Messaggero Veneto: Real Udinese

Messaggero Veneto: Real Udinese

La sblocca Rodrigo, il Var annulla il 2-0: finale in trincea
Senza Lasagna (infortunio) Nicola parte col piede giusto

di Redazione

Il commento delMessaggero Veneto alla vittoria dell’Udinese.

” Davide e Golia. A volte succede di riuscire ad abbattere un gigante con la fionda. È anche la storia di Davide Nicola contro la Roma, magari distratta dalla Champions, ma pur sempre una delle big del nostro campionato e non proprio l’avversaria più morbida per cominciare l’avventura sulla panchina dell’Udinese.E invece ha avuto ragione lui, con il suo calcio realista, con quel 3-5-1-1 che profumava tanto di passato e potrebbe essere il futuro, perché se Davide si ritrova senza elastico (Lasagna, vittima dopo gli impegni in Nazionale di un risentimento muscolare che ha consigliato lo staff bianconero a una presenza in panchina) e non si scoraggia, imbastendo un piano tattico credibile, il messaggio all’ambiente va al di là dei preziosi tre punti intascati ieri e assume l’aspetto di due comandamenti da scolpire sulle tavole della corsa alla salvezza. Primo: non regalare gol. Secondo: non desiderare il possesso palla degli altri, perché questo da solo non produce risultati.D’ora in poi Nicola dovrà lavorare su altri capisaldi, per non restare in balia degli avversari per gran parte dei 90 minuti più i sei di recupero, perché 22 tiri della Roma (contro 8 dell’Udinese), 63% di possesso palla, 12 corner a zero, sono numeri che mettono paura visti a priori: difficile vincere sempre concedi troppo agli altri. Per questo – alla romana – a Di Francesco je rodeva parecchio a fine partita, al punto di mettere l’accento sulla filosofia di gioco messa in mostra dall’Udinese. Per questo Nicola ha spinto sul tasto della necessità di alzare l’asticella dei miglioramenti, oltre al baricentro del gioco”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy