Messaggero Veneto: Harakiri Udinese, addio impresa

Messaggero Veneto: Harakiri Udinese, addio impresa

Il Messaggero Veneto punta l’attenzione sugli errori sotto porta bianconeri: “Con l’Udinese c’era anche il vecchio spettro salentino nel cielo sopra l’Olimpico. Ha volteggiato per un’ora, anche se stavolta la Roma non si giocava lo scudetto come nel lontano 1986, ma solo la possibilità di presentarsi in vantaggio al derby che deciderà la volata Champions. Se ne è andato quando Widmer ha partorito la giocata della partita, un errore da calcio dilettanti che ha vanificato una gara da appalusi per l’Udinese e da brividi per la seconda forza del campionato, l’unica ad aver conquistato 6 punti contro Stramaccioni, anche grazie a quel gol fantasma dell’andata di Astori che ha scippato un pareggio ai bianconeri. Peccato. Due tiri nello specchio, due fuori, una traversa piena e un gol: peccato perché il primo tempo dell’Udinese è praticamente perfetto, non fosse per il pareggio incassato allo scadere, dopo un contropiede che Allan non riesce a verticalizzare per un clamoroso 0-2. (…) Ma nel complesso l’Udinese regge bene: avesse giocato con questo piglio in altre occasioni la classifica adesso sarebbe tutt’altro che balneare. Per questo non può che stupire la compatezza che Stramaccioni è riuscito a dare a un gruppo che da almeno un mese ha perso praticamente tutte le motivazioni a livello di piazzamenti e che dopo avere sbracato contro Parma e Palermo ha fornito comunque delle prestazioni capaci di illuminare la società sul futuro, come aveva chiesto Pozzo dopo aver annusato il vento.

(…) Cala il sipario. Abbracci in campo nella Roma. E una pacca sulla spalla di Widmer. Gli è andata bene…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy