Messaggero Veneto: Palermo-Udinese in retromarcia

Messaggero Veneto: Palermo-Udinese in retromarcia

Nel 2005 Spalletti calò la cinquina: sulla panchina siciliana siedeva Guidolin quel giorno senza Toni

Commenta per primo!

Apertura sportiva del Messaggero Veneto dedicata alla storia di Palermo-Udinese.

Udinese punti 10, quint’ultima. Palermo punti 6, penultimo. Nove giornate non danno verdetti assoluti, ma sono pur sempre un quarto di campionato e quindi si può pensare che Udinese e Palermo anche quest’anno viaggeranno nelle zone più o meno basse della classifica. Tutta un’altra storia rispetto a qualche anno fa quando Pozzo e Zamparini, dopo essersi scornati ai tempi in cui l’uomo del Mercatone voleva acquistare il club friulano, se le sono date di santa ragione con le loro squadre in lotta per un posto in Europa. Goleade. Bei tempi. Quando Udinese e Palermo veleggiavano nelle zone alte della classifica, alla Favorita avevano spesso la meglio i friulani. E con punteggi altisonanti. Come non ricordare la cinquina che la squadra di Spalletti rifilò a quella allenata allora da Francesco Guidolin? Dopo l’inopinato ko casalingo per mano del Bologna, Pozzo aveva mandato la squadra in ritiro alla Borghesiana. Era il 13 marzo 2005 e la partita si decise già nel primo tempo: doppietta di Di Michele a cui si aggiunge a pochi secondi dall’intervallo il gol di Muntari. Nella ripresa segnarono ancora Di Michele e Iaquinta. Il Palermo, quel giorno, pagò l’assenza del suo centravanti Luca Toni che chiuderà la stagione segnando 20 gol. In quella squadra oltre a lui giocavano altri quattro azzurri che un anno dopo sarebbero diventati campioni del mondo: Zaccardo, Barzagli, Grosso e Barone. Insomma, non era una squadretta qualunque. Ancor più storica, però, rimane la vittoria del 27 febbraio 2011. Palermo 0 Udinese 7 segnò alla fine il tabellone della favorita. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy