disputati dall’Udinese in campionato. Felipe ne ha giocati 90 di meno, quelli dell’esordio a Roma: poi è stato sempre schierato, anche se Gigi nelle ultime uscite ha variato lo spartito all’italo-brasiliano: sfruttando il suo piede forte, il sinistro, l’ha piazzato sulla fascia a interpretare il ruolo di terzino. Alla sua maniera, d’accordo, senza grandi slanci offensivi, ma anche senza clamorosi “buchi”, caratteristica che – ahinoi – era stata un classico delle esibizioni di Ali Adnan e Pablo Armero. Idea. Ecco, proprio la gestione di Felipe fa capire che Delneri ha cominciato a “sgarfare” anche in casa sua nel tentativo di far tornare i conti in difesa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy