Messaggero Veneto: Pozzo ha sotto contratto venti giocatori Under 23

Messaggero Veneto: Pozzo ha sotto contratto venti giocatori Under 23

Se otto diventano elementi da top club saranno affari d’oro per la società

1 Commento

Apertura del Messaggero Veneto con gli under in casa Udinese.

Venti. Tanti sono i giocatori nati dal 1993 in poi che l’Udinese ha attualmente sotto contratto nella sua rosa. Un dato, considerando quella che è stata la storia del club friulano negli ultimi venti anni, che dovrebbe indurre all’ottimismo. Le fortune bianconere sono sempre nate attraverso l’esplosione di giovani calciatori che prima hanno dato il loro consistente contributo in campo e poi sono stati venduti a peso d’oro per sostenere le gestioni sportive e per andare a pescare i loro “successori” in giro per il mondo. Insomma, Gino Pozzo si è messo in casa un bel tesoretto. Quanto frutterà? Confronto. Venti giocatori, sedici stranieri e quattro italiani, ovvero i tre portieri usciti dal settore giovanile (Scuffet, Meret e Perisan) e la punta Rovini, quattro difensori, sette centrocampisti e sei attaccanti. Di questi venti, tredici sono nella rosa messa a disposizione di Iachini, sette sono stati girati in prestito.
(…)  Di questo elenco fanno parte anche giocatori che, a meno di clamorose inversioni di rotta, hanno già avuto e sprecato la loro occasione in Friuli. Il riferimento è al centrocampista svedese Hallberg, attualmente all’Ascoli, all’attaccante uruguayano Aguirre, girato in prestito nel corso dell’estate a il Lugano, l’attaccante Rovini che pescato nell’Empoli, è tornato in Toscana alla Pistoiese. Ancora da valutare la punta bulgara Vutov (classe ’96). Meno noti. E dietro c’è dell’altro? Il primo nome che viene in mente è quello di Panagiotis Armenakas, classe 1998, passaporto australiano, in rosa nella Primavera dal 2014. Su di lui si puntava molto, ma per il momento ha un po’ tradito le aspettative. I 18 anni appena compiuti, però, sono dalla sua parte. E a proposito di diciottenni, attenzione all’attaccante cileno Xavier Santos, in forza al Granada 2. 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. vainmonewat - 11 mesi fa

    Gli under 23 indicati da Gino POZZO sono sicuramente di prospettiva ma in questi tre anni abbiamo visto dei giocatori che in 30 anni della gestione non abbiamo potuto vedere. leggendo i nomi si intuisce del perchè la squadra nelle ultime tre stagioni abbia ottenuto dei risultati inaspettati:
    1) Kelava (portiere);
    2) Naldo (difensore);
    3) Iturra (centrocampista?);
    4) Yebda (centrocampista);
    5) Marquinho (centrocampista);
    6) William (centrocampista);
    7) Guillerme (centrocampista);
    8) Maicosuel (centrocampista/trequartista);
    9) Renegie (attacante);
    10)Harbaoui (attacante);
    11)Geijo (attacante).

    Si tratta di giuocatori (come diceva Silvio) che dovevano far parte dell’ossatura della prima squadra e alcuni di essi dovevano essere i punti di forza della campagna acquisiti.
    Quindi non giovani scommesse ma professionisti capaci di portare esperienza, capacità, tecnica e qualità!
    Ho omesso, essendo un fervente tifoso, di indicare giocatori che attualmente sono nella rosa e che potrebbero ancora vestire la nostra maglia.
    Che formazione! l’unico dubbio che mi viene in mente è questo: in quale campionato potremmo iscrivere una squadra così composta? sicuramente non nella serie A italiana ma viste le varie nazionalità in qualsiasi altro campionato dell’universo calcistico.
    Amaramente, visto la rosa attuale molto giovane e con i tre più forti giocatori in prestito, non possiamo aspirare a qualificazioni Uefa o addirittura Champion. Speriamo che i risultati si possano ottenere tra qualche anno. Intanto nella nostra memoria rimarranno tre anni di brutto calcio e di errori da parte di tutti. Gli unici esenti sono i tifosi sempre legati alla loro bandiera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy