Messaggero veneto: L’Udinese e le fatture per scouting, perquisizioni anche in Spagna

Messaggero veneto: L’Udinese e le fatture per scouting, perquisizioni anche in Spagna

Sospetta evasione fiscale: nel mirino della Guardia di finanza movimentazioni per 40 milioni di euro .Indagato anche il procuratore sportivo Vagheggi. La società bianconera: operazioni lecite e corrette

1 Commento

Nelle pagine di cronaca del Messaggero Veneto spazio anche alla vicenda dell’indagine spagnola sull’Udinese, con il relativo comunicato della società bianconera.

 Fiumi di denaro travasati ogni anno dalle casse dell’Udinese calcio a quelle del Granada e del Watford. Soldi, cioè, che la società bianconera avrebbe preferito non reinvestire sulla piazza friulana, per esempio per l’acquisto di qualche nuovo giocatore, ma trasferire invece agli altri due gioiellini di famiglia – riconducibili alla famiglia Pozzo, ma di fatto fuori dal gruppo, in quanto di proprietà di società con sede rispettivamente negli Emirati Arabi e a Lussemburgo – attraverso l’escamotage delle fatture per “prestazioni a terzi”. Ossia a fronte del pagamento dell’attività di scouting – la ricerca di giovani promesse del pallone – che i due club le avrebbero garantito stagione dopo stagione. Per un totale stimato, per il momento, in una quarantina di milioni di euro in cinque anni. Ecco quel che la Procura ritiene si nasconda dietro le sistematiche movimentazioni finanziarie finite sotto la lente d’ingrandimento della Guardia di finanza di Udine. Ed ecco la ragione per la quale, da mesi, sono in corso le trasferte all’estero dei nostri investigatori. (…)

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. riso68 - 9 mesi fa

    Forse sono io che non capisco, ma da quello che si scrive pare fuori di dubbio che parecchi milioni di euro siano stati trasferiti dalle casse dell’Udinese a quelle del Granada e del Watford.
    La correttezza di queste operazioni è al vaglio della G.d.F.
    Da cittadino italiano mi auguro che siano operazioni fiscalmente lecite e che non sia stato sottratto nulla all’erario.
    Da tifoso dell’Udinese mi balzano agli occhi, ammesso che quanto riportato corrisponda a verità, i 40 milioni che da Udine hanno preso la via della Spagna e dell’Inghilterra, verso le sempre più odiate … sorellastre.
    E’ francamente difficile, da tifoso, non provare riconoscenza verso una dirigenza che in tutti questi anni ha portato l’Udinese a traguardi sportivi insperati e gratificanti, regalandoci anche una casa meravigliosa (il nuovo stadio) in cui poter vivere la nostra passione per i nostri colori.
    E’ altrettanto difficile riuscire a non provare amarezza e delusione di fronte a certe notizie e certe scelte.
    Perché ormai sembra chiaro a tutti che questa holding di famiglia sta privando la nostra Udinese di risorse, umane ed economiche.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy