Messaggero Veneto: L’Udinese corre a trazione Badu

Messaggero Veneto: L’Udinese corre a trazione Badu

L’analisi del Messaggero Veneto il giorno dopo la vittoria dell’Udinese sulla Samp.

Il diavolo di Berekum non è uno stregone di una terra bruciata dal sole. Il diavolo di Berekum è l’amuleto al quale l’Udinese quest’anno si può appigliare per allontanare gli abissi della retrocessione: corre, sgomita, segna Emmanuel Badu, anche contro la Samp. Un gol di fondamentale importanza per la classifica dei bianconeri, capaci di esorcizzare così il ritorno doriano (stavolta sulla panchina) di Vincenzo Montella e di prendere al volo il treno di una giornata che vissuta di nuovo sulla banchina della stazione avrebbe avuto un sapore decisamente amaro. Il mucchio selvaggio non è soltanto una mischia in area, il cavallo di battaglia di un telecronista che si disimpegna da anni tra sciabolate morbide e giocate ’ccezzionali. Il mucchio selvaggio sono quei 6 punti che comprendono la bellezza di dieci squadre tra l’ottavo posto della Lazio e il 17º del Bologna, un autentico calderone che racchiude sogni e paure del proletariato, di chi con una-due vittorie vede la coda dell’Europa, laddove altrettante sconfitte possono alimentare il panico per una salvezza che si complica maledattamente.
(…) Dopo l’Udinese del Nino, dopo l’Udinese di Totò, questa sta diventando l’Udinese di Badu: a volte confusionaria, a volte scoraggiante, spesso generosa e garibaldina. Non arriverà mai lassù, ma in fondo deve salvarsi prima possibile, al diavolo. Quello di Berekum. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy