Messaggero Veneto: Fiore: «Sarà una Lazio avvelenata»

Messaggero Veneto: Fiore: «Sarà una Lazio avvelenata»

Stefano Fiore è uno dei doppi x di Udinese e Lazio. Al Messaggero Veneto ha raccontato le sue impressioni:

«La Lazio non ha assorbito la delusione per l’eliminazione dal preliminare di Champions, anzi, quel risultato ha scosso un po’ tutto l’ambiente. In una piazza importante come Roma certi risultati te li porti dentro per tanto tempo anche perchè ci si aspettava di approdare alla fase a gironi. Come ha onestamente riconosciuto Pioli, la Lazio non è ancora pronta per certi palcoscenici».
L’argentino (Biglia) e il tedesco (Klose) non ci saranno e anche De Vrij è out… «Stiamo parlando della spina dorsale della squadra, ma credo che dopo la brutta sconfitta con il Chievo, al di là di chi andrà in campo, l’Udinese troverà una Lazio avvelenata, cattiva. La squadra di Pioli difficilmente riuscirà a ripetere il campionato dello scorso anno perchè la concorrenza è più agguerrita, ma una buona stagione la può fare».
E l’Udinese? «Non è cambiata molto rispetto alla passata stagione, il cambio più significativo è stato fatto in panchina dove è stato ingaggiato un allenatore che ha caratteristiche completamente diverse dal suo predecessore. La società sul mercato non ha fatto gli interventi necessari per l’obiettivo europeo. Questa Udinese può aspirare a un torneo tranquillo, sarà più solida rispetto a un anno fa, ma non ha grande qualità tecnica».
A centrocampo manca uno come … Fiore. «Si è deciso di puntare più su giocatori di sostanza che di talento. L’ultimo centrocampista con certe caratteristiche era Pereyra. Ora con questo 3-5-2 si tende a sfruttare le fasce per poi mettere nelle condizioni di finalizzare un giocatore come Zapata che ha una struttura fisica importante».
Le piace il colombiano? «Sì, se riesce a trovare continuità può rivelarsi un elemento interessante».
 Come valuta la cessione di Pinzi? «Si può leggere come un tentativo di “svecchiamento” della squadra, però Giampiero era un giocatore molto utile a livello di spogliatoio. Certo, certe scelte, seppur sofferte, una società prima o poi le deve fare. La Lazio, per esempio, ha rinunciato a Ledesma». 
Fiore, che partita si aspetta di vedere all’Olimpico? «La Lazio partirà sicuramente forte e l’Udinese non dovrà sbagliare l’approccio. Se poi la squadra di Pioli non sbloccherà il risultato i tifosi potrebbero perdere la pazienza e i bianconeri potranno sfruttare il fattore ambientale»

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy